itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Aerofotogrammetria con droni anche su Marte?

Il Prandtl-m è un drone concettuale ad ala fissa per la mappatura di Marte che sarà testato quest'anno da una mongolfiera sopra la Terra ad un'altitudine di 35.000m per simulare la sottile atmosfera di Marte densa 1/100 di quella della Terra.

Tutte le forme della attività umana che riguardano il nostro ambiente costruito, le infrastrutture, la raccolta e la gestione delle risorse naturali sono toccate dalla mano dei cartografi. Inoltre, storicamente, i cartografi erano anche esploratori, mappatori di nuove terre e cronisti delle loro stesse scoperte. Ora l’aspirazione di esplorare ulteriormente e forse anche colonizzare Marte assume un aspetto sempre più realistico, e con esso il ruolo dei cartografi, nella più grande e più ambiziosa avventura umana.

Fino ad oggi, i rover su Marte hanno esplorato meno di 65 chilometri mentre la superficie di Marte è quasi di 90 milioni di chilometri quadrati, e anche se i satelliti in orbita intorno al pianeta come il Mars Reconnaissance Orbiter hanno fatto un grande lavoro, c'è ancora un sacco di lavoro da fare a terra per cartografare la superficie da vicino. Un modo più veloce per farlo è da aereo, e la NASA ha in progetto uno UAV, chiamato Prandtl-m, abbreviazione di “Preliminary Research Aerodynamic Design to Land on Mars.” (Il nome è da tributare allo studioso di aerodinamica tedesco Ludwig Prandtl).

Per replicare la sottile atmosfera marziana, la NASA alzerà il piccolo UAV Prandtl-m da un pallone a 30.000 metri per poi rilasciarlo.
Il piccolo UAV peserà 2,6 chili sulla Terra, o appena circa un chilo nella gravità marziana. Il lancio iniziale servirà per vedere come Prandtl-m può volare. Su lanci successivi, Prandtl-m porterà piccoli carichi, come telecamere o sensori di mappatura che registrano le radiazioni. Per replicare veramente l'esperienza di cadere nell'atmosfera marziana, un terzo lancio dovrebbe rilasciare il drone da 150.000 metri sopra la Terra per provare il volo scivolando sull’atmosfera stessa.

Un primo prototipo il Prandtl-D No. 3 ha volato il 28 ottobre 2015 controllato da un processore Arduino. Nel marzo 2016, Bowers ha pubblicato un articolo tecnico “On Wings of the Minimum Induced Drag: Spanload Implications for Aircraft and Birds,” NASA/TP – 2016-219072 (http://ntrs.nasa.gov/archive/nasa/casi.ntrs.nasa.gov/20160003578.pdf) dettagliando le proprietà aeronautiche e matematiche associate al progetto.

La NASA oggi ha selezionato cinque tecnologie spaziali da testare su aerei, palloni d'alta quota a bassa gravità, simulando razzi suborbitali. Le selezioni sono state fatte per il programma di opportunità di volo della NASA che organizza possibilità di volare e seleziona esperimenti per il supporto della NASA due volte l'anno.

"Queste selezioni consentono alle aziende e al mondo accademico di dimostrare le tecnologie di interesse per la NASA in un ambiente molto più realistico di quello che potrebbero ottenere in strutture di simulazione a terra," ha dichiarato Stephan Ord, il manager delle tecnologie per il programma delle opportunità di volo della NASA. "Questo programma è una valida piattaforma per la NASA per maturare tecnologie all'avanguardia che hanno il potenziale di supportare future esigenze agenzia di missione".

https://www.nasa.gov/directorates/spacetech/flightopportunities/index.html 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cdu

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

posizionamento satellitare cnr sicurezza top infrastrutture technologyforall internet of things telerilevamento sinergis CAD fotogrammetria terra e spazio planetek spazio misurazione Toponomastica dati geografici Here utility termografia tecnologie avanzate smart city terremoto gestione emergenze geofisica open source ISPRA sentinel servizi laser scanner modellazione 3d cosmo skymed energia asi cantiere mappe openstreetmap BIM geoportale ricevitori ambiente intelligenza artificiale arcgis reti tecnologiche scienze della terra interferometria digital geography teorema asita monitoraggio satelitare esa cartografia meteorologia oceanografia geodesia protezione civile GIS leica INTERGEO esri italia agricoltura rilievo monitoraggio geomax GNSS gps 3D autodesk sar terremoti codevintec open geo data storytelling apr coste open data qgis mobile mapping remote sensing tecnologia eGEOS sensore satelliti territorio catasto geolocalizzazione ingv in cantiere urbanistica dati osservazione della terra droni Harris big data autonomous vehicle trimble webGIS progettazione rilievo 3d autocad terrelogiche mare geologia leica geosystems 3DTarget hexagon metadati uav app drone esri ortofoto aerofotogrammetria catasto europeo realtà virtuale topografia ict dissesto idrogeologico mobilita galileo flytop Stonex GTER numerazione civica pianificazione geomatica rischio copernicus formazione rndt stazione totale smart mobility osservazione dell'universo nuvole di punti beni culturali uso del suolo Bentley lidar FOIF topcon geospatial INSPIRE archeologia trasporti scansione 3D realta aumentata faro top world smartphone microgeo
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy