itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Sulla gestione degli eventi estremi in memoria dell'alluvione del 1966

In memoria dell’eccezionale evento meteorologico che ha colpito il nord Italia nel novembre del ‘66, prenderanno atto una serie di iniziative che richiamano l’impegno della comunità scientifica nello studio di eventi estremi.

Il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) celebra la ricorrenza con due convegni focalizzati sull’impegno della comunità scientifica nell’affrontare e prevedere eventi estremi. Il primo appuntamento è oggi 27 ottobre a Venezia, dove l’Istituto di scienze marine (Ismar) organizza ‘1966-2016: il contributo della scienza per la difesa della città di Venezia e del suo territorio’ (Sale Apollinee del Teatro La Fenice, in collaborazione con Comune di Venezia, Università Ca’ Foscari, Iuav e Università di Padova). Sabato 29 ottobre, sempre a Venezia è la volta dell’Open day Ismar-Cnr aperto alle scuole (Tesa 102 Arsenale - Castello 2737/F), con interventi del climatologo Luca Mercalli e dell’ex direttore di Ismar-Cnr Luigi Cavaleri. 

“I fatti del ’66 offrirono per la prima volta l’occasione di far convergere studiosi di estrazione diversa in una riflessione comune su temi ‘nuovi’ rispetto al contesto di allora, come la salvaguardia dei beni culturali, la prevenzione dall’inquinamento, la tutela della biodiversità, la sostenibilità dello sviluppo umano”, afferma Fabio Trincardi, direttore Ismar-Cnr. “L’esperienza ha posto le basi per un approccio multidisciplinare ai problemi ambientali e della laguna in particolare, evidenziando la necessità di far lavorare fianco a fianco comunità scientifica e istituzioni. Con la prossima messa in funzione del nuovo sistema di regolazione delle maree la comunità scientifica è chiamata ad affrontare nuovi temi, come la previsione della risposta dell’ecosistema lagunare a eventuali chiusure ripetute, ravvicinate e, in alcuni casi, prolungate”.
“Il fenomeno dell’acqua alta ‘record’ di 194 cm., mai più raggiunto da allora, fu sottostimato e trovò la popolazione impreparata”, ricorda Cavaleri. “Ma sul fronte della previsione la ricerca ha fatto enormi passi avanti: secondo recenti esperimenti, applicando ai dati dell’epoca i modelli e i mezzi di calcolo oggi disponibili, saremmo in grado di quantificare la perturbazione con un anticipo fino a sei giorni”.
Da giovedì 3 novembre le celebrazioni si spostano a Firenze: il Consorzio Lamma (Cnr e Regione Toscana) organizza presso l’Accademia dei Georgofili il worskhop ‘Arno 1966: 50 anni di meteorologia’, dedicato a una disciplina che sempre più interseca competenze diverse, dalla fisica dell'atmosfera alla modellistica numerica, della sensoristica al calcolo parallelo. Nel pomeriggio di venerdì 4, infine, il presidente del Cnr Massimo Inguscio partecipa alla commemorazione solenne di Palazzo Vecchio organizzata dal Comune di Firenze, alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella e di numerosi altri rappresentanti istituzionali. “Dopo la severa lezione del ’66, l’Italia ha cominciato ad affrontare con maggiore consapevolezza le calamità naturali”, commenta Inguscio. “Lo studio dei fenomeni che possono generare rischi si è affermato come una delle più rilevanti tematiche di ricerca del Cnr: ciò che si è fatto in questi anni è importante, ma è stato pagato il prezzo di troppe vittime e troppi danni. La comunità scientifica può e deve fare ancora molto per assicurare una effettiva difesa del suolo e delle popolazioni che lo abitano, lavorando in maniera trasversale e guardando unita al futuro”.

(Fonte: CNR)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq6rq

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

smart city internet of things galileo GIS qgis tecnologia termografia monitoraggio satelitare webGIS dissesto idrogeologico osservazione dell'universo droni pianificazione apr geomax stazione totale geodesia top teorema interferometria esa leica geosystems asita cartografia posizionamento satellitare protezione civile trasporti copernicus modellazione 3d uav meteorologia oceanografia osservazione della terra planetek mobilita satelliti geoportale GNSS esri INSPIRE agricoltura remote sensing gps autonomous vehicle smart mobility catasto lidar open data terrelogiche Epsilon Italia infrastrutture innovative rilievo ambiente dati progettazione Stonex geolocalizzazione realtà virtuale eGEOS geofisica cnr mobile mapping catasto europeo GTER arcgis ISPRA sar INTERGEO beni culturali rilievo 3d ricevitori CAD SIFET geologia Here openstreetmap intelligenza artificiale storytelling realta aumentata servizi monitoraggio sicurezza misurazione smartphone spazio leica BIM formazione in cantiere FOIF mare sinergis Harris topografia autodesk asi Toponomastica trimble ingv metadati big data infrastrutture aerofotogrammetria open geo data scansione 3D mappe laser scanner dati geografici open source tecnologie avanzate terra e spazio top world geomatica flytop geospatial scienze della terra terremoti terremoto nuvole di punti topcon ortofoto fotogrammetria reti tecnologiche app rischio uso del suolo utility energia Bentley cantiere sensore codevintec OGC faro sentinel esri italia digital geography microgeo coste telerilevamento technologyforall autocad archeologia 3D ict territorio cosmo skymed rndt urbanistica hexagon
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
GeoBusiness 2020

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps