NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Lunedì, 27 Febbraio 2017 10:44

Back to the desktop per la mappatura da droni in agricoltura

Redazione GEOmedia

Quanto tempo occorre dall’atterraggio di un drone al trattamento finale dei dati rilevati in agricoltura? Alcuni sistemi desktop consentono di avere una mappa NDVI mentre si è ancora sul campo. 

La mappa NDVI (Normalized Difference Vegetation Index) è un semplice indicatore grafico che può essere usato per analizzare immagini telerilevate da piattaforme aeree o satellitari e vedere se la zona rilevata contiene vegetazione viva o meno.

Con un salto previsto della popolazione mondiale a 9 miliardi entro il 2050, e quindi un corrispondente aumento del 70% del consumo agricolo, è chiaro che l'industria deve innovare per tenere il passo. E per questo l’uso dei droni in agricoltura è in continuo aumento. La stima delle opportunità di mercato per soluzioni di telerilevamento da droni in agricoltura supera oggi i 30 miliardi di dollari.

Parte di questa opportunità viene sfruttata da imprese che basano la loro attività su cloud. Gli utenti caricano le loro immagini sul cloud e ricevono le mappe in cambio. In questa situazione con il proliferare dei servizi cloud-based solo, l'elaborazione di immagini da drone su desktop può sembrare antiquato.

Una stima effettuata su alcuni utenti in zone rurali, il caricamento di un piccolo set di dati sul cloud può durare 3-4 ore, mentre quando si elaborano direttamente i dati sui propri computer portatili, una mappa NDVI è pronto in meno di 45 minuti.

Quindi, se il caricamento su cloud comporta tempi così lunghi e una delle richieste fondamentali che provengono dal settore agricolo è che la gente vuole prendere decisioni veloci e sul campo, la soluzione è quella di analizzare le immagini quando sono pronte per essere elaborare subito.

Evitando di caricare i dati sul cloud, semplicemente importando le immagini dalla SD della camera del drone al computer, si è in grado di avviare l'elaborazione subito e si può avere la mappa NDVI per scouting immediato.

Questo è il motivo per cui alcuni produttori di software dedicato offrono soluzioni desktop e cloud ibrido. Molte zone rurali hanno problemi con la connessione del telefono cellulare, per non parlare della larghezza di banda internet: non è l'ideale, i set di dati che si considerano in agricoltura in realtà hanno più probabilità di essere di grandi dimensioni, almeno rispetto ad altri settori. Se non si dispone di una connessione a banda ultralarga, occorrono ore per caricare i dati sensibili in tempo per il cloud.

Se ciò che si vuole veramente sono avere dati fruibili mentre si è ancora sul campo, l’elaborazione direttamente sul computer portatile, dopo l’atterraggio del drone è la strada da percorrere.

(Fonte Geoconnexion)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwk6r


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi asita autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici diga digital geography dissesto idrogeologico droni energia esa esri esri italia falsi colori faro FLIR flyr flytop formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA laser scanner leica lidar mappe mare menci metadati meteorite meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis Ramsar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt saie sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe
www.geoiotworld.com

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo