itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

La scoperta dell’anfiteatro romano di Volterra: scavo, rilievo 3D e indagini geofisiche

I risultati delle indagini geofisiche presso lo scavo dell'Anfiteatro di Volterrà saranno presentati al Forum TECHNOLOGYforALL il 6 Ottobre durante la sessione "L'immagine digitale del Patrimonio Culturale", Auditorium della Biblioteca Nazionale, ore 09:00 - 10:15.

Tra i molti ritrovamenti volterrani il più eclatante ha iniziato a prender forma nel mese di luglio 2015 in una vallecola nei pressi nella necropoli del Portone, non lungi dal sito del teatro di Vallebuona. All’apparenza l’opera pubblica che è stata all’origine di questa scoperta non si distingueva in alcun modo dalle molte altre che nel corso del 2014/2015 hanno interessato il territorio in opere di ripristino e consolidamento a seguito dei dissesti causati dagli eccezionali eventi metereologici che hanno interessato la città di Volterra ed i suoi dintorni a partire dal gennaio 2014.
A seguito pertanto delle prime clamorose scoperte, con il supporto anche dei risultati delle indagini geoelettriche, che hanno confermato l’esistenza di un bacino archeologico imponente interrato a notevole profondità, la Soprintendenza si è immediatamente attivata per progettare l’inizio delle indagini sul sito del supposto anfiteatro. Il 29 settembre 2015 è stato quindi iniziato un saggio di scavo. Quello che abbiamo riportato alla luce è uno spaccato di un settore dell’anfiteatro. La struttura risultava coperta essenzialmente da una spessa coltre di terra e sabbia che aveva preservato piuttosto bene le strutture.
Contemporaneamente sono partire le attività di rilievo dello scavo da parte della Università di Genova, che ha avuto come obbiettivo quello di documentare ed elaborare le informazioni geometriche ottenute tramite l’impiego di diversi sistemi topografici. In particolare lo scopo della collaborazione di ricerca tra Università di Genova e Soprintendenza è stato focalizzato sulla applicazione di differenti metodologie di rilievo speditivo all’interno dello scavo archeologico, avendo come obbiettivo quello di acquisire il maggior numero di informazioni nel minor tempo possibile, senza bloccare e/o intralciare le fasi di scavo dell’equipe di archeologi. A tal fine la ricerca ha visto l’impiego di differenti procedure di rilievo capaci di produrre dati che potevano dialogare ed interagire tra di loro, popolando in questo modo una banca dati tipica del rilievo integrato. Sistemi capaci di produrre dati sia sotto forma di nuvole di punti tridimensionali, sia modelli triangolari particolarmente dettagliati e con la possibilità di impiego del colore come mezzo per comunicare e rappresentare lo stato materico del bene analizzato.
Le indagini geofisiche eseguite a fine scavo, tra Novembre 2015 e Marzo 2016, da SOING strutture e ambiente in qualità di partner di progetto della Soprintendenza Archeologia della Toscana, hanno cercato di rispondere alle domande emerse dopo la prima fase di scavo conclusa a Ottobre 2015. In particolare la ricerca del dimensionamento della pianta ellittica, la valutazione delle profondità e la valutazione dello stato di conservazione delle strutture dell’anfiteatro di Volterra.
Le risposte raggiunte grazie alla tomografia elettrica 3D (ERT) integrata alla indagine elettromagnetica (FDEM) e alla indagine georadar (GPR) hanno permesso di pianificare la seconda fase di scavo realizzata ad Aprile 2016 e sarà di supporto agli scavi futuro a cui si spera di arrivare, ottimizzando in questo modo tempi e costi per l’esecuzione dei lavori.

(Fonte: SOING Strutture e Ambiente)


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cwf

Vedi anche

Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore

Naviga per temi

Epsilon Italia telerilevamento catasto archeologia Stonex urbanistica ISPRA arcgis microgeo spazio esa intelligenza artificiale teorema satelliti dati ict uav cantiere leica in cantiere cartografia topografia rischio qgis Bentley GIS Harris galileo autonomous vehicle terrelogiche modellazione 3d geomax stazione totale agricoltura catasto europeo ambiente termografia gps apr geodesia FOIF sensore BIM asita hexagon autocad misurazione infrastrutture innovative metadati monitoraggio mobilita topcon cnr realta aumentata progettazione laser scanner cosmo skymed servizi dissesto idrogeologico beni culturali webGIS scansione 3D rndt Here realtà virtuale ortofoto open data scienze della terra protezione civile monitoraggio satelitare SIFET fotogrammetria mobile mapping droni GTER codevintec eGEOS smart mobility internet of things utility top uso del suolo digital geography terremoti tecnologie avanzate territorio oceanografia esri italia geofisica trasporti esri geoportale smart city mappe reti tecnologiche dati geografici meteorologia GNSS coste app leica geosystems asi osservazione della terra tecnologia sar Toponomastica faro infrastrutture terremoto interferometria copernicus big data rilievo open source OGC sinergis flytop lidar aerofotogrammetria CAD osservazione dell'universo INTERGEO geolocalizzazione open geo data nuvole di punti technologyforall sicurezza posizionamento satellitare storytelling sentinel rilievo 3d 3D pianificazione geologia remote sensing trimble autodesk smartphone terra e spazio openstreetmap ingv geospatial geomatica ricevitori INSPIRE mare top world formazione energia planetek
VidaLaser
Planetek ImageryPack
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps