itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Report della giornata “I Terremoti al centro dell’Italia”

Grazie a tutti i partecipanti appartenenti al mondo delle professioni tecniche, della ricerca scientifica e delle pubbliche amministrazioni che hanno seguito lo scorso 18 settembre, presso la facoltà di Ingegneria La Sapienza, il convegno organizzato da Maria Marsella e dal Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale con il supporto di Survey Lab.

La valutazione dei danni e le strategie per la ricostruzione sono stati i temi al centro del convegno, analizzati e approfonditi da parte di ricercatori, esperti e operatori coinvolti nelle fasi di emergenza e di riorganizzazione dei territori del cratere, in tre sessioni distinte:

• Il terremoto e l’innovazione
• Il terremoto e gli interventi
• Il terremoto e le regole

Questo evento - sottolinea Maria Marsella - è stato organizzato a un anno dal sisma con lo scopo di mettere insieme tutte quelle componenti che entrano in gioco in questo terremoto, per conoscere gli interventi, cosa è stato fatto e cosa si sta facendo sul territorio, senza tralasciare l’aspetto molto importante delle normative.

Le attività sono state coordinate da Survey Lab e sono state patrocinate dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale (DICEA) Sapienza di Roma, il cui direttore Daniela D’Alessandro, ha evidenziato come i corsi di studi della facoltà siano molto attenti alle emergenze, in particolare ai terremoti, dando grande risalto alle attività di prevenzione.

Nella sessione dedicata all’innovazione sono intervenuti Simone Atzori e Silvia Scifoni che hanno illustrato rispettivamente come scoprire le faglie attive con i satelliti radar e come utilizzare i dati di osservazione terrestre del programma satellitare Copernicus nelle fasi emergenziali e post sisma.
Wissam Wahbeh ha condiviso la sua esperienza legata alla ricostruzione presentando alcuni esempi, riguardanti casi studiati in Siria e nelle Marche, in cui sono state utilizzate tecniche per la ricostruzione virtuale.
Maria Chiara Pastore ha fatto conoscere il laboratorio “Nel cratere. Un laboratorio per la ricostruzione”, voluto dall’Architetto Stefano Boeri, che ha permesso di lavorare sul territorio coinvolgendo la popolazione.

Il Professor Giovanni Carbonara ha aperto la sessione dedicata agli interventi concentrandosi sui temi legati al restauro dei beni culturali nelle zone colpite dal sisma.
Gli studenti del corso in Ingegneria Civile hanno poi raccontato l’esperienza del laboratorio di geomatica nei comuni di Preci (PG) e Tufo di Arquata del Tronto (AP).
Successivamente Fabrizio De Franciscis ha parlato delle attività di ANAS per riaprire le strade in fase emergenziale, mentre Paola Marotta ha raccontato la sua esperienza illustrando i modelli di intervento in emergenza e di ricostruzione adottati nei terremoti che hanno colpito l’Italia a partire da quello de L’Aquila nel 2009.

Dopo un light lunch a base di prodotti tipici delle zone terremotate offerto da Survey Lab, si è aperta la sessione dedicata agli aspetti normativi.

Marina D’Orsogna ha introdotto il quadro normativo di riferimento sia per l’emergenza che per la ricostruzione post-sisma.
Daniele Iacovone ha analizzato gli aspetti legati alla pianificazione urbanistica, e Danilo Casagrande ha esposto il lavoro del Comitato "Ricostruire Pantana" di Montegallo (AP) che ha proposto interessanti iniziative per una ricostruzione che parta dal basso, alcune delle quali portate da Maria Marsella al Comitato tecnico scientifico per la ricostruzione.

Ringraziando tutti per la partecipazione, segnaliamo a chi non è potuto essere presente che sono disponibili online le registrazioni dei singoli interventi (montaggio a cura di Survey Lab) e le interviste ai relatori realizzate da Aracne Editrice.

Logo-Email-300x79.png

Fonte: Survey Lab


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq6r8

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

scansione 3D qgis Stonex cosmo skymed geodesia droni cartografia app formazione geofisica 3DTarget webGIS geologia technologyforall trasporti top progettazione laser scanner esri italia rilievo 3d digital geography open source osservazione dell'universo autodesk ISPRA asita leica GNSS reti tecnologiche stazione totale uso del suolo beni culturali intelligenza artificiale spazio modellazione 3d Bentley ricevitori cantiere geomatica termografia BIM terrelogiche terra e spazio sinergis in cantiere arcgis geospatial energia planetek geomax topcon asi protezione civile osservazione della terra 3D sar coste flytop big data autocad cnr GTER mobilita posizionamento satellitare terremoto realtà virtuale remote sensing mare CAD utility telespazio Epsilon Italia dati teorema INTERGEO dissesto idrogeologico topografia rischio microgeo infrastrutture INSPIRE geoportale metadati scienze della terra apr sensore ortofoto esa GIS FOIF uav terremoti eGEOS copernicus oceanografia smart mobility codevintec gestione emergenze open data ingv mappe catasto europeo tecnologie avanzate archeologia catasto top world monitoraggio satelitare autonomous vehicle open geo data telerilevamento smart city rilievo urbanistica openstreetmap geolocalizzazione territorio nuvole di punti sicurezza agricoltura pianificazione servizi realta aumentata leica geosystems storytelling Toponomastica drone monitoraggio gps esri Harris smartphone interferometria misurazione meteorologia hexagon fotogrammetria tecnologia dati geografici lidar faro mobile mapping rndt galileo sentinel internet of things aerofotogrammetria satelliti ict ambiente trimble
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy