itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Due aerei Cessna-208 volano in formazione stretta per simulare due satelliti radar in orbita. Ogni aereo porta un sensore radar.

Ritorno alla stereoscopia fotogrammetrica per i satelliti radar

Un esperimento da aereo sul piatto paesaggio agricolo dei Paesi Bassi ha recentemente simulato, per la prima volta, le immagini che possono essere prese da satelliti radar orbitanti in tandem. Questo primo volo è parte di una campagna più ampia che sarà avviata in Belgio il prossimo mese. Eseguita dalla società MetaSensing olandese, la campagna segna l'apertura di un modo nuovo ed entusiasmante sul come i satelliti radar potrebbero essere utilizzati in futuro.

A differenza dei satelliti radar di oggi con i loro strumenti singoli, due satelliti in tandem potrebbero vedere la superficie terrestre da posizioni leggermente diverse per offrire una vista unica 3D del paesaggio sottostante.

Christian Barbier dal Centro Spaziale di Liegi, in Belgio ha spiegato, "ci sono molte nuove applicazioni che potrebbero trarre vantaggio da informazioni offerte dai due satelliti che lavorano all'unisono invece di uno. Per esempio, potremmo mappare il movimento dei ghiacciai in 3D, migliorare la mappatura delle colture e persino creare mappe 3D delle foreste di tutto il mondo. Il nostro processo il mese prossimo darà scienziati un'occasione unica per esplorare queste nuove misurazioni e mostrare come possono essere utilizzati per migliorare il monitoraggio agricolo dallo spazio."

In aggiunta, si studiano sviluppi allo state dell’arte per strumenti radar che lavorano insieme per raccogliere le preziose immagini.

Bernardo Carnicero di ESA, che lavora sulle tecnologie future, ha detto, "Insieme con la comunità scientifica internazionale e l'industria abbiamo trascorso gli ultimi tre anni a studiare come costruire, lanciare e gestire convogli satellitari radar nello spazio. Questi studi hanno dimostrato che tali convogli sono tecnicamente fattibile e potrebbe essere costruito in modo rapido ed economico mettendo in comune i satelliti e le risorse con altre agenzie e partner."

Un piccolo paragone con la nascita delle bi-camere fotogrammetriche degli anni 60’ o del Radar IfSAR che aveva due emettitori montati alla massima distanza possibile su un aereo è d’obbligo.

(Fonte ESA)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4ckw

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

qgis uso del suolo app ict satelliti in cantiere esri smart city protezione civile cosmo skymed sicurezza tecnologia autonomous vehicle drone trimble agricoltura topografia GTER Harris asi coste stazione totale metadati termografia GIS scansione 3D realtà virtuale terremoto microgeo archeologia teorema ISPRA dissesto idrogeologico autodesk apr dati INSPIRE geodesia catasto rilievo INTERGEO smartphone interferometria 3D telerilevamento monitoraggio satelitare codevintec leica misurazione informazione geografica rischio tecnologie avanzate ricevitori sar monitoraggio geolocalizzazione copernicus droni rilievo 3d ortofoto mobile mapping GNSS urbanistica geoportale slam autocad formazione infrastrutture lidar modellazione 3d gps gestione emergenze digital geography flytop fotogrammetria terremoti sensore geomatica oceanografia topcon ambiente mare terrelogiche osservazione della terra servizi galileo esa remote sensing rndt open geo data smart mobility esri italia geofisica intelligenza artificiale nuvole di punti technologyforall Epsilon Italia pianificazione leica geosystems faro geospatial posizionamento satellitare mappe telespazio catasto europeo storytelling big data ingv openstreetmap FOIF arcgis open data hexagon Stonex sinergis uav sentinel energia top utility aerofotogrammetria osservazione dell'universo laser scanner terra e spazio scienze della terra beni culturali asita spazio dati geografici BIM reti tecnologiche planetek territorio trasporti open source cantiere internet of things mobilita realta aumentata CAD osservazionedella terra webGIS meteorologia progettazione Toponomastica geomax cartografia 3DTarget cnr geologia
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy