Harris
3D Target

Strumenti di telerilevamento atmosferico misurano le nubi di fumo su Roma dopo l'incendio

Le sostanze inquinanti contenute nella spessa nube di fumo dell'incendio su Roma, sono state misurate dagli strumenti di telerilevamento atmosferico impiegati per i progetti dell'ESA.

L'incendio si è sviluppato il 5 maggio a Pomezia, una città a 50 km a sud di Roma. Ha continuato a bruciare per due giorni. I rifiuti in fumo, che comprendevano la plastica, hanno sviluppato nel cielo una nube tossica, costringendo ad evacuare le case e le scuole della zona.

Gli strumenti di telerilevamento che vengono utilizzati per i progetti ESA hanno rivelato che il fumo provocato dall'incendio è stato trasportato dal vento sopra la città di Roma. In particolare, i rilievi di due strumenti Pandora su due diversi siti mostrano che c’è stato un aumento considerevole delle concentrazioni di diossido di azoto e formaldeide. Questi sono due inquinanti atmosferici che possono rappresentare rischi potenziali per la salute. Il diossido di azoto, che normalmente inquina l'aria a causa del traffico stradale e di altre combustioni dei combustibili fossili, può contribuire ai problemi respiratori.

La formaldeide è un importante gas intermedio nell'ossidazione del metano e di altri idrocarburi. Mentre la sua vita nell'aria è breve, esso può reagire chimicamente e diventare una sorgente di monossido di carbonio, che, quando respirato, può ridurre la quantità di ossigeno che può essere trasportata nel sistema sanguigno.

Uno degli strumenti di Pandora, il numero 115, si trova in una zona semi-rurale presso l'Istituto di Scienze Atmosferiche e del Clima, mentre Pandora numero 117 è presso il Dipartimento di Fisica dell'Università La Sapienza, vicino al centro di Roma.

Entrambi fanno parte di un insieme di strumenti di telerilevamento atmosferico – il Boundary layer Air Quality-analysis Using Networks of Instruments (BAQUININ) – che è finanziato dall'ESA per la validazione e la convalida della composizione atmosferica.

Fire_seen_by_Sentinel-3A_small.jpg

L'incendio visto da Sentinel-3A (Credits ESA)

Mentre l'incendio è stato un incidente piuttosto scioccante per le persone del luogo e chiaramente una causa di preoccupazione per quanto riguarda sia la sicurezza che l'inquinamento atmosferico, il fatto che le sostanze inquinanti siano state misurate con precisione da questi strumenti ha dimostrato che il set di strumenti fornisce informazioni importanti e di alta qualità sulla qualità dell'aria nella zona di Roma.

Inoltre, questa funzione sarà di rilievo nel verificare che la prossima missione Sentinel-5 Precursor riporti dati accurati sulla qualità dell'aria.

Previsto per il lancio entro l'anno, Sentinel-5 Precursor – o, in breve, Sentinel-5P - è la prima missione del programma europeo Copernicus dedicata al monitoraggio della nostra atmosfera. Questo nuovo satellite ha a bordo lo strumento all'avanguardia denominato Tropomi, per effettuare le mappature di una moltitudine di gas traccia e di aerosol che influenzano la qualità dell'aria ed il nostro clima.

La missione identificherà inoltre i punti critici dove la salute pubblica potrebbe essere a rischio.

Ciò che distingue Tropomi è il fatto che esso misuri dall'ultravioletto all'infrarosso ad onde corte, prendendo immagini di una vasta gamma di sostanze inquinanti come il diossido di azoto, l'ozono, la formaldeide, l'anidride solforosa, il metano, il monossido di carbonio, più accurate che mai finora. Con una risoluzione fino a 7 x 3.5km, Sentinel-5P ha il potenziale per rilevare l'inquinamento atmosferico sulle singole città.

Fire_captured_by_Proba-V_small.jpgL'incendio nell'immagine Proba-V (Credits ESA)
Dati satellitari come questi sono utilizzati, in combinazione con misurazioni in situ della qualità dell'aria, in modelli al computer che possono aiutare i governi e gli organi decisionali a sviluppare strategie di mitigazione per migliorare la qualità dell'aria.

Il fumo dell'incendio è stato ripreso dallo spazio anche dal satellite Sentinel-3A del programma europeo Copernicus e dal satellite Proba-V.

Fonte: European Space Agency


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4wqf

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

INTERGEO geoportale terra e spazio openstreetmap CAD qgis Epsilon Italia catasto europeo geomatica terremoto geolocalizzazione uav storytelling satelliti servizi asi open data archeologia beni culturali laser scanner faro telerilevamento hexagon remote sensing stazione totale mare 3D dati geospaziali Stonex Digital Twins uso del suolo modellazione 3d GIS topografia meteorologia dati geologia scienze della terra nuvole di punti osservazionedella terra geospatial geodesia BIM catasto misurazione galileo planetek utility realtà virtuale smart mobility smart city apr esa smartphone infrastrutture monitoraggio satelitare codevintec droni protezione civile gestione emergenze digital geography flytop tecnologie avanzate formazione FOIF internet of things geomax progettazione arcgis esri monitoraggio mappe interferometria ingv pianificazione intelligenza artificiale agricoltura app realta aumentata cosmo skymed open geo data GTER rilievo 3d microgeo reti tecnologiche open source lidar 3DTarget cnr ortofoto esri italia asita sicurezza topcon metadati webGIS leica geosystems scansione 3D copernicus Harris GNSS teorema sinergis top spazio slam rilievo cartografia mobile mapping rischio geofisica autocad dissesto idrogeologico urbanistica INSPIRE energia leica mobilita coste territorio posizionamento satellitare vidalaser autodesk technologyforall drone terrelogiche tecnologia ricevitori osservazione della terra ambiente rndt oceanografia sar osservazione dell'universo trasporti big data informazione geografica sentinel ict trimble gps cantiere termografia aerofotogrammetria Toponomastica ISPRA sensore fotogrammetria dati geografici in cantiere
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy