itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Building Information Model (BIM) obbligatoria dal 2019 per l'edilizia e le infrastrutture

La consultazione sulla modellazione informativa nelle opere pubbliche sarà obbligatoria a partire dal 2019. Il Nuovo Codice degli Appalti ha introdotto, come previsto da direttiva europea, l'obbligatorietà di metodi e strumenti elettronici specifici, quali quelli di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture, nella progettazione.

Questo al fine di razionalizzare le attività di progettazione e delle connesse verifiche, andando a migliorare e snellire processi che fino ad oggi hanno influito su tempi e modi di partecipazione agli appalti.

Il testo che prevede questa profonda innovazione e predisposto dalla specifica Commissione istituita dal Mit è ora in consultazione sul sito del ministero, prima di essere chiuso come decreto attuativo.

La modellazione elettronica è un cambio di paradigma nel comparto Costruzioni consentirà inoltre di razionalizzare la spesa per investimenti, internazionalizzare Professionisti ed Imprese e contribuirà a rendere efficiente e trasparente il settore.

Il processo è noto e già applicato come BIM - Building Information Modeling (Modello d'Informazioni di un Edificio): è un modello per ottimizzare, tramite la sua integrazione con metodi e strumenti elettronici specifici, la progettazione, realizzazione e gestione di costruzioni in ambito di edilizia e infrastrutture. Tramite esso tutti i dati rilevanti di una costruzione e presenti in ogni fase del processo devono risultare disponibili in formati digitali aperti e non proprietari.

Il MIT, dando attuazione a quanto indicato all’articolo 23 del Codice dei contratti pubblici (Decreto Legislativo 18 aprile 2016, n.50) ha istituito, con decreto ministeriale n. 242 del 15 luglio 2016 e n. 297 del 31 agosto 2016, una Commissione, composta da rappresentanti delle amministrazioni pubbliche, del mondo accademico e della rete nazionale delle professioni dell’area tecnico-scientifica , con il compito di individuare le modalità e i tempi di progressiva introduzione dei predetti metodi e strumenti elettronici.

La Commissione ha avviato, come prima fase di ascolto, un’attività di coinvolgimento attraverso la predisposizione di un apposito questionario e l’audizione degli stakeholder, terminata con la costruzione di una proposta finalizzata all’adozione del decreto.

La proposta individua:

• gli adempimenti preliminari delle stazioni appaltanti,

• l’utilizzo facoltativo e obbligatorio dei predetti metodi e strumenti, in relazione alla tipologia delle opere alle quali gli stessi saranno applicati,

• i contenuti informativi del capitolato.

Prima della stesura del decreto attuativo nella sua versione definitiva, il MIT intende allargare il ventaglio dei soggetti coinvolti nel processo partecipativo, avviando una consultazione online sulla proposta finalizzata all’adozione del decreto di cui all’articolo 23 comma 13 del decreto legislativo n.50 del 2016, al fine di raccogliere tutti i contributi di chi quotidianamente è coinvolto nell'utilizzo dei metodi e degli strumenti elettronici specifici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture.

La Consultazione – disponibile dal 19 giugno 2017 al 3 luglio 2017 - è ospitata su piattaforma on line messa a disposizione dal Formez alla pagina http://commenta.formez.it/ch/CodiceAppalti

I risultati della consultazione pubblica saranno presi in considerazione dal MIT nella stesura del documento definitivo del decreto.

Leggi la relazione di accompagnamento

Fonte: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k44wh

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

dati geografici realta aumentata topcon GIS copernicus geomatica sentinel esa open source fotogrammetria flytop ricevitori posizionamento satellitare infrastrutture telerilevamento mappe oceanografia utility geodesia in cantiere osservazione dell'universo faro open geo data coste GTER Stonex geospatial misurazione 3D smart city openstreetmap monitoraggio energia app monitoraggio satelitare catasto digital geography scienze della terra geomax agricoltura qgis autodesk terrelogiche Bentley cnr spazio cantiere rischio smart mobility hexagon geoportale catasto europeo internet of things trasporti autocad mobile mapping leica storytelling lidar top autonomous vehicle aerofotogrammetria numerazione civica terra e spazio INTERGEO open data top world modellazione 3d planetek Toponomastica servizi beni culturali archeologia leica geosystems BIM rilievo gps droni 3DTarget cosmo skymed FOIF reti tecnologiche scansione 3D uav Harris sar topografia protezione civile INSPIRE meteorologia smartphone CAD ambiente dissesto idrogeologico osservazione della terra progettazione GNSS arcgis ict ISPRA webGIS dati galileo sicurezza sinergis terremoti esri italia eGEOS nuvole di punti asi geolocalizzazione trimble rndt metadati uso del suolo big data laser scanner territorio ingv Epsilon Italia teorema drone technologyforall mare geologia tecnologie avanzate microgeo codevintec asita pianificazione termografia remote sensing realtà virtuale gestione emergenze stazione totale mobilita rilievo 3d geofisica cartografia formazione terremoto satelliti tecnologia interferometria ortofoto sensore esri intelligenza artificiale apr urbanistica
VidaLaser
intergeo
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy