NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Giovedì, 19 Gennaio 2017 15:51

WaterView: monitoraggio e misurazione di Big Data meteorologici

Redazione GEOmedia

WaterView è una startup fondata nel 2015, inserita nell’incubatore I3P del Politecnico di Torino, che sviluppa servizi per la raccolta e l’analisi di Big Data in ambito meteorologico. La società è specializzata nell’ideazione di sistemi intelligenti per il monitoraggio di fenomeni atmosferici e parametri ambientali.

WaterView è in grado di rivoluzionare la raccolta dati in ambito meteorologico grazie ad una nuova tecnica che misura l’intensità della precipitazione atmosferica, a partire dalle caratteristiche strisce luminose lasciate dalle gocce d’acqua in filmati e fotografie, che possono provenire da macchine fotografiche tradizionali, telecamere di rete, webcam o smartphones.

Attraverso un’ampia gamma di dispositivi compatibili e ai propri algoritmi di elaborazione, WaterView sta aprendo la strada alla raccolta di grandi quantità di dati pluviometrici di fondamentale interesse per diversi settori, in cui conoscere l’intensità delle precipitazioni può fare la differenza: dagli operatori della protezione civile alla gestione e controllo della viabilità; dai fornitori di servizi meteo ai consorzi agricoli ai grandi eventi all’aperto.
La tecnologia di WaterView è protetta da un brevetto che attualmente si trova in fase di estensione internazionale.
Di recente il Club degli Investitori, il più grande network regionale di business angel in Italia, ha annunciato un nuovo investimento per un valore di 475 mila euro a favore di WaterView.

Una Rivoluzione per la Misura della Pioggia

Gli strumenti per la misura della pioggia attualmente disponibili sebbene affidabili non sono sufficientemente diffusi, connessi e integrati sul territorio per soddisfare la “fornitura” di dati sull’intensità e la distribuzione delle precipitazioni nella quantità e con la qualità richiesta dal mercato.WaterView_img_02.jpgWaterView rivoluziona l’industria della raccolta dati in ambito meteorologico grazie a una tecnica totalmente nuova per misurare l’intensità della precipitazione atmosferica a partire dalle caratteristiche strisce luminose lasciate dalle gocce d’acqua in una fotografia o in un filmato effettuati in condizioni di pioggia.
Le immagini adatte a questo scopo possono provenire da macchine fotografiche tradizionali, telecamere di rete, webcam e in un prossimo futuro anche da smartphone, che diventeranno così altrettanti pluviometri non convenzionali. Anche le videocamere delle reti di sorveglianza possono essere utilizzate quali sorgenti ad alta frequenza di immagini adatte al monitoraggio delle precipitazioni.

Tre principali parametri determinano la profondità di campo di un’immagine e la lunghezza delle tracce luminose lasciate su di essa dalla pioggia: lunghezza focale, tempo di esposizione e apertura del diaframma.
La conoscenza di questi parametri permette di determinare un volume entro cui sarà possibile calcolare la posizione, la dimensione e la velocità delle gocce visibili ottenendo così di conseguenza una stima dell’intensità di pioggia al suolo.

WaterView_img_01.jpg

I Campi di Applicazione
Grazie all’ampia gamma di dispositivi compatibili e ai propri algoritmi di elaborazione WaterView propone differenti soluzioni per il monitoraggio delle precipitazioni atmosferiche, che possono essere utili in diversi campi di applicazione, tra cui:

  •  AGRICOLTURA per programmare i cicli di irrigazione e la pianificazione di trattamenti fitosanitari in base alla quantità di acqua piovuta in uno specifico lasso di tempo;
  • TRASPORTI per la sicurezza su strade ad alto scorrimento e autostrade, in particolare per i sistemi di segnalazione agli utenti (radio, tabelloni stradali) su visibilità e condizioni del manto stradale e per la gestione logistica delle squadre di intervento;
  • SPORT per supportare le società fornitrici di previsioni meteorologiche ai circuiti di F1 e Moto GP e per consentire valutazioni accurate dei terreni di gara per altri sport (es. ciclismo, calcio, ecc.).

Da un punto di vista tecnico, WaterView implementa i propri algoritmi attraverso un servizio cloud: una soluzione che consente di connettere reti di sensori fissi e continuamente attivi (telecamere di rete) e reti di sensori mobili e a funzionamento più sporadico (smartphone), aprendo la strada alla raccolta di grandi quantità di dati pluviometrici di fondamentale interesse per differenti molteplicità di clienti, tra cui:

- i fornitori di servizi meteo (nazionali e internazionali, pubblici e privati);
- le società di assicurazioni: si stima infatti che fino al 10% del PIL globale sia potenzialmente a rischio per eventi metereologici estremi;
- gli operatori del settore viabilità (a livello urbano o extraurbano): il 60% degli incidenti automobilistici mortali avviene solitamente in condizioni di pioggia;
- gli operatori della protezione civile: su scala globale si valuta che, tra il 1980 e il 2014, i decessi dovuti a causa di eventi metereologici siano stati circa 870.000;
- i consorzi agricoli e le società operanti nel settore dell’agricoltura di precisione;
- enti e consorzi responsabili di bacini fluviali e canali irrigui;
- utilities interessate a monitorare la risorsa idrica nivale: si constata che il 70% dei blackout è spesso dovuto a fenomeni metereologici e più del 30% del potenziale idroelettrico di un bacino dipende dagli accumuli nivali.

Il Mercato dei Servizi Meteo
Quello dei servizi meteo è un mercato che si caratterizza per una dimensione di circa 30 Mld di dollari e che negli ultimi anni ha registrato una forte crescita con tassi superiori al 10% l’anno. Si stima infatti che entro il 2020 il valore del mercato dei servizi meteo dovrebbe attestarsi su valori superiori a 38 Mld di dollari. Attualmente per la misurazione della pioggia al suolo si utilizzano i pluviometri, strumenti tradizionali che sono affidabili ma ancora troppo poco diffusi sul territorio a causa dei loro elevati costi di installazione e manutenzione, con conseguenti ricadute negative sulla quantità e qualità dei dati rilevati e sulla valutazione dei possibili effetti negativi legati alle precipitazioni.
La variabilità spazio-temporale delle precipitazioni impone anche l’utilizzo di altri metodi di misurazione dell’intensità di pioggia, come ad esempio i radar meteorologici: questi strumenti da un lato consentono di coprire superfici molto estese, dall’altro perdono significativamente di accuratezza nell’analisi di eventi caratterizzati da intensità elevate ed elevata variabilità spaziale. Anche in questo caso la loro diffusione è fortemente inibita dagli elevati costi d’acquisto e manutenzione.
WaterView interpreta l’esigenza di un monitoraggio pluviometrico più diffuso ed economico trasformando gli apparecchi di visione in strumenti capaci di vedere e misurare la pioggia.

(Fonte: WaterView)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kwphy



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma
Master GEO_GST

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things isola ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video clip TFA2017

GEOWEB
GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo