NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itzh-CNenfrdeptrues
Mercoledì, 14 Settembre 2016 03:18

BREXIT e Galileo, una perdita temibile

Renzo Carlucci
Nuovi satelliti Galileo realizzati da un consorzio tedesco-inglese Nuovi satelliti Galileo realizzati da un consorzio tedesco-inglese

Il voto BREXIT ha provocato grandi preoccupazioni all'interno dell'industria spaziale britannica, secondo quanto riporta un articolo del Financial Times. UKspace, la camera di commercio del settore, ha scritto al ministro della scienza del Regno Unito mettendo in guardia sul temuto blocco di forniture nel programma Galileo dell'Unione Europea. Oltre alle offerte esistenti per un importo di 3 miliardi di euro, per completare la costellazione dei satelliti, l'industria britannica stima che il mercato potenziale per le applicazioni dei servizi legati a Galileo potrebbero ammontare a 6 miliardi di euro entro il 2025.


Le aziende britanniche del settore spaziale temono che la Brexit minerà gli offerenti nel Regno Unito per i nuovi contratti, perché molti di questi si estenderanno ben oltre il giorno di effettiva uscita dall'UE. I concorrenti europei come Thales Alenia Space, società franco-italiana, stanno già sollevando domande sopra il coinvolgimento delle parti con sede in Gran Bretagna per Galileo e per altri progetti, dicono i dirigenti del settore e funzionari di governo.

Inoltre non vogliono rinunciare ad accedere a miliardi di sterline di forniture di tecnologie e allo sfruttamento di Galileo, che ha affrontato la feroce opposizione degli Stati Uniti e le gravi difficoltà finanziarie, per entrare in servizio entro la fine di questo anno.
Si sa che il progetto Galileo è la risposta europea al Global Positioning System sviluppato e controllato dagli Stati Uniti, utilizzato da milioni di dispositivi consumer in tutto il mondo in un mercato multimiliardario di navigatori satellitari. E questo porterebbe il Regno Unito fuori da questa logica.

Uno degli obiettivi della UE nel lancio del progetto nel 2003 era di garantire l'indipendenza dagli Stati Uniti, che può bloccare l'accesso al sistema di navigazione GPS in tempo di conflitto. Infatti i servizi di base di Galileo saranno aperti a tutti, e le capacità di guida, molto richieste e fortemente criptate, progettate per il settore pubblico, sono attualmente riservate per gli Stati membri dell'UE.
E' questo servizio pubblico regolamentato (Public Regulated Service) ultra sicuro, focus dell’industria britannica, che detiene la navigazione a prova di frode sfruttabile per il mercato commerciale, anche se solo le agenzie governative possono accedere direttamente ai dati.

Ma la presenza britannica nel programma Galileo è di vitale importanza. L’Esa ha molti fornitori importanti nel Regno Unito e quest’uscita da Galileo sarebbe una perdita da evitare assolutamente.

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k9qdf


Trimble Italia
Trimble Italia
Dronitaly
Dronitaly

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma

Naviga per temi

3D aerofotogrammetria agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici digital geography dissesto idrogeologico droni eGEOS emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geoportale geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO internet of things ISPRA landsat laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mixed reality mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio multispettrale nuvole di punti oceanografia OGC open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile Ramsar realta aumentata realtà virtuale remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI slam smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia Toponomastica trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Technology for All 2017 - Workshop in campo

Video clip TFA2017

GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

Ultimi commenti

  • Il pazzesco geoportale della Svizzera

    Stefano Campus 16.02.2018 10:10
    RE: -
    @andrea, puoi spiegare meglio?
     
  • Il Catasto in tasca

    Fintocubano 14.02.2018 09:40
    RE: Project Manager
    Grazie, non sapevo dell'esistenza di questo servizio del MIBACT! Ho provato a cliccare su ''Aggiungi ...

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo