Brexit fallout: Galileo si sposta dal Regno Unito alla Spagna

Stampa

Secondo un rapporto stampa, un centro di sicurezza per il sistema satellitare Galileo dell'Unione europea sarà trasferito dal Regno Unito in Spagna a seguito della Brexit.

Un comitato di rappresentanti degli stati membri ha votato a larga maggioranza per approvare la raccomandazione della Commissione europea su Madrid come nuova sede del Centro di monitoraggio della sicurezza di Galileo (GSMC).

Il centro, che non è ancora pienamente operativo, ha un solo membro del personale a tempo pieno a Swanwick, in Inghilterra, ma quando sarà attivo e funzionante a Madrid, il personale dovrebbe arrivare a 30 unità.

Il centro dovrebbe controllare l'accesso al sistema satellitare fornendo un monitoraggio 24 ore su 24 quando il principale centro di sicurezza vicino a Parigi è offline.

La decisione della Commissione europea di spostare il centro in Spagna porterà alla Spagna "vantaggi strategici, sviluppo industriale ad alto valore tecnologico e consolidamento delle conoscenze e tecnologie nazionali nel settore della sicurezza", ha affermato il ministero spagnolo dei lavori pubblici.

La Spagna è stata selezionata su sei paesi, secondo i media spagnoli. Offre le strutture del National Institute of Aerospace Technology (INTA), che appartengono al ministero della difesa e si trovano a Madrid.

Il GSMC è gestito dall'Agenzia del GNSS europeo (GSA) incaricato di supervisionare e intervenire su casi quali minacce alla sicurezza e segnalazioni.

La Spagna ha un altro dei centri fondamentali del programma, il Centro Servizi Loyola de Palacio GNSS, anch'esso situato a Madrid.

Il centro è una delle numerose istituzioni dell'UE che lasciano il Regno Unito a seguito del voto referendario del 2016, tra cui anche l'Agenzia bancaria europea, che si trasferisce a Parigi, e l'Agenzia europea per i medicinali, che si trasferirà ad Amsterdam.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche