NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Sabato, 01 Aprile 2017 06:51

L’eruzione dell’Etna vista dallo spazio tramite Copernicus

Redazione GEOmedia
Modified Copernicus Sentinel data (2017), processed by ESA Modified Copernicus Sentinel data (2017), processed by ESA

Attraverso le immagini fornite dai satelliti del sistema Copernicus Sentinel-2A, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), ha seguito la recente eruzione dell’Etna grazie ad un sistema che stima, attraverso sensori ottici a infrarossi, la presenza di aree ad alta temperatura (hot spot) nelle regioni vulcaniche.


Sviluppato nell'ambito delle attività del progetto ESA-GEP (Geohazard Exploitation Platform) e finanziato dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA), il sistema INGV, attualmente in fase di test operativo su un selezionato numero di vulcani attivi, ha permesso per la prima volta di poter seguire la recente eruzione dell’Etna, utilizzando immagini alla risoluzione spaziale di 20 metri.

“Il progetto ESA_GEP”, spiega Malvina Silvestri, tecnologo dell’INGV, “ha generato informazioni sulla geometria dei flussi lavici relativi all'eruzione dell’Etna, elaborando le immagini acquisite alle 10.45 (ora locale) del 16 marzo, alle 10.50 (ora locale) del 19 Marzo e alle 11.45 (ora locale) del 26 Marzo. Le immagini mostrano la lava emessa dal vulcano (figura 1, figura 2 e figura 3) e, in particolare, evidenziano in modo chiaro la presenza di colate emesse in tempi successivi e localizzate in due zone diverse. Quella più lunga passa a ovest dei Monti Barbagallo, mentre la colata che passa a Est è meno alimentata e, quindi, procede più lentamente”.

La missione Sentinel-2A, lanciata nel giugno del 2015, ha trasmesso immagini ottiche multi spettrali, grazie alle 13 bande ad alta risoluzione spaziale che monitorano i cambiamenti del suolo e della vegetazione. Sentinel-2A con il suo satellite gemello, Sentinel-2B, in orbita dal 7 Marzo, assicurano, infatti, un passaggio sulla medesima zona  ogni 2-3 giorni alle medie latitudini. I dati sono distribuiti gratuitamente a tutti gli utenti.

Con l'obiettivo di incrementare il numero di osservazioni, sono state analizzate anche immagini acquisite dalla missione satellitare Landsat-8, lanciata nel febbraio del 2013 e distribuite gratuitamente da United StatesGeological Survey (USGS).  Tramite un accordo INGV-USGS sono state attivate anche le acquisizioni del Landsat-8 durante i passaggi notturni su Etna, Vesuvio e Campi Flegrei per aumentare le osservazioni sui vulcani attivi Italiani.  Il Landsat-8, che acquisisce 11 bande tra visibile-infrarosso con una risoluzione a terra di 30 metri e di 100 metri (2 bande nell'infrarosso termico),  permette di integrare i dati del satellite Sentinel-2A/2B e fornisce  la stima della temperatura superficiale e dell'andamento dei flussi lavici (figura 4).

Le figure 5-9 mostrano la progressione dei flussi lavici nei giorni compresi tra il 16 ed il 26 marzo.

“Lo studio mostra, ancora una volta, come il telerilevamento spaziale sia un supporto importante alle attività di monitoraggio e sorveglianza vulcanica. Non solo fornisce una visione sinottica in sicurezza rispetto ai rilievi in loco, ma anche un valido strumento per il monitoraggio di vulcani in aree remote, non facilmente accessibili. Il tutto grazie alla nuova data policy delle Agenzie Spaziali orientata alla distribuzione gratuita dei dati satellitari a Enti Istituzionali", conclude Silvestri.

(Fonte: INGV)

  


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kw3u3


Trimble Italia
Trimble Italia
Dronitaly
Dronitaly

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things ISPRA landsat laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia OGC open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI slam smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • Il pazzesco geoportale della Svizzera

    Stefano Campus 16.02.2018 10:10
    RE: -
    @andrea, puoi spiegare meglio?
     
  • Il Catasto in tasca

    Fintocubano 14.02.2018 09:40
    RE: Project Manager
    Grazie, non sapevo dell'esistenza di questo servizio del MIBACT! Ho provato a cliccare su ''Aggiungi ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo