itzh-CNenfrdeptrues
AeroVision
3D Target
Harris

Nuova tecnologia 3D per misurare il mare in tempo reale

Dallo studio di Ca’ Foscari e Ismar-Cnr, pubblicato su Journal of Physical Oceanography, sono nati un progetto e un brevetto per misurare le onde estreme da navi e piattaforme. Gli Scienziati che hanno preso parte al progetto hanno scoperto che le onde estreme sono più frequenti di quanto si ritenesse finora.

Osservando il moto ondoso in mare aperto con occhi ‘elettronici’, in grado di ricostruirlo in 3D, scienziati dell’Università Ca’ Foscari Venezia e dell’Istituto di scienze marine del Consiglio nazionale delle ricerche(Ismar-Cnr) hanno scoperto che onde eccezionalmente alte sono più frequenti di quanto finora ipotizzato dai modelli teorici. Lo studio, pubblicato sulla rivista Journal of Physical Oceanography, è stato svolto nel Mar Adriatico, ma il risultato è di rilievo globale perché riguarda il comportamento delle onde in tutti i mari. Dalla scoperta sono nati il progetto Wass (Waves Acquisition Stereo System) e un brevetto. Gli autori dell’invenzione (Alvise Benetazzo, Francesco Barbariol, Sandro Carniel e Mauro Sclavo dell’Ismar-Cnr e Filippo Bergamasco e Andrea Torsello di Ca’ Foscari) hanno sviluppato una tecnologia, che coniuga computer vision e oceanografia, in grado di misurare il mare in tempo reale anche da telecamere in movimento, posizionate quindi su navi e piattaforme mobili. “La sfida era misurare una superficie in movimento, il mare, usando telecamere che cambiano continuamente il loro punto di vista, perché montate su strutture galleggianti in movimento”, spiega Andrea Torsello, professore di intelligenza artificiale al Dipartimento di scienze ambientali, informatica e statistica di Ca’ Foscari, “ci siamo riusciti dopo due anni di sviluppo e test in mare aperto”.

Le onde estreme sono quelle che superano il doppio dell’altezza delle onde mediamente attese nel corso di una mareggiata. Conoscere la loro reale frequenza di accadimento è cruciale non solo per gli oceanografi alle prese con il miglioramento delle teorie, ma anche per i progettisti di navi e piattaforme off-shore. Il sistema sfrutta l’intelligenza artificiale: due telecamere digitali sincronizzate fissano la superficie del mare e individuano punti in comune che la visione stereoscopica riesce a collocare nello spazio tridimensionale. I dati ricavati dai punti osservati, abbinati a risultati dei modelli statistici, vengono elaborati secondo un codice numerico (open source qui) che ricostruisce la superficie del mare in 3D. L’operatore, da remoto, vede sul proprio schermo la ricostruzione tridimensionale delle onde, ma soprattutto ha a disposizione in tempo reale dati riguardanti una superficie ondosa di 10 chilometri quadrati. “Il sistema che abbiamo messo a punto offre informazioni preziose per la sicurezza di chi opera in mare”, afferma Alvise Benetazzo, ricercatore Ismar-Cnr di Venezia “ma ha permesso anche un avanzamento nella conoscenza scientifica del moto ondoso. L’esigenza di stime più accurate sulle onde estreme è resa ancora più urgente dai cambiamenti climatici in corso: con la frequenza di fenomeni intensi ed eccezionali destinata ad aumentare, diventa cruciale migliorare le previsioni sui possibili impatti delle mareggiate”.

Link al video tratto dal sito del progetto, che abbina vista della telecamera a ricostruzione 3D
(Fonte: Cnr)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4u3x

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
ProfiloColore
VidaLaser

Naviga per temi

INTERGEO Stonex catasto europeo gestione emergenze satelliti geofisica archeologia cantiere open data big data terremoto energia Toponomastica cartografia coste utility modellazione 3d asi remote sensing top dati INSPIRE urbanistica trasporti leica terra e spazio autodesk pianificazione servizi agricoltura gps eGEOS ISPRA uav esri geoportale BIM SIFET misurazione intelligenza artificiale rilievo formazione scansione 3D geospatial asita stazione totale ricevitori app Bentley copernicus e-geos storytelling ict esri italia Harris mobile mapping in cantiere tecnologie avanzate osservazione della terra ambiente CAD webGIS dissesto idrogeologico terremoti sicurezza aerofotogrammetria GIS sensore geomax trimble osservazione dell'universo sar open source dati geografici catasto cnr rischio codevintec telerilevamento beidou ingv flyr topografia faro geolocalizzazione OGC digital geography planetek reti tecnologiche infrastrutture sentinel tecnologia ortofoto metadati hexagon rndt realta aumentata protezione civile progettazione smart mobility meteorologia beni culturali oceanografia fotogrammetria realtà virtuale mobilita arcgis topcon 3D cosmo skymed sinergis qgis openstreetmap smartphone rilievo 3d Here posizionamento satellitare droni smart city internet of things galileo geologia termografia autocad monitoraggio multispettrale uso del suolo nuvole di punti lidar geomatica top world geodesia laser scanner flytop mare scienze della terra open geo data territorio leica geosystems numerazione civica GNSS spazio FOIF technologyforall esa interferometria apr top story mappe teorema
GeoBusiness 2019

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps