itzh-CNenfrdeptrues
AeroVision
3D Target
Harris
Mappa batimetrica dell'area oggetto di studio e posizioni degli 8 Ocean Bottom Seismometers and Hydrophones (OBS/H), dei 2 moduli geochimici multiparametrici (GeoC) e delle carote prelevate a fondo mare.

Monitoraggio 3D delle faglie sottomarine

Al via SEISMOFAULTS 2017, progetto scientifico condotto da CNR, INGV e Sapienza Università di Roma che si propone di monitorare le faglie sismiche del Mar Ionio e dello Stretto di Messina.

L’esplorazione dell’universo si espande ormai fino a Saturno e oltre, ma i fondali oceanici del nostro Pianeta, anche quelli più prossimi alle zone antropizzate, sono in genere sconosciuti. Eppure, tali fondali ospitano e celano vulcani e lunghe fratture della crosta (faglie) che possono essere all’origine di violenti terremoti, eruzioni, frane sottomarine e maremoti, mettendo a rischio la vita e il tessuto socio-economico nei vicini centri abitati.

Per esempio, la regione dello Stretto di Messina e il vicino Mar Ionio sono state le aree origine di importanti terremoti e maremoti nel corso degli ultimi secoli che hanno provocato morte e distruzione. Ricordiamo, tra gli eventi sismici catastrofici, quelli del 1908 (Messina e Reggio Calabria), 1905 (Calabria meridionale), 1783 (Calabria meridionale), 1693 (Val di Noto), 1169 (Sicilia orientale) e 362 d.C. (Sicilia orientale e Calabria meridionale). Solo nel 1908 le vittime furono più di 80.000. Le strutture sismo-tettoniche e morfologiche da cui hanno avuto origine i terremoti e i maremoti sopra menzionati sono ancora totalmente o parzialmente sconosciute.

fig_2.pngOcean Bottom Seismometers and Hydrophones (OBS/H) deposti nel mar Ionio durante la campagna oceanografica SEISMOFAULTS 2017 (11-23 maggio; Crediti INGV).

Dal maggio del 2017 un nuovo progetto scientifico (SEISMOFAULTS), firmato Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR di Roma e Bologna), Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV di Roma, Palermo e Gibilmanna) e Sapienza Università di Roma, si propone di monitorare ed esplorare da vicino le faglie sismiche del Mar Ionio e dello Stretto di Messina. Nel mese di maggio, durante la campagna oceanografica SEISMOFAULTS 2017, il team scientifico SEISMOFAULTS (CNR, INGV e Sapienza), con l’assistenza della nave Minerva Uno e del suo equipaggio marittimo gestito dalla Sopromar, ha installato sui fondali del Mar Ionio, a profondità fino a circa 2600 m, otto sismometri e due moduli con sensori geochimici. Gli strumenti sono molto vicini ai potenziali epicentri dei terremoti e registreranno i movimenti del suolo in caso di eventi sismici e le emissioni gassose del fondale ionico per circa 12 mesi. Al termine di tale periodo, gli strumenti verranno sganciati dalla zavorra che li tiene ancorati in fondo al mare con un comando acustico inviato dalla superficie del mare e saliranno per galleggiamento in superficie dove saranno recuperati per procedere a un eventuale riutilizzo altrove.
fig_3.pngModuli geochimici multiparametrici (GeoC) deposti nel mar Ionio (Crediti INGV).

Con i nuovi dati raccolti, non solo sarà possibile individuare e definire le faglie potenzialmente origine di terremoti e tsunami catastrofici, ma anche raccogliere informazioni per lo studio di fenomeni precursori dei terremoti, come ad esempio anomalie nelle modalità del degassamento dai fondali marini, al fine di esplorare la prevedibilità dei terremoti. I due moduli geochimici di fondo mare sono stati installati proprio per quest’ultima finalità.
fig_4 (2).pngFase di recupero dell'operazione di carotaggio (Crediti INGV).


Maggiori informazioni sul sito: www.seismofaults.it

Fonte: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4upq

 

 

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

in cantiere geolocalizzazione telerilevamento OGC asi ortofoto realtà virtuale sensore open geo data top world geomatica e-geos geomax big data mobile mapping cnr technologyforall protezione civile esa terremoto interferometria tecnologie avanzate oceanografia eGEOS tecnologia flyr faro aerofotogrammetria reti tecnologiche ISPRA FOIF SIFET open data termografia trasporti sentinel apr CAD geodesia spazio rilievo 3d rndt open source esri italia mappe ricevitori Stonex dati archeologia lidar terra e spazio smartphone posizionamento satellitare utility laser scanner ict storytelling scansione 3D hexagon dati geografici misurazione meteorologia arcgis internet of things geofisica osservazione dell'universo catasto geologia mare trimble mobilita dissesto idrogeologico agricoltura galileo urbanistica cantiere planetek monitoraggio autocad terremoti beidou GIS energia BIM catasto europeo topcon servizi gps codevintec qgis remote sensing nuvole di punti autodesk progettazione teorema cartografia infrastrutture territorio geospatial smart mobility rischio realta aumentata webGIS topografia leica geosystems openstreetmap metadati sicurezza geoportale asita INSPIRE pianificazione sar osservazione della terra modellazione 3d Here coste beni culturali copernicus cosmo skymed gestione emergenze 3D digital geography GNSS rilievo flytop fotogrammetria multispettrale INTERGEO droni esri app formazione ingv stazione totale satelliti smart city top story Harris sinergis top intelligenza artificiale uav ambiente numerazione civica Bentley leica scienze della terra Toponomastica uso del suolo
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps