itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Rappresentazione 3D del modello di slip a una faglia. La linea gialla rappresenta l’intersezione del piano del modello con la superficie. Le linee rosse sono tracce di faglie dalla bibliografia geologica. Il simbolo rosso è l’evento principale, i simboli verdi sono gli altri eventi maggiori fino al 29/8

Terremoto in Italia centrale: modellazione della sorgente sismica e trasferimento di stress sulle faglie limitrofe

Individuare, tra le faglie note o ancora non note, quella che probabilmente ha generato il terremoto e capire la distribuzione del movimento (slip) lungo il piano della faglia stessa. È l’obiettivo del Gruppo di Lavoro INGV/IREA-CNR, (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - INGV e Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per il Rilevamento Elettromagnetico dell’Ambiente, CNR-IREA di Napoli) che ha analizzato i  dati satellitari per lo studio delle sorgenti sismiche.

 Individuata la faglia che ha generato il terremoto, geologi e sismologi confrontano i dati di tale modellazione con i dati ottenuti dai rilievi di campagna e le faglie già note in letteratura al fine di caratterizzare i movimenti attuali e possibilmente anche la storia sismica della faglia stessa. Oltre alla geometria del piano di faglia è importante simulare (e quindi ipotizzare il più realisticamente possibile) il movimento della faglia stessa andando a determinare quali porzioni di questa si sono attivate durante il terremoto e di quanto si sono mosse. Partendo dalle mappe di spostamento della superficie terrestre è possibile effettuare una modellazione della sorgente sismica del terremoto, ovvero  riprodurre il campo di spostamento misurato dal satellite con un campo di spostamento teorico, facendo variare, di volta in volta, i parametri che caratterizzano la sorgente sismica (faglia sismo genetica) sino ad ottenere una sorgente sismica teorica il cui campo di spostamento in superficie risulta essere molto simile a quello osservato dal satellite.. Tale approccio alla modellazione è chiamato “inversione del dato”, proprio perché partendo dal dato osservato si cerca di identificare e caratterizzare la sorgente della deformazione. La geologia ci insegna che le faglie non sono dei piani regolari che tagliano la crosta terrestre, ma piuttosto delle superfici articolate che mostrano anche grandi variazione della loro orientazione nello spazio e nel loro angolo di inclinazione rispetto alla verticale. Tuttavia, per poter risolvere in tempi brevi (quelle di un’emergenza sismica) un problema numerico, ovvero quello di riprodurre, con simulazioni al computer, il campo di spostamento prodotto dal movimento di una faglia, bisogna introdurre delle semplificazioni. Nei modelli le faglie vengono semplificate come dei piani e la crosta terrestre come un mezzo perfettamente elastico, tralasciando complicazioni geometriche e comportamenti anelastici della crosta.

Per approfondire vai al Blog INGVterremoti:

https://ingvterremoti.wordpress.com/2016/09/21/terremoto-in-italia-centrale-modellazione-della-sorgente-sismica-e-trasferimento-di-stress-sulle-faglie-limitrofe/

 

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4uaw

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA immagine della settimana

Zone umide del fiume Uruguay
GIS g3w suite Qgis

Naviga per temi

realtà virtuale rndt realta aumentata dati geografici Septentrio geospatial infrastrutture codevintec esa landsat social media Bentley BIM cartografia autocad scansione 3D remote sensing arcgis GIS spazio asita cloud terra e spazio menci catasto Harris big data topografia asi internet of things ISPRA rilievo 3d modellazione 3d ortofoto flytop OGC droni beni culturali gps terremoto interferometria smart city open source servizi sensore top story ingv cnr INSPIRE Toponomastica urbanistica apr telerilevamento 3D oceanografia utility GNSS smartphone trasporti reti tecnologiche FOIF smart mobility nuvole di punti top digital geography leica geosystems storytelling ict SIFET geomax Bentley Systems hexagon meteorologia cosmo skymed coste progettazione uso del suolo satelliti aerofotogrammetria mare sicurezza lidar open geo data INTERGEO MapInfo autodesk flyr scienze della terra sar esri pianificazione misurazione geologia tecnologia intelligenza artificiale mobilita CAD laser scanner multispettrale planetek esri italia copernicus cantiere archeologia monitoraggio in cantiere openstreetmap dissesto idrogeologico uav geolocalizzazione geomatica geoportale open data e-geos osservazione della terra trimble catasto europeo mobile mapping rilievo HBIM galileo Stonex protezione civile mappe dati fotogrammetria agricoltura osservazione dell'universo Here energia ISTAT eGEOS geofisica sentinel beidou slam ambiente technologyforall faro geodesia topcon sinergis webGIS posizionamento satellitare termografia metadati Artificial Intelligence app territorio Epsilon Italia
Geospatial World Forum 2019
GeoBusiness 2019
Geofly Spark
Geofly Spark

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps