NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Lunedì, 04 Luglio 2016 22:00

SENDAS: soluzione innovativa di Esri Italia per il monitoraggio geofisico con ricevitori GNSS

Redazione GEOforALL
In Italia, il monitoraggio geofisico e strutturale ha assunto negli ultimi anni una sempre maggiore importanza per diagnosi e controllo di costruzioni, infrastrutture e per la valutazione dell’integrità stessa del territorio, spesso soggetto a forte rischio idrogeologico.

Al tempo stesso, criteri quali l’economicità e il rapporto costo/efficacia delle tecnologie disponibili per il monitoraggio rivestono una sempre maggiore importanza nella scelta delle soluzioni da adottare. Questi vincoli si affiancano ai requisiti stringenti in fatto di qualità delle misure, continuità di funzionamento, elevata automazione e integrazione con sistemi di allertamento automatico in caso di riconoscimento di condizioni di pericolo.

In questo scenario, Esri Italia ha sviluppato ed iniziato a commercializzare un sistema di monitoraggio autonomo e in continuo degli spostamenti superficiali, da utilizzare in aree soggette a deformazioni causate da fenomeni geofisici quali frane, subsidenza, bradisismo, oppure su strutture ingegneristiche come dighe, ponti ed edifici.

Il sistema SENDAS (Surfance Network Deformation Analysis System) è composto da reti di sensori che includono un ricevitore GNSS (GPS e Galileo) a singola frequenza e la relativa antenna, un modulo di alimentazione elettrica basato su pannello fotovoltaico, un radio-modem wireless e una scheda di memoria per il back-up dei dati acquisiti.

I dati GNSS acquisiti dai ricevitori SENDAS vengono trasmessi in tempo reale utilizzando la rete cellulare ad un server di calcolo, dove sono processati dal software NDA Lite, in modalità statico-relativa. Il server può essere implementato su infrastrutture cloud o su macchine di proprietà del cliente.

esri_2.png

NDA Lite è in grado di processare anche dati GNSS acquisiti da ricevitori esterni alla rete SENDAS, ad esempio per sfruttare stazioni GNSS permanenti o per permettere di utilizzare i ricevitori SENDAS per infittire reti di monitoraggio preesistenti. Il risultato delle analisi sono le serie storiche degli spostamenti di ciascun punto monitorato, aggiornate in tempo quasi-reale e con periodicità compresa tra 1 e 24 ore. La ripetibilità delle misure prodotte è dipendente dalla durata delle sessioni considerate (migliore su sessioni di misura più lunghe) ma è comunque sempre sub-centimetrica (vd tabella).

tab_esri.png

I risultati delle analisi sono pubblicati, insieme ai dati di telemetria dei sensori, mediante servizi web in formato standard e ad accesso ristretto ai soli utenti autorizzati.

Il front-end per l’utente è costituito da una applicazione desktop, basata su tecnologia Esri ArcGIS Runtime, mediante la quale si possono acquisire i dati pubblicati, visualizzare su mappa i punti monitorati e, per ciascun punto, mostrare le serie storiche degli spostamenti e dei parametri di telemetria. Il client permette anche la stampa di report basati sui dati di monitoraggio.

E’ poi possibile accedere ai dati di monitoraggio anche con altre modalità: mediante applicazioni sviluppate da terze parti accedendo ai servizi web pubblicati dal server SENDAS (ad esempio per integrare le misure SENDAS in strumenti di monitoraggio pre-esistenti), mediante report periodici inviati con email o attraverso messaggi di allerta, inviati sempre con email, in caso di riscontro di condizioni di criticità sugli spostamenti o di malfunzionamenti del sistema.

Attualmente SENDAS è utilizzato per il monitoraggio di una deformazione gravitativa di versante presso il lago di Fiastra (MC) nell’ambito di una collaborazione con INGV, per il monitoraggio di una frana nel comune di Tolmezzo (UD) in collaborazione con l’Istituto di Oceanografia e Geofisica Sperimentale di Trieste e per il monitoraggio di un sito di stoccaggio gas di Edison SpA, in collaborazione con Solgeo Srl.
SENDAS è una soluzione tecnologicamente avanzata e a costi ragionevoli per il problema del monitoraggio di frane, vulcani, dighe o più in generale di strutture soggette a sprofondamento, subsidenza o bradisismo e può rappresentare, per privati ed enti locali, uno strumento fondamentale per rendere più efficaci le azioni di salvaguardia del territorio e delle infrastrutture.

(Fonte: Esri Italia)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kx9up



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk bacino idrico Barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dinosauri dissesto idrogeologico droni energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorite meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar Ramsar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2018
Digital,Design and Development Fair  27-29 September, 2017   Hamburg Germany
intergeo 2017

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo