NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Giovedì, 24 Novembre 2016 08:36

Quali strumenti per l'allerta Meteo in Regione Liguria?

Renzo Carlucci

Quello che colpisce in questo momento in cui tra l'altro si sta vivendo una allerta meteo "rossa" in Liguria è la completa mancanza di strumenti che consentano di prevedere dove e come si possono manifestare episodi di sovraccarico idrico dovuti ad effetti meteorologici. La conoscenza dell'andamento altimetrico del territorio è la base per qualsiasi piano di azione che possa evitare di diramare allerta in ogni zona il che significa annullare l'azione.

Lo strumento di monitoraggio territoriale basato sui modelli realistici del territorio può aiutare ad individuare con precisione dove e come si manifesterà una alluvione nel caso si presenti un evento meteo di cui si può ipotizzare la portata con grande approssimazione. Ciò nonostante le zone di allerta diffuse ai cittadini riguardano enormi zone e non danno assolutamente idea di che tipo di danno si possa ricevere. Anzi i confini delle zone seguono limiti amministrativi delle ex-province.

Il Geoportale della Regione Liguria mette a disposizione una mappa delle zone inondabili, e riporta letteralmente "nella versione 3D ottengono maggiore realismo venendo visualizzate anche sul piano dell’altezza". Saranno di effetto sicuramente a guardarle sul web, ma quale la loro utilità effettiva per il cittadino che voglia porsi in salvo?

Basta andare sul web all'indirizzo specificato per ricevere un Errore come questo:

AreeInondabili

Chiaramente in un momento in cui uno strumento del genere serve il servizio va in tilt.

Eppure abbiamo tutti gli strumenti ed abbiamo acquisito i dati necessari per dare ai cittadini un servizio di conoscenza dettagliato sulla pericolosità del loro territorio e per proporre interventi di ripristino della naturale  confluenza idrica. Le aree di esondazione possono anche essere utilizzate in alcuni periodi, ma bisogna rendere edotti coloro che le vivono che un evento naturale di esondazione è inarrestabile e deve avere il suo corso.

Per far questo necessita una accurata conoscenza dell'andamento altimetrico del terreno e questa è una informazione di cui si dispone, ma non se ne vuole ancora fare l'uso che necessita. Forse solo per pura ignoranza.

Eppure si fanno incontri come questo:

 www ambienteinliguria it eco3 DTS EDITORIALE 20161122 idro pdf

"Progettare l'assetto idrogeologico" è un incontro rivolto ai professionistici e ai tecnici della pubbliche amministrazioni che si terrà dalle ore 9 alle 16, nella Sala del maggior Consiglio al Palazzo Ducale di Genova, il 30 novembre 2016. E' uno dei ventuno seminari organizzati da Italiasicura, MATTM e le Regioni per incontrare i professionisti e i tecnici delle pubbliche amministrazioni. Scopo del seminario è approfondire e confrontarsi sulle "Linee guida per le attività di programmazione e progettazione degli interventi per il contrasto del rischio idrogeologico".

Io spero che in questi incontri si parli degli strumenti di conoscenza del territorio perchè senza di questi qualsiasi intervento di progetto è completamente inutile, anzi deleterio.



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico Barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo