NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Lunedì, 20 Marzo 2017 18:02

Le prime immagini del sensore GLM-GOES della NOAA/NASA

Redazione GEOmedia

Sul portale informativo della NASA si possono reperire delle notizie riguardanti lo studio dei fulmini della Terra. Infatti, la NASA insieme al NOAA, sta cercando di creare un archivio di dati enorme che tratterà i cambiamenti climatici del passato e del futuro. Questa sarà una operazione particolarmente complessa, a causa della mole di dati che si riceveranno a Terra. Di seguito riportiamo alcune informazioni riguardanti i satelliti e le strumentazioni che si occupano di questo tipo di studi.

Che cos’è la GOES-R e che cos’è il GOES-16

GOES-R sta per Geostationary Operational Environmental Series R e si tratta di una serie di satelliti NASA che lavorano in orbita geostazionaria e che hanno, e avranno, il compito di mappare e di fornire dati sui fulmini nelle Americhe e nelle zone adiacenti. In questo caso, la NASA/NOAA sta usando il GOES-16 che ha una particolare strumentazione a bordo che gli permette di effettuare la mappatura. Stiamo parlando del sensore Geostationary Lightning Mapper (GLM), con la quale rilevare e prevedere il luogo in cui impatteranno i fulmini, è molto più facile. Il sensore GLM avrà il compito di monitorare, e successivamente mappare, in tempo reale, i fulmini. 

Che cos’è la NOAA

La National Oceanic and Atmospheric Administration è un ente amministrativo degli USA nato nel 1970. Questo ente spaziale è particolarmente attivo nel settore dei programmi meteorologici e si occupa del clima a carattere generale. Uno dei suoi progetti principali è quello di realizzare un archivio di dati meteorologici del passato. Questi dati verranno forniti dalle numerose stazioni meteorologiche presenti nel mondo, e aiuteranno, a capire se la dinamica atmosferica e le correnti marine oceaniche possono, e in che modo, influenzare il clima globale.

Riferimenti:

La notizia sul portale NASA in inglese

GOES-16

GOES-R

Il sensore GLM

Fonte: (NOAA/NASA)

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kw33x


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe
www.geoiotworld.com

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo