Il Catasto a supporto della valutazione dei danni nell'emergenza terremoto, un esempio a Castel Santangelo sul Nera

Stampa

L'intervento del Catasto Italiano nell'ambito del progetto Copernicus per la emergenza del terremoto che ha colpito il Centro Italia è da pochi giorni visibile essendo stato utilizzato per la realizzazione delle prime cartografie rilasciate per la valutazione dei danni. Il sistema Copernicus per le emergenze è stato attivato su richiesta dalla Presidenza del Consiglio il 26 ottobre 2016 ed è stato catalogato con il nome EMSR190. Il dato vettoriale del Catasto attualmente disponibile nel sistema WGS1984 su tutta Italia ha dato prova della sua affidabilità portando certezza ai rilevamenti visuali su immagini satellitari in corso per la valutazione dei danni.

La cartografia del Catasto, pur avendo informazioni limitate rispetto alle classiche cartografie di carattere tecnico, conserva le più importanti informazioni utili in caso di gestione delle emergenze, in quanto, oltre a collegare i dati amministrativo tributari relativi ai proprietari, è quella oggi più aggiornata sul tema delle divisioni proprietarie e quindi degli immobili. Qualsiasi variazione che ha carattere amministrativo (eredità, frazionamento, nuova costruzione, demolizione, etc.) è riportata nel termine di poche decine di minuti sul sistema con visibilità nelle mappe automaticamente generate. Le centinaia di migliaia di variazioni sugli immobili e sui terreni effettuate in Italia ogni anno sono con estrema velocità riportate automaticamente sulle mappe grazie alla procedura PREGEO usata per autorizzare li atti geometri e amministratrivi dei geometri che le attuano. Questo conferisce alla mappa catastale una buona affidabilità

E nel caso di un emergenza come quella del terremoto tale informazione si rivela di straordinaria efficacia per velocizzare le opere di coloro che procedono all'individuazione del danno subito.  

 

La mappa vettoriale di seguito riportata riporta il dato Catastale con edifici in poligoni verdi.

CastelSantangeloNeraQGIS

 

Il dato catastale è riportato come Italian National Data:

ItalyNationalData

 

 

Utilizzando il dato catastale la stima dei danni è facilitata, nel caso in esame la tabella allegata alla mappa:

Consequences EMSR190 27CASTELSANTANGELOSULNERAAERIAL GRADING OVERVIEW v2 100dpi pdf 1 pagina

I dati vettoriali disponibili e scaricabili congiuntamente alle mappe raster elaborate contengono sia i classici livelli Shape per l'uso in classici sistemi GIS che il KMZ utilizzabile per la visione diretta su Google Earth:

CastelSantangeloNeraGOOGLEEARTH

 

Il sistema di emergenza Copernicus, integrato dai dati del Catasto Italiano sta provvedendo alla realizzazione delle mappe dei danni subiti in tutti comuni interessati. Tutti possono avvelersene scaricando i dati dal sistema Copernicus per le emergenze:

http://emergency.copernicus.eu/mapping/list-of-components/EMSR190 

In allegato al presente articolo i vettoriali e il raster utilizzati per l'esempio.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche