NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Mercoledì, 22 Marzo 2017 16:03

Come migliorare la qualità dei dati INSPIRE attraverso un corretto uso degli elementi ‘voidable’

Redazione GEOmedia

 L’uso appropriato degli elementi di tipo ‘voidable’ nei modelli di dati relativi alle diverse categorie tematiche degli Allegati I, II, III può contribuire sensibilmente a migliorare la qualità dei relativi set di dati INSPIRE.

Nel REGOLAMENTO (UE) N. 1089/2010 si può leggere la seguente definizione: “«voidable» (potenzialmente vuoto): indica che è possibile omettere (void) il valore di un attributo o di una relazione se i set di dati territoriali detenuti dallo Stato membro non contengono il valore corrispondente o se non è possibile derivarlo dai valori esistenti a costi ragionevoli. Qualora non sia possibile omettere l'indicazione di un attributo o di una relazione, la cella relativa alla sua «voidability» viene lasciata vuota”.

Il concetto appena espresso potrebbe erroneamente far pensare che sia valida l’equivalenza ‘voidable = opzionale’ e portare come risultato alla creazione di set di dati poveri di contenuto, in pratica poco o per nulla utilizzabili.
In questo contesto vale la pena ricordare che, nei modelli dati INSPIRE, sia gli elementi obbligatori che quelli opzionali possono essere ‘voidable’. Consideriamo i due diversi casi:

• elemento ‘voidable’ obbligatorio:
esiste almeno un valore per questo elemento nel mondo reale (cioè molteplicità minima = 1), quindi è necessario fornire il valore corrispondente (se disponibile nel set di dati territoriali del gestore del dato) o il valore di ‘void’ .

• elemento ‘voidable’ opzionale:
la caratteristica dell'oggetto territoriale può esistere o meno nel mondo reale (cioè molteplicità minima = 0). Se nel set di dati si omette completamente di fornire questo elemento, si indica implicitamente che la caratteristica non è presente nel mondo reale, mentre se si fornisce un valore ‘void’ si indica che la caratteristica può esistere, ma che nessun valore corrispondente è contenuto nel dato di origine.

É possibile specificare nell'attributo ‘nilReason’ dell’elemento voidable il motivo per cui si decide di fornire un valore 'void'. In tal caso si deve fornire uno dei valori della code list, cioè:
nilReason=http://inspire.ec.europa.eu/codelist/VoidReasonValue/Unpopulated
oppure
nilReason=http://inspire.ec.europa.eu/codelist/VoidReasonValue/Unknown
oppure
nilReason= http://inspire.ec.europa.eu/codelist/VoidReasonValue/Withheld

(Fonte: Epsilon Italia)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kw3au


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe
www.geoiotworld.com

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo