itzh-CNenfrdeptrues
AeroVision
3D Target
Harris

Gli incendi boschivi in Puglia nel 2017

5145 gli incedi verificati in Regione Puglia nel periodo dal 15 giugno al 15 settembre 2017, con una media giornaliera di 55 eventi. La Sigea rimarca come l’unica vera tutela dei beni e delle vite umane e animali sia la prevenzione. 

Questi i dati forniti alla Società italiana di geologia ambientale (Sigea) dal lavoro di monitoraggio e censimento degli eventi effettuato a regola d’arte dalla Sezione Protezione civile della Regione Puglia e registrati, dal sistema informatico denominato SINAPSI, in Sala operativa unificata permanente (Soup).

Di questi 5145 incendi verificati il 18 % (923) rientra nella categoria degli incendi che hanno colpito i boschi (nel 2016 la percentuale è stata del 13% con 583 eventi) propriamente detti, il pascolo, la macchia mediterranea e anche il canneto-vegetazione ripariale, il 76% (3918) delle segnalazioni ha coinvolto altre tipologie quali sterpaglia, alberature, colture agrarie, incolti e altro e il 6 % (304) ha rappresentato falsi allarmi. 

Un’estate quella del 2017 che è stata caratterizzata in Puglia da anomalie termiche, con valori superiori alla media, e pluviometriche, è piovuto di meno rispetto alla media storica, fattori questi che hanno inciso considerevolmente sull’andamento degli incendi boschivi.

La “sterpaglia” risulta essere la tipologia più colpita, con ben 2742 incendi e le motivazioni sono ascrivibili alla facilità di innesco che la sterpaglia ha rispetto agli altri combustibili vegetali ma soprattutto anche alla poca prevenzione fatta sui territori pugliesi (pulizia dei cigli stradali, delle banchine e delle cunette stradali).

Relativamente agli incendi boschivi, il cui dato relativo alla superficie media boscata percorsa dal fuoco per incendio è fornito dall’ex Nucleo Ispettivo del Corpo Forestale dello Stato, ora Carabinieri Forestali, il dato, seppur non ancora ufficiale, è di circa 12 (dato da validare) ha per incendio. 

Un andamento giornaliero degli eventi che evidenzia come ormai gli incendi si segnalano già ai primi di giugno, fuori Campagna Aib, e si mantengono costanti per tutti i mesi successivi (luglio e agosto) con i picchi, come per gli altri anni, registrati nel mese di luglio. Nel mese di settembre, anche quest’anno, si è registrato un calo del numero di incendi.  

Anche dal confronto delle medie degli incendi nel 2017 con il periodo 2009/2016 si nota come il numero degli incendi abbia subito un incremento. Se però il confronto viene fatto con gli anni in cui si è avuto un andamento climatico simile il numero degli incendi del 2017 risulta inferiore e questo potrebbe essere dovuto anche al lavoro di pianificazione dei VVF e della Sezione Protezione civile che ormai da diversi anni hanno intensificato le attività di previsione e prevenzione.

E analizzando gli incendi da un punto di vista spaziale, si nota che la provincia più colpita è Lecce (n° 1617), seguita dalla provincia di Foggia (n° 1073), Bari (n° 978), Taranto (n° 831), Brindisi (n° 333) e BAT (n° 313). 

Per misurare la gravità degli interventi gestiti è poi importante analizzare gli interventi suddivisi per codice chiusura dove per codice chiusura si intende il grado di difficoltà incontrato dalle squadre in campo nelle operazioni di spegnimento. Il 21% degli incendi ricade nelle classi di gravità rilevante, rispetto al 2016 sono aumentati gli incendi con più alta gravità (nel 2016 era il 13%). Il restante 79% ricade nelle classi di falso allarme e codice verde.

Dall’analisi degli incendi ricadenti nelle diverse fasce orarie, nel 2017 si nota come siano aumentati gli incendi notturni. 97 gli incendi in cui è stato necessario l’intervento aereo con l’area più colpita che risulta essere la provincia di Foggia. 

 La Sigea ha affrontato la questione legata agli incendi pubblicando un comunicato stampa ripubblicato su GEOmedia lo scorso settembre nel quale aveva ammonito l’aumento del numero di incendi che colpisce direttamente la vegetazione, gli esseri umani e animali, e indirettamente il territorio con conseguenze sulla stabilità dei versanti. 

Per contenere i danni indiretti causati dagli incendi che interferiscono con le dinamiche dei versanti è necessario cartografare, nell’ambito dei singoli bacini idrografici, le aree percorse dal fuoco e, a valle di queste aree non più protette dalla vegetazione, i potenziali elementi a rischio (strade, opere, aree urbanizzate).

Anche per il settore incendi boschivi, come per il dissesto idrogeologico, il rischio sismico, le crisi ambientali quali siccità e inquinamento, l’unica vera tutela dei beni e delle vite umane e animali è la prevenzione, una prevenzione avviata da subito con il monitoraggio e la cura dei boschi e delle foreste che necessita però di investimenti programmatici di governo.

(Fonte: SIGEA)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq64d

li incendi boschivi in Puglia nel 2017, il 18 % del totale

La Sigea rimarca come l’unica vera tutela dei beni e delle vite umane e animali sia la prevenzione

5145 gli incedi verificati in Regione Puglia nel periodo 15 giugno – 15 settembre 2017 con una media giornaliera di 55 eventi.

Questi i dati forniti alla Società italiana di geologia ambientale (Sigea) dal lavoro di monitoraggio e censimento degli eventi effettuato a regola d’arte dalla Sezione Protezione civile della Regione Puglia e registrati, dal sistema informatico denominato SINAPSI, in Sala operativa unificata permanente (Soup).

Di questi 5145 incendi verificati il 18 % (923) rientra nella categoria degli incendi che hanno colpito i boschi (nel 2016 la percentuale è stata del 13% con 583 eventi) propriamente detti, il pascolo, la macchia mediterranea e anche il canneto-vegetazione ripariale, il 76% (3918) delle segnalazioni ha coinvolto altre tipologie quali sterpaglia, alberature, colture agrarie, incolti e altro e il 6 % (304) ha rappresentato falsi allarmi. 

Un’estate quella del 2017 che è stata caratterizzata in Puglia da anomalie termiche, con valori superiori alla media, e pluviometriche, è piovuto di meno rispetto alla media storica, fattori questi che hanno inciso considerevolmente sull’andamento degli incendi boschivi.

La “sterpaglia” risulta essere la tipologia più colpita, con ben 2742 incendi e le motivazioni sono ascrivibili alla facilità di innesco che la sterpaglia ha rispetto agli altri combustibili vegetali ma soprattutto anche alla poca prevenzione fatta sui territori pugliesi (pulizia dei cigli stradali, delle banchine e delle cunette stradali).

Relativamente agli incendi boschivi, il cui dato relativo alla superficie media boscata percorsa dal fuoco per incendio è fornito dall’ex Nucleo Ispettivo del Corpo Forestale dello Stato, ora Carabinieri Forestali, il dato, seppur non ancora ufficiale, è di circa 12 (dato da validare) ha per incendio. 

Un andamento giornaliero degli eventi che evidenzia come ormai gli incendi si segnalano già ai primi di giugno, fuori Campagna Aib, e si mantengono costanti per tutti i mesi successivi (luglio e agosto) con i picchi, come per gli altri anni, registrati nel mese di luglio. Nel mese di settembre, anche quest’anno, si è registrato un calo del numero di incendi.  

Anche dal confronto delle medie degli incendi nel 2017 con il periodo 2009/2016 si nota come il numero degli incendi abbia subito un incremento. Se però il confronto viene fatto con gli anni in cui si è avuto un andamento climatico simile il numero degli incendi del 2017 risulta inferiore e questo potrebbe essere dovuto anche al lavoro di pianificazione dei VVF e della Sezione Protezione civile che ormai da diversi anni hanno intensificato le attività di previsione e prevenzione.

E analizzando gli incendi da un punto di vista spaziale, si nota che la provincia più colpita è Lecce (n° 1617), seguita dalla provincia di Foggia (n° 1073), Bari (n° 978), Taranto (n° 831), Brindisi (n° 333) e BAT (n° 313). 

Per misurare la gravità degli interventi gestiti è poi importante analizzare gli interventi suddivisi per codice chiusura dove per codice chiusura si intende il grado di difficoltà incontrato dalle squadre in campo nelle operazioni di spegnimento. Il 21% degli incendi ricade nelle classi di gravità rilevante, rispetto al 2016 sono aumentati gli incendi con più alta gravità (nel 2016 era il 13%). Il restante 79% ricade nelle classi di falso allarme e codice verde.

Dall’analisi degli incendi ricadenti nelle diverse fasce orarie, nel 2017 si nota come siano aumentati gli incendi notturni. 97 gli incendi in cui è stato necessario l’intervento aereo con l’area più colpita che risulta essere la provincia di Foggia. 

La Sigea ha affrontato la questione legata agli incendi pubblicando un comunicato stampa lo scorso settembre nel quale aveva ammonito l’aumento del numero di incendi che colpisce direttamente la vegetazione, gli esseri umani e animali, e indirettamente il territorio con conseguenze sulla stabilità dei versanti. 

Per contenere i danni indiretti causati dagli incendi che interferiscono con le dinamiche dei versanti è necessario cartografare, nell’ambito dei singoli bacini idrografici, le aree percorse dal fuoco e, a valle di queste aree non più protette dalla vegetazione, i potenziali elementi a rischio (strade, opere, aree urbanizzate).

Anche per il settore incendi boschivi, come per il dissesto idrogeologico, il rischio sismico, le crisi ambientali quali siccità e inquinamento, l’unica vera tutela dei beni e delle vite umane e animali è la prevenzione, una prevenzione avviata da subito con il monitoraggio e la cura dei boschi e delle foreste che necessita però di investimenti programmatici di governo.

Trimble Italia
Trimble Italia
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

gestione emergenze satelliti asita ortofoto autodesk osservazione dell'universo utility Toponomastica cnr uav ingv osservazione della terra internet of things sensore topcon Harris archeologia multispettrale beidou realta aumentata ambiente catasto europeo rischio metadati sicurezza scienze della terra webGIS sinergis ISPRA topografia esri italia monitoraggio smart city CAD hexagon urbanistica cosmo skymed leica geosystems intelligenza artificiale geologia scansione 3D FOIF beni culturali INSPIRE laser scanner GNSS reti tecnologiche trasporti top story geomax uso del suolo open geo data servizi faro GIS Stonex autocad flyr codevintec coste modellazione 3d oceanografia spazio realtà virtuale geospatial apr app dissesto idrogeologico cantiere dati tecnologia Bentley interferometria esri aerofotogrammetria misurazione rilievo 3d pianificazione openstreetmap Here geoportale lidar teorema protezione civile geodesia meteorologia geolocalizzazione eGEOS trimble terremoto remote sensing arcgis stazione totale SIFET storytelling tecnologie avanzate mobile mapping territorio terra e spazio catasto telerilevamento top cartografia gps planetek smartphone rndt big data smart mobility droni sentinel dati geografici agricoltura progettazione mobilita energia 3D flytop rilievo leica numerazione civica nuvole di punti posizionamento satellitare formazione BIM terremoti OGC ricevitori termografia INTERGEO geomatica asi geofisica technologyforall in cantiere qgis galileo mappe infrastrutture copernicus e-geos top world esa open source sar mare fotogrammetria open data digital geography ict
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps