itzh-CNenfrdeptrues
La città di San Pietroburgo (Russia)

ESA - Immagine della settimana: San Pietroburgo (15 Gennaio 2017)

L’immagine satellitare con cui riprendiamo nel Nuovo Anno la nostra rubrica settimanale mostra la città russa innevata di San Pietroburgo, nella Baia della Neva, in una acquisizione effettuata  da Sentinel-2A (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Sebbene questa immagine possa sembrare realizzata in bianco e nero, in realtà essa è in colori reali (true color), con la neve e la scarsità di vegetazione del periodo invernale che conferiscono poco colore alla scena.

Una delle caratteristiche più evidenti è la vasta area di neve e ghiaccio che ricopre l’acqua. Osservando un po’ più da vicino la sezione centrale bassa dell’immagine possiamo notare una zona in cui le navi  rompighiaccio hanno creato un passaggio diretto da e per la città portuale di San Pietroburgo. Le navi lasciano il porto  in direzione ovest seguendo un canale che attraversa la diga di San Pietroburgo  a sud dell’isola di Kotlin ed raggiungendo infine il Golfo di Finlandia.

Ci sono altre cinque aperture  lungo il tratto settentrionale della diga, prive di ghiaccio  grazie al fatto che il fluire dell’acqua ne previene il suo congelamento.

Il complesso della diga - lunga 25 km -  protegge la città dalle mareggiate e contemporaneamente funge da ponte tra la terraferma e l’isola di Kotlin.

Sulla destra osserviamo il fiume Neva scorrere attraverso il centro di San Pietroburgo, città che è la seconda della Russia in estensione. Talvolta soprannominata ‘la Venezia del Nord’ per i suoi numerosi canali e gli oltre 400 ponti, il centro cittadino ha una storia che risale al 1703 e venne edificato dallo zar Pietro il Grande.

Oggi San Pietroburgo è stata decretata dall’UNESCO Sito Patrimonio dell’Umanità.

Questa immagine è stata catturata dal satellite Sentinel-2A del Programma Copernicus il 17 febbraio del 2016.

---

Saint Petersburg

The snow-covered Russian city of Saint Petersburg on the Neva Bay is pictured in this image from the Sentinel-2A satellite.

While this image may appear to be in black and white, it is in true colour – although the snow cover and lack of vegetation during the winter lend very little colour to the scene.

One of the most prominent features is the large area of ice and snow covering the water. Looking closer to the lower-central part of the image, we can see where icebreakers have created a straight route to and from Saint Petersburg’s port. The boats leaving the port continue west following a channel through the Saint Petersburg Dam south of Kotlin Island, and into the Gulf of Finland.

There are five other breaks along the northern stretch of the dam without ice because the flowing water prevented freezing.

The 25 km-long dam complex protects the city from storm surges, and also acts as a bridge from the mainland to Kotlin Island.

On the right, the Neva River flows through the centre of Saint Petersburg – Russia’s second largest city. Sometimes dubbed the ‘Venice of the North’ for its numerous canals and more than 400 bridges, the city centre dates back to 1703 and was built by Tsar Peter the Great.

Today, Saint Petersburg is a UNESCO World Heritage Site.

This image was captured by the Copernicus Sentinel-2A satellite on 17 February 2016.

(Fonte: ESA - Image of the week: "Saint Petersburg". Traduzione: Gianluca Pititto)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khdkf

Vedi anche

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps