NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Mercoledì, 02 Agosto 2017 10:25

Un progetto assistito da EGNSS con droni e servizi cellulari per salvare vite umane

Redazione GEOmedia

MOBNET è un progetto finanziato da Horizon 2020 e presentato a TRANSCOM 2017 in Slovacchia all’inizio di giugno, con l’obiettivo di individuare le vittime durante le catastrofi naturali e le situazioni di emergenza come terremoti, uragani o grandi tempeste di neve, utilizzando l’EGNSS (sia Galileo che EGNOS) e il DCT (Digital Cellular Technologies). Le sue ipotesi di sistema sono state presentate a TRANSCOM 2017 in Slovacchia all'inizio di giugno.


I veicoli aerei senza pilota (UAV) svolgono un ruolo sempre più importante nelle missioni di protezione pubblica e di soccorso da disastro (Public Protection Disaster Release PPDR), come la sorveglianza delle frontiere e l’ausilio alle forze dell'ordine. Tuttavia, individuare rapidamente individui isolati in caso di disastro naturale o artificiale costituisce ancora una sfida significativa. Di conseguenza, è necessario un sistema efficace per la localizzazione delle persone che può essere utilizzato dai servizi PPDR in terreni difficili.

In risposta a questa necessità, MOBNET sta progettando un sistema di ricerca e salvataggio tecnologicamente avanzato (Search and Rescue SAR) che aiuterà a individuare le vittime isolate in caso di emergenza. Uno scenario possibile per un UAV è stato creato in base a lezioni apprese dall'esperienza passata e sui risultati di un'indagine condotta tra utenti mirati. Ciò garantirà che il progetto possa offrire soluzioni adattate a particolari esigenze. Questo sondaggio è in ancora in corso corso, si può partecipare cliccando al seguente link:

http://mobnet-h2020.eu/index.php/survey 

Attualmente MOBNET sta sviluppando una soluzione a queste sfide sfruttando:

- L’ubiquità dei telefoni cellulari nella società odierna. Nel 2016, la penetrazione di telefoni cellulari aveva raggiunto il 99,7% in tutto il mondo, salendo al 126,9% nei paesi sviluppati;
- Le funzionalità di sincronizzazione di alta qualità che offre Galileo in tutto il mondo e che EGNOS fornisce nei paesi europei, il che significa che gli UAV saranno posizionati con grande precisione;
- Il guadagno dei costi e delle prestazioni delle operazioni SAR utilizzando sistemi UAV. Con nessun pilota a bordo, gli UAV possono entrare in ambienti pericolosi, possono rimanere in aria per lunghi periodi con la stessa affidabilità e possono eseguire vari tipi di analisi.

Approfittando di queste tre caratteristiche, MOBNET utilizza il sistema DCT per rilevare la presenza di persone (individuando i loro cellulari) aiutando i soccorritori nella loro ricerca. Inoltre, l'utilizzo dei servizi EGNOS e Galileo consente al sistema di posizionare in modo preciso gli UAV e di rilevare temporalmente le pseudoranges con un'elevata precisione, in modo che MOBNET sia in grado di individuare rapidamente la persona intrappolata.

MOBNET combina osservazioni da diversi droni, ognuno dotato di un modulo EGNSS e di un nuovo modulo DCT. I droni, che volano nell'area di interesse, utilizzano il modulo DCT MOBNET per individuare le vittime: i segnali dei loro telefoni cellulari vengono utilizzati per rilevare la posizione di una possibile vittima. Il modulo EGNSS a bordo fornisce informazioni accurate sulla posizione e sull'ora. MOBNET è in grado di beneficiare dell'elevato livello di precisione del tempo che i satelliti Galileo forniscono.

Utilizzate in veicoli aerei senza pilota (UAV), le informazioni EGNSS rendono possibile il posizionamento accurato in qualsiasi tipo di terreno, il che rende il sistema molto utile per le prime risposte a utenti mirati in situazioni in cui è difficile, pericoloso o addirittura impossibile accedere a zone colpite. Un grande vantaggio del sistema è che può aiutare a salvare la vita delle persone senza rischiare l'integrità e la sicurezza dei servizi dei primi responders.

Sarà sviluppato un prototipo per illustrare il potenziale di un sistema SAR veloce e affidabile che funziona a lunghe distanze. Il sistema sviluppato sfrutta le capacità di Galileo e EGNOS e rafforzerà la posizione dell'industria europea nel settore dei servizi di salvataggio.

La soluzione non intende sostituire i metodi tradizionali utilizzati da squadre di ricerca e salvataggio, come cani di salvataggio, geofoni e telecamere specializzate, ma per sostenere queste attività e per massimizzare la probabilità di individuare con successo le vittime.
Il sistema sarà testato in condizioni di campo nel novembre 2017.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwxrc


Trimble Italia
Trimble Italia
Dronitaly
Dronitaly

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things ISPRA landsat laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia OGC open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI slam smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • Il pazzesco geoportale della Svizzera

    Stefano Campus 16.02.2018 10:10
    RE: -
    @andrea, puoi spiegare meglio?
     
  • Il Catasto in tasca

    Fintocubano 14.02.2018 09:40
    RE: Project Manager
    Grazie, non sapevo dell'esistenza di questo servizio del MIBACT! Ho provato a cliccare su ''Aggiungi ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo