itzh-CNenfrdeptrues
Monte S. Helens (USA)

ESA - Immagine della settimana: Monte S. Helens (03 Luglio 2016)

Il satellite Sentinel-2A ha catturato questa immagine di Monte S. Helens negli Stati Uniti, Stato di Washington, lo scorso 8 febbraio (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Il vulcano ancora attivo è conosciuto per la sua eruzione del 18 maggio 1980. L’evento costò la vita a 57 persone e provocò danni ad abitazioni ed infrastrutture. L’eruzione fu causata da un terremoto che determinò una vasta frana della parete settentrionale del vulcano, rendendolo vulnerabile a più basse pressioni. Il vulcano così esplose, depositando cenere in modo diffuso e determinando lo scioglimento di neve, giaccio e ghiacciai della montagna, che formarono particolari colate fangose – note con il nome di ‘lahars’. Alcune di queste lahars sono ancora riconoscibili, di colore rosa, in alto a sinistra nell’immagine.

In questa immagine a falsi colori la copertura nevosa appare di colore blu chiaro, mentre le aree di color rosa rappresentano zone in cui la vegetazione è scarsa o del tutto assente. Nella parte centrale-bassa dell’immagine si può notare come la copertura nevosa termina in aree di forma rettangolare, man mano che l’elevazione si riduce in prossimità del fiume.

Le aree rettangolari indicano modifiche territoriali, probabilmente dovuta alla raccolta di legname, con le zone di colore blue rosso che rivelano dove gli alberi sono stati eliminati.

La missione Sentinel-2 può essere utilizzata per la gestione di risorse naturali, per misurare l’andamento della deforestazione, della reforestazione e per monitorare le aree colpite da incendi. Le informazioni fornite da Sentinel-2 possono essere di grande aiuto per le autorità di governo e per le aziende commerciali al fine di assumere decisioni, basate su informazioni affidabili, su come gestire al meglio, proteggere e sostenere le nostre importanti risorse forestali.


---


Mount St. Helens


Sentinel-2A captured this image of Mount St Helens in the US state of Washington on 8 February (view/download it in Hi-Res).

The active volcano is known for its 18 May 1980 eruption. The event claimed some 57 lives and damaged homes and infrastructure. The eruption was caused by an earthquake that lead to a massive landslide of the volcano’s north face, exposing it to lower pressures. The volcano then exploded, depositing widespread ash and melting the mountain’s snow, ice and glaciers that formed a number of volcanic mudslides – or lahars. Some of these lahars are still visible, particularly in the upper left in pink.

In this false-colour image, snow cover appears light blue while pink represents areas with little to no vegetation. In the lower-central part of the image, we can see how snow cover ends in the rectangular areas as the elevation drops closer to the river.

The rectangular areas show land division, possibly for timber extraction, with the blue and red areas revealing where the trees have been cleared.

Sentinel-2 can be used to manage natural resources, to check rates of deforestation, reforestation and areas affected by wildfire. Information from Sentinel-2 can help governing bodies and commercial enterprises make informed decisions about how best to manage, protect and sustain our important forest resources.


(Fonte: ESA - Image of the week: "Mount St. Helens". Traduzione: Gianluca Pititto)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Vedi anche

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps