NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Domenica, 22 Ottobre 2017 19:01

Fioriscono le "spin-off" e appassiscono le facoltà

Attilio Selvini

Il regime fascista aveva difeso sino al ridicolo la lingua di Dante e di Manzoni; in quel tempo venne persino proibito di chiamare “Eden” gli alberghi, confondendo il Paradiso Terrestre di Adamo ed Eva con sir Robert Anthony Eden, conte di Avon e ministro degli esteri di Sua Maestà britannica.  Anche l’anima bella di Charles De Gaulle, si rivolta nel mausoleo di Colombey-les-deux-Églises, dato che aveva tuonato nel secondo dopoguerra contro “le Franglaises”, storpiante la bella lingua del Cardinale Armand- Jean du Plessis, Compte de Richelieu. Mi si perdoni questo “incipit” un poco scherzoso, su di un tema che scherzoso non lo è affatto.

Che l’inglese stia invadendo le altre lingue europee è noto; un caso particolare è costituto dalla contesa fra il Politecnico di Milano ed .il Ministero competente, per l’imposizione di tenere solo in una corruzione volgare della lingua di Shakespeare, le lezioni e gli esami per le cosiddette “lauree magistrali”, ovvero per i corsi del quarto e quinto anno. Ordunque, che nel bene e nel male questo idioma misto di ricordi latini e di sassone, serva come nuovo esperanto nelle discussioni tecniche e scientifiche può essere accettato. Ciò che non va accettato è il misto balordo di termini inglesi inseriti stupidamente nella lingua corrente di altri Paesi europei, “in primis” dell’italiano, che proprio non ne ha bisogno così come si sforza di sottolineare quasi ogni giorno la inascoltata Accademia della Crusca. Oltretutto l’italiano ha un numero triplo di vocaboli rispetto all’inglese. Mi sia permesso di citare un recente pezzo del linguista Rosario Coluccia:

“Non c’è dubbio, noi italiani badiamo poco alle sorti della nostra lingua, altri si comportano diversamente. Guardiamo cosa succede in paesi vicinissimi a noi, la Spagna e la Francia, dove pure si parla una lingua derivata dal latino, come la nostra. Gli spagnoli usano redes sociales (e noi social networks), primera dama (e noi first lady), ordenador o computadora (e noi computer), deporte (e noi sport), segunda fase (e noi play off); i francesi hanno moniteur (e noi monitor), ordinateur (e noi computer), courri-el (e noi email), SIDA (e noi AIDS). Un esperimento: chi sa, esattamente, cosa significhi AIDS? Chi sa sciogliere la sigla, che riproduce la sequenza sintattica inglese, non quella italiana? Al contrario di quanto succede in Italia, lo stato francese interviene sull’uso della terminologia ufficiale, scientifica, tecnica, istituzionale, raccomanda, consiglia. In Francia nelle disposizioni e negli atti ufficiali promananti dalle strutture centrali e periferiche una

*già presidente della Società Italiana di Fotogrammetria e Topografia, SIFET

parola straniera può essere usata solo a condizione che non esista già una onesta parola francese («un honnête mot français», dicono loro) per designare la stessa cosa o esprimere la stessa idea. Se facessimo lo stesso, molte oneste parole italiane rimpiazzerebbero senza difficoltà gli anglicismi più o meno abusivi presenti nella nostra lingua. In Italia ci comportiamo diversamente, certe questioni non ci sfiorano neppure. Ma almeno una domanda è lecita. Perché parlare «itangliano» o «inglesorum», come alcuni definiscono l’invadente e sciatto miscuglio linguistico che genera la continua immissione di parole inglesi nell’italiano?”.

Ma torniamo all’argomento di questo breve articolo, che interesserà soprattutto i topografi e quindi i geometri. Quanti di loro sanno cosa sia una spin-off? Confesso che anche io, al sentire che il Politecnico di Milano aveva istituito una “spin-off” sul momento non ho compreso. Mi ha aiutato una breve visita al “web”:: Spin Off Accademici. L'Università favorisce la costituzione di organismi di diritto privato aventi come scopo l'utilizzazione imprenditoriale in contesti innovativi, dei risultati della ricerca e lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi ed in particolare la creazione di "spin off accademici. Lo spin-off (scritto anche spin off o spinoff e traducibile in italiano come "scissione") in diritto e in particolare nell'economia aziendale è il fenomeno di creazione di una nuovo soggetto di diritto per particolari finalità e/o scopi. Spin-off universitari: esclusivamente quelle società per azioni o a responsabilità limitata alle quali l'università partecipa in qualità di socio. A questo punto sorgerebbero mille domande e mille dubbi, risalenti a Croce e a Gentile, sulle funzioni dell’università e alle differenze fra scienza e tecnica: dove mai sta scritto che l’università debba anche avere le funzioni di un istituto professionale, e quindi sviluppare “… nuovi prodotti e servizi …”?

Ma passiamoci sopra. Di fatto, molte sono queste scissioni ormai sorte qua e là; ricorderemo fra gli altri il Survey Lab della Sapienza, il DICCA  di Genova, il CGT-Online di Siena, lo ZENIT ingegneria di Ferrara, lo UniSky.IUAV di Venezia. Di “spin-off” pare che ne siano attive in tutta l’Italia ben 1196, promosse da: Associazione NETVAL, Centro Ricerche 21, Università Politecnica delle Marche, Scuola Superiore Sant’Anna, Ma la cosa che più mi stupisce è un’altra; sappiamo come sia cambiata in uno o due decenni l’intera fotogrammetria, anzi come sia diventata parte del più vasto e cosiddetto “trattamento delle immagini”. Io ho pubblicato da UTET nel 2000 un bel libro di fotogrammetria generale di ben 515 pagine: confesso che oggi  non saprei come farne un seguito. Su internet vi sono dispense di altri insigni colleghi, ma in genere ferme alla fine del secolo ventesimo o poco oltre; però con stupore vi si trovano offerte di molteplici corsi più o meno a pagamento, tenuti in genere non da università ma da ben altre fonti. Ne elenco alcuni:

-MicroGeo – TerreLogiche – 3D ArcheoLab – DroneEmotion – Professional Aviation – Overfly me – Eye Drone …   e potrei continuare.

Come contraltare, le facoltà universitarie da noi appassiscono e poi scompaiono; sono state chissà perché sostituite da “scuole”. Al Politecnico di Milano trovi “Scuola di Ingegneria Civile, Ambientale e Territoriale”, “Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle costruzioni”, “Scuola del Design” (in realtà sarebbe da dire “industrial design”, ovvero “progettazione industriale”, ma passiamoci sopra!) e poi  “Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione”. E nella “home page” (arieccoce con l’inglesorum!) ti spiegano:  “COSA SONO LE SCUOLE. Le Scuole raggruppano corsi di studio - di diverso livello e attivi in uno o più Poli Territoriali - afferenti a ambiti disciplinari affini. Alle Scuole gli studenti si rivolgono per i problemi che riguardano le lezioni, gli esami di profitto e di laurea, i piani di studio e altri aspetti dell'attività didattica. E' opportuno che lo studente consulti periodicamente, oltre al sito di Ateneo, anche il sito della propria Scuola”. Naturalmente sulle “scuole” vi sono anche le spiegazioni sul “web”, eccone una: QUANDO È AVVENUTO IL PASSAGGIO DALLE  FACOLTÀ ALLE SCUOLE? Il passaggio è avvenuto a metà ottobre 2012 quando sono state attivate le 11 Scuole e i 33 Dipartimenti in applicazione della Legge 240/2010 di riorganizzazione delle Università. Così ci erudisce il portale della “Alma Mater Studiorum”, l’Università di Bologna (nella quale entrai io molti anni fa, novello vincitore di concorso). Per chi non lo sapesse, si tratta della molto criticata (absit iniuria verbis) “Legge Gelmini”, sulla quale non mi voglio soffermare. Noto solo che nel resto d’Europa continuano a esistere le Faculties, le Fakultȁten, le Facultés, le Facultades, le Facultaiten, le Fakultaterne le Fakulteterna “et coetera alia”.

Mi vorrei però soffermare sul prodotto di uno degli “insigni colleghi” cui ho fatto cenno poco sopra; uno degli ordinari tuttora in cattedra, dice nelle dispense a suo nome fra le altre amenità e semplificazioni, quanto segue, letteralmente tolto da Google:

“Nella pratica, si sono succedute nel tempo diverse tecniche per la restituzione stereoscopica del modello 3D:

- restituzione analogica: un'apparecchiatura detta stereocomparatore (fig.8) consente di realizzare meccanicamente l'orientazione relativa di due lastre fotografiche, appoggiate su due supporti mobili, in modo da riprodurre quella che le lastre avevano al momento dello scatto. L'operatore attua manualmente i movimenti necessari, basandosi sulla visione stereoscopica realizzata da un binocolo che consente di vedere con ciascun occhio una lastra diversa. Sempre meccanicamente è possibile determinare per ogni punto del modello, collimato con una marca che l’operatore ha l’impressione di vedere e di poter muovere in uno spazio 3D, la "quota" del punto in cui si incontrano le rette congiungenti i punti omologhi sulle due immagini con i centri di presa corrispondenti, e quindi ricostruire il modello tridimensionale.

 

- fig.8 – schema di stereocomparatore

figura8

 Non resisto all’idea di commentare quanto scritto in rosso. Se la figura 8 è veramente quella di uno stereocomparatore, tornando alle “anime buone” dell’inizio di questo scritto si rivolteranno nelle rispettive tombe sia quella di Carl Pulfrich (1858 – 1927) che quella di Umberto Nistri (1895 – 1962). Lo stereocomparatore di Pulfrich è tutt’altra cosa e serve a tutt’altro, e venne al mondo nel 1901. La figura in esame invece schematizza il “Photomapper Mod. VI” di Nistri che fu prodotto negli anni Sessanta del ventesimo secolo, preceduto e seguito rispettivamente dal Kelsh –Plotter statunitense del 1947 e dal DP1 Zeiss nel 1967 (si veda in “Gli strumenti per la fotogrammetria, Liguori editore, Napoli, di Bezoari e Selvini, 1999). Tutti questi tre strumenti non vedevano il modello “col binocolo” (Dio mio!) bensì con gli occhiali anaglifici (non so se l’autore delle dispense li abbia mai visti!). A proposito: il “binocolo” serve solamente a vedere in stereoscopia il paesaggio; ma nei restitutori fotogrammetrici, anche a proiezione meccanica o di tipo analitico, si usano sistemi binoculari con veicoli ottici complessi che non si possono definire “tout court” binocoli. La “marca mobile” inventata da Friedrich Stolze /(1836 -1910) non si ha “l’impressione di vederla”, la si vede eccome, perché è reale e realizzata in varie maniere! E non fornisce solo la “quota” del punto collimato, bensì anche la posizione planimetrica dei punti collimati e le “parallassi” (ma l’autore sa cosa siano queste ultime?). E per carità di patria finisco qui (e più non vi leggemmo avante, Dante, Inferno, Canto V).

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwwx3



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico Barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo