NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Mercoledì, 21 Giugno 2017 21:20

La nuova età d’oro della fotogrammetria con la grande disponibilità di immagini digitali

Renzo Carlucci

La digitalizzazione e l'onnipresente disponibilità di immagini hanno portato ad una nuova età d'oro per la fotogrammetria! La forza trainante dietro i processi è la scienza, mentre quella dietro le applicazioni associate è il business - perché le immagini vengono ora valutate digitalmente in un processo automatizzato con la massima precisione con una velocità che rasenta il tempo reale. Inoltre, vengono generate da sensori situati dappertutto, dalle automobili e i droni agli aerei e i satelliti. Lo straordinario scorcio degli sviluppi che si sta mettendo in moto sarà in mostra a alla conferenza INTERGEO 2017 di Berlino.

"La fotogrammetria è al di sopra del suo tempo perché tutto è già completamente digitale in questa disciplina", sottolinea Heinz-Jürgen Przybilla, professore di geodesia all'università di scienze applicate di Bochum. L'arte di utilizzare fotografie per la rilevazione, che ha posto le basi per la fotogrammetria attuale, risale a 150 anni fa e coinvolge processi di sviluppo per trarre informazioni da immagini che vanno ben oltre le semplici visualizzazioni. Negli ultimi anni, in particolare, la disciplina ha compiuto progressi tali che le imprese stanno scoprendo sempre più aree di applicazione.

La ragione principale di questo è l'elevato livello di automazione, che consente di interpretare enormi volumi di dati provenienti da fonti quali immagini satellitari su larga scala. Il processo funziona anche in tempo reale, che è un prerequisito in applicazioni come la navigazione autonoma. "L'automazione nella valutazione delle immagini rende le persone incredibilmente flessibili. Non siamo più limitati a guardare il mondo dalla nostra altezza ", sottolinea il professor Christian Heipke, Presidente della Società Internazionale per la Fotogrammetria e il Telerilevamento (ISPRS). Gli esseri umani stanno letteralmente superando se stessi con il potere delle loro immagini. UAV, fotocamere digitali e sensori di immagine su Internet delle cose, aeromobili o satelliti stanno aprendo applicazioni che solo il mondo della scienza prevedeva qualche anno fa.

Dal catasto alla prevenzione delle catastrofi

E questo sta attirando molta attenzione. Ad esempio, come spiega Przybilla, le valutazioni delle immagini da UAV sono già state utilizzate per le indagini di registrazione di terreni ad alta precisione delle aree di sviluppo. Ciò che richiede giorni manualmente, può ora essere compiuto in pochi minuti. Altre applicazioni includono la prevenzione delle catastrofi e il monitoraggio dei movimenti dei rifugiati. In molti casi, i droni o i satelliti forniscono una rapida panoramica, mentre i satelliti offrono la base su larga scala per valutare una situazione. Nell'architettura, i modelli 3D delle immagini aeree completano i piani CAD e, in combinazione con la realtà virtuale, consentono ad esempio di illustrare le varianti di progettazione di un edificio nell'ambiente effettivo. Le informazioni sono anche condivise con discipline come la visione informatica e la robotica, con "vedere i robot" sempre più registrando e mappando i loro dintorni. Le applicazioni fotogrammetriche si muovono in numerosi settori e affrontano una serie di sfide. La modifica globale viene documentata usando immagini dello spazio, gli stessi dati vengono utilizzati per prevedere le dimensioni delle colture e le strutture inaccessibili vengono monitorate con l'aiuto di immagini da UAV.

Una scatola nera, con applicazioni sempre più visionarie

Uno degli sviluppi che gli scienziati stanno tenendo da vicino è che i processi e gli algoritmi sui quali si basano le valutazioni stanno diventando sempre più come una scatola nera per molti gruppi di utenti. "Abbiamo quindi incluso questo argomento nella conferenza INTERGEO", dice Przybilla. E mentre la scatola nera sta diventando più grande, gli scienziati stanno raffinando i loro metodi. "Stiamo sempre più combinando dati esistenti e questo sfrutterà una enorme quantità di nuovi potenziali", spiega Heipke. Una volta automatizzato completamente il processo di riconoscimento dei contenuti di immagini, le applicazioni saranno illimitate. Si va da una fattoria che prevede quante tonnellate di olive saranno pronte per il mercato in quattro settimane o una società di energia che rileva perdite in una linea di teleriscaldamento, in un processo automatizzato, utilizzando le telecamere termiche per i ciechi che guadagnano una grande autonomia, essendo in grado di navigare autonomamente nel mondo digitalizzato. Le possibilità non conoscono limiti.
Diverse sessioni organizzate dalla Società tedesca per la Fotogrammetria, il Telerilevamento e la Geoinformazione (DGPF,) esamineranno le tematiche topografiche in fotogrammetria alla conferenza INTERGEO . I contenuti delle presentazioni vanno da nuovi sensori in fotogrammetria e telerilevamento a "geodesia ingegneristica incontra fotogrammetria" e molto altro ancora. Un gran numero di aziende mostreranno anche le loro soluzioni di valutazione dell'immagine presso la mostra specializzata di INTERGEO.

Iscrivetevi alla conferenza INTERGEO all'indirizzo http://www.intergeo.de/intergeo-en/conference/conference-programme.php .

Quest’anno GEOmedia sarà presente con il suo numero 3 2017 interamente in inglese dedicato a portare la voce dell’Italia nella più grande fiera del settore.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwayc



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni dune di sabbia energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA lago laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar Ramsar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
Digital,Design and Development Fair  27-29 September, 2017   Hamburg Germany
intergeo 2017

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo