itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Considerazioni sulla differenza di calcolo della magnitudo dei terremoti con una nota da INGV

In epoca di terremoto si discute molto del valore della magnitudo per almeno due motivi, sicuramente all'inizio per comprendere la forza e l'impatto del disastro, successivamente per comprendere se si avrà diritto o meno a risarcimenti e sovvenzioni per la ricostruzione, o prevenzione. E qui anche un valore decimale conta.

Tutte le osservazioni scientifiche sono per loro natura approssimate e perturbate da una serie infinita di elementi, i modelli di calcolo, gli strumenti che di per se hanno già una loro approssimazione e perchè no, gli errori degli operatori che possono sempre avvenire.
Abbiamo una Teoria delle Misure, basata su secoli di osservazioni scientifiche, che ci dice che gli errori possono essere sistematici (dovuti alla imperfezione degli strumenti), accidentali (hanno una natura legata al caos e sono imprevedibili) e grossolani (errori di operatori). Per questo tutte le misure non possono essere mai considerate assolute, bensì attendibili entro un certo intervallo di approssimazione definibile in termini probabilistici. Cioè in genere, per convenzione, si esprime il valore di una misura accompagnata da un campo di incertezza all'interno del quale possono ricadere circa il 70% dei valori rilevabili o rilevati. Un valore di misura finale va definito con il suo valore medio e il suo range di variabilità. Ad esempio dire che una misura ha un valore  6 +/- 0,3 è un metodo convenzionale per stabilire un valor medio (6) ma in realtà il valore reale può oscillare con valori compresi tra 6,3 e 5,7.

Ecco che modelli di calcolo e strumenti possono fare la differenza, ad esempio per stabilire se una scossa di terremoto abbia una magnitude di 5,9 o 6,2, valori attribuibili alla stessa scossa da diversi sistemi e da diverse organizzazioni.

A questo proposito l'INGV ha inviato una nota di chiarimento che vi riportiamo integralmente:

Terremoto in Italia centrale del 24 agosto: la stima della magnitudo dell’INGV
A seguito delle richieste di chiarimenti sul valore della magnitudo della scossa più forte della sequenza in atto in Italia centrale, avvenuta il 24 agosto alle ore 03.36, si segnala la nota pubblicata sul Blog INGVterremoti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) con alcune precisazioni che possono contribuire a fare chiarezza.

  •  Il valore della magnitudo non è utilizzata per il risarcimento dei danni prodotti dai terremoti; per questo scopo in passato sono stati utilizzati i valori di intensità calcolata sulla base della scala Mercalli (in realtà la scala Mercalli-Cancani-Sieberg).
  • Come qualsiasi parametro fisico, la stima della magnitudo è affetta da incertezza. In particolare il valore di magnitudo calcolato dall’INGV è 6.0 ± 0.3.
  • Le stime fornite dall’INGV, dall’USGS e da altre agenzie internazionali rientrano nella variabilità aspettata.
  • I dati utilizzati e i parametri del modello crostale di riferimento possono differire contribuendo all’incertezza della stima. L’INGV utilizza un modello delle velocità crostali calibrato proprio per l’Italia centrale e una densità di stazioni sismiche maggiore di quello delle altre agenzie internazionali che utilizzano modelli di velocità globali.
  • Anche L’INGV, utilizzando i modelli globali ed un’altra tecnica di analisi dei dati (RCMT) ottiene un valore di magnitudo pari a 6.2.
  • Esistono diversi definizioni e metodi di stima delle magnitudo (magnitudo locale, magnitudo momento, magnitudo dalle onde superficiali e di volume, magnitudo durata, …). Queste vengono utilizzate a seconda del tipo di strumentazione che ha registrato le onde sismiche rilasciate dal terremoto e della distanza tra le stazioni e l’epicentro (scala locale, regionale o globale). Per il medesimo evento sismico, dovrebbero fornire stime della magnitudo identiche, ma effettivamente forniscono valori leggermente differenti anche se di norma all’interno delle incertezze di ciascuna stima.

 

Link al Blog INGVterremoti:

http://wp.me/pQl3O-2ue

 


 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4caf

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

openstreetmap ict rndt internet of things gestione emergenze protezione civile sinergis asi monitoraggio uav esri italia galileo Harris GTER 3D osservazione della terra vidalaser FOIF slam hexagon ortofoto osservazionedella terra metadati planetek sicurezza open geo data trimble top Stonex dissesto idrogeologico dati geografici ingv informazione geografica rilievo BIM mare geolocalizzazione leica geosystems INTERGEO trasporti monitoraggio satelitare tecnologia stazione totale CAD digital geography geomatica topografia leica smart city telerilevamento urbanistica sar agricoltura teorema pianificazione GIS esa esri cantiere technologyforall smart mobility geofisica servizi mappe telespazio posizionamento satellitare termografia tecnologie avanzate terremoto gps cartografia sentinel laser scanner archeologia Epsilon Italia arcgis coste copernicus satelliti open source cnr geologia Toponomastica mobilita app modellazione 3d terra e spazio apr utility progettazione aerofotogrammetria autodesk droni mobile mapping asita geoportale lidar storytelling realtà virtuale ricevitori formazione microgeo smartphone ambiente meteorologia big data in cantiere faro codevintec geospatial uso del suolo territorio intelligenza artificiale open data webGIS geomax 3DTarget GNSS realta aumentata scienze della terra topcon autocad reti tecnologiche cosmo skymed sensore drone infrastrutture nuvole di punti qgis rilievo 3d terrelogiche ISPRA misurazione scansione 3D energia spazio beni culturali catasto remote sensing geodesia interferometria INSPIRE flytop rischio osservazione dell'universo fotogrammetria oceanografia dati catasto europeo Digital Twins
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy