itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Il Giappone visto da Sentinel-3A

ESA - Immagine della settimana: Giappone (27 Novembre 2016)

Il satellite Sentinel-3A il 12 maggio 2016 ha acquisito questa immagine in  falsi-colori di una parte del Giappone (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Il Giappone si estende su un’area vulcanica  all’interno del cosiddetto Anello di Fuoco del Pacifico ed è soggetto  a terremoti – come quello che  si è verificato  proprio agli  inizi  di  questa  settimana.  Nel 2011 il terremoto  Tōhoku ed il conseguente tsunami causò danni ingentissimi  e la perdita di oltre 15000 vite umane.

In questa immagine possiamo localizzare la Linea Tettonica Mediana – un sistema di faglia che corre principalmente lungo la direttrice nordest-sudovest nella parte meridionale del  Giappone. Mentre non è possible osservare la linea di faglia in senso stretto, tuttavia i fiumi che hanno avuto origine  lungo di essa  ed i terreni e le costruzioni che sorgono nei loro bacini appaiono come elementi lineari (in basso a sinistra nell’immagine in corrispondenza delle isole più piccole), dando così la possibilità di localizzare intuitivamente la direttrice generale della faglia.

Le acque che circondano le isole appaiono di colore blu sul lato sinistro dell’immagine, ma grigio scuro sul lato destro. Questa circostanza si deve all’effetto  dello scintillio del sole sull’acqua.

Dando un’occhiata un po’ più da vicino  alle acque lungo la costa è possibile riconoscere le foci dei fiumi nelle aree di colore blu chiaro, in corrispondenza delle quali negli oceani  vengono scaricati sedimenti.

Lanciato nel febbraio del 2016, il satellite Copernicus Sentinel-3A trasporta quattro sensori che lavorano in modo coordinato, circostanza che rende questa missione la più complessa della serie Sentinel.

Il sensore denominato Ocean and Land Colour Instrument è stato utilizzato per generare questa immagine ed offre un inedito punto di vista della Terra, monitorando gli ecosistemi oceanici, offrendo prezioso supporto all’agricoltura ed alla gestione dei raccolti e fornendo misurazioni sugli  aerosol atmosferici e sulle  coperture nuvolose.

---

Japan

Sentinel-3A captured part of Japan on 12 May in this false-colour image. Sitting on a volcanic zone in the Pacific Ring of Fire, Japan is prone to earthquakes – like the one felt earlier this week. In 2011 the Tōhoku earthquake and subsequent tsunami caused widespread damage and claimed over 15 000 lives.

In this image we can make out the location of the Median Tectonic Line – a fault system running primarily northeast–southwest in the southern part of the country. While it is impossible to see the fault line itself, rivers formed along the line and the fields and buildings in these river basins are visible as linear elements in the lower left part of the image on the smaller islands, giving a sense of the general location of the fault.

The water surrounding the islands appears blue on the left side of the image, but dark grey on the right. This is an effect of the Sun glinting off the water.

Taking a closer look at the waters along the coast, the light blue areas show the outflow of rivers, carrying sediments into the ocean.

Launched in February 2016, the Copernicus Sentinel-3A satellite carries four sensors working together, making it the most complex of all the Sentinel missions.

The Ocean and Land Colour Instrument used to create this image offers a new eye on Earth, monitoring ocean ecosystems, supporting crop management and agriculture, and providing estimates of atmospheric aerosol and clouds.

 

(Fonte: ESA - Image of the week: "Japan". Traduzione: Gianluca Pititto)

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

posizionamento satellitare GIS GNSS top faro 3D trasporti sentinel galileo monitoraggio satelitare protezione civile gestione emergenze geodesia coste servizi topografia pianificazione INSPIRE geofisica dati geografici sicurezza formazione leica smartphone termografia reti tecnologiche cnr uso del suolo terra e spazio mobilita internet of things dati archeologia esa uav esri italia catasto energia telerilevamento Stonex catasto europeo apr monitoraggio teorema terremoti BIM technologyforall arcgis webGIS open geo data modellazione 3d mobile mapping copernicus in cantiere rilievo ortofoto ict esri Harris lidar microgeo oceanografia geologia INTERGEO geomax eGEOS ingv topcon osservazione della terra beni culturali geoportale scansione 3D rischio beidou territorio misurazione mappe utility asi droni flytop aerofotogrammetria agricoltura Epsilon Italia satelliti osservazione dell'universo smart mobility smart city autonomous vehicle openstreetmap urbanistica autocad hexagon trimble geolocalizzazione realta aumentata digital geography geospatial app ambiente leica geosystems cosmo skymed stazione totale Here geomatica sensore tecnologia sinergis open source top world CAD FOIF SIFET scienze della terra codevintec planetek Bentley realtà virtuale big data metadati cantiere laser scanner terrelogiche interferometria spazio storytelling cartografia Toponomastica infrastrutture terremoto open data ISPRA autodesk progettazione asita rilievo 3d gps remote sensing rndt qgis intelligenza artificiale mare sar nuvole di punti GTER ricevitori fotogrammetria tecnologie avanzate meteorologia dissesto idrogeologico
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps