itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Si inaugura nei tempi previsti il tunnel base del Gottardo grazie ai sistemi di rilievo e monitoraggio

La foratura di un tunnel lungo 57 chilometri, partendo dai due lati della montagna per incontrarsi nel mezzo, con a malapena qualche piccolo scostamento, è stato un compito veramente impegnativo. Per ottenere questo risultato sono stati necessari strumenti di misurazione altamente precisi per guidare le operazioni e portare al compimento del progetto.

Una misura spinta fino alla precisione millimetrica.
Presso il sito del tunnel, il consorzio per i rilievi VI-GBT ha iniziato a misurare nel 1996, quando i lavori di costruzione iniziarono, 20 anni fa. Gli ingegneri dei rilievi impostarono una rete di base con 20 punti di riferimento. Per questo compito, hanno usato stazioni totali, dispositivi di misurazione ottica e GPS con soluzioni di navigazione satellitare di Leica Geosystems, la società multinazionale con radici svizzere e una tradizione di quasi 200 anni.

La perforazione è iniziata, non solo a Erstfeld (portale nord) e Bodio (portale sud), ma anche in tre punti intermedi in cui i canali laterali hanno raggiunto il tunnel principale: Amsteg, Sedrun e Faido. A Sedrun (alto 1.405 m), un tunnel verticale lungo 800 m è stato perforato fino alla galleria principale in modo che i lavoratori edili possano spingersi sia a nord così come a sud da quel punto. Durante la costruzione del tunnel, il rilievi e i vari compiti di misurazione dovevano essere ripetuti ogni 400 metri.

Al fine di assicurarsi che il tunnel era posizionato proprio sul corso di progetto, gli ispettori dovevano controllare le coordinate dei punti di riferimento. Inoltre, l'altezza esatta doveva essere misurata con dispositivi di livellamento anche da Leica Geosystems.

"Quando abbiamo rotto l’ultimo diaframma nel mezzo del tunnel, il 15 ottobre 2010, le due sezioni del tunnel si sono incontrate con una deviazione di soli 8 centimetri, con rispetto della tolleranza massima di progetto assunta in 25", ha detto Ivo Schaetti, un ingegnere per i rilievi del VI-GBT. Egli spiega che il rilevamento in tunnel è molto esigente a causa di variazioni di temperatura, umidità e polvere. "Per fortuna, abbiamo potuto sempre contare sulla precisione delle soluzioni di rilevamento di Leica Geosystems", aggiunge Schaetti. "Sono molto precisi. È possibile misurare una distanza di 400 metri con una precisione di meno di un millimetro."

Il monitoraggio delle dighe sopra il tunnel
Durante l'intero periodo di costruzione, i dintorni di tre laghi artificiali sopra il tunnel hanno richiesto il monitoraggio: Curnera, Nalps e Santa Maria. C'era una leggera probabilità che la costruzione del tunnel, posizionato ad una profondità di 1.4 chilometri sotto i laghi, avesse potuto interessare la stabilità delle loro dighe. I dispositivi completamente automatizzati di Leica Geosystem hanno monitorato le dighe per tutta l'intera costruzione del tunnel dal 2000 fino al 2015.

"Le nostre stazioni totali hanno monitorato i minimi movimenti dei prismi che sono stati montati in prossimità delle dighe", dice Falko Henning, Leica Geosystems product manager. "Fortunatamente, nessun movimento insolito si è verificato."

Non c’è stato alcun ritardo importante durante i tempi di costruzione, e il tunnel sarà inaugurato come previsto il prossimo 1 Giugno 2016.

Il 1º giugno 2016, 17 anni dopo la prima esplosione nel cunicolo principale, la galleria ferroviaria più lunga del mondo sarà inaugurata ufficialmente. La Svizzera ha un buon motivo per festeggiare e lo farà invitando ospiti d’onore elvetici e internazionali all’evento di inaugurazione così come l’intera popolazione a un’indimenticabile festa. Mercoledì 1º giugno si terrà una cerimonia di inaugurazione degna dell’importanza dell’opera di costruzione. L’evento avrà copertura internazionale e trasmetterà i valori tipicamente svizzeri dell’innovazione, della precisione e dell’affidabilità. Durante il fine settimana successivo del 4 e del 5 giugno 2016, nei luoghi della festa uno straordinario programma attenderà da 50 000 a 100 000 visitatori ai due portali della galleria, lunga 57 chilometri.

Gli eventi clou della festa popolare saranno i primi viaggi attraverso la galleria con lo shuttle Gottardo lanciato fino a 200 km/h di velocitàperformance creative di artisti svizzeri nonché un’esposizione-evento interattiva dedicata al San Gottardo. 

Una tradizione svizzera
Leica Geosystems ha una ricca storia in Svizzera. Dalle sue origini con Kern & Company fondata nel 1819 ad Aarau, oggi leader nel settore della tecnologia di misura, opera a livello globale al servizio dei clienti in molti segmenti, tra cui l'ingegneria, la costruzione e l'estrazione. "Guardando indietro su una tradizione di quasi 200 anni, siamo onorati di prendere ancora una volta parte a una pietra miliare nella storia della Svizzera, fornendo i rilievi e il monitoraggio delle risorse per aprire con successo la galleria di base del San Gottardo", ha detto Juergen Dold, CEO di Leica Geosystems . "Con un impegno per la qualità svizzera e una visione globale, continueremo ad innovare e supportare i professionisti in tutto il mondo per ottenere opere di ingegneria come questo tunnel."

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khk3u

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

sar topcon coste telespazio esri misurazione mobile mapping galileo spazio servizi open source app BIM planetek ingv nuvole di punti webGIS posizionamento satellitare INTERGEO dati geografici geolocalizzazione faro tecnologia trasporti agricoltura metadati geologia telerilevamento hexagon 3DTarget modellazione 3d ict trimble teorema geomatica remote sensing INSPIRE osservazione dell'universo 3D meteorologia territorio autocad geospatial Toponomastica geomax utility topografia asita technologyforall top catasto monitoraggio satelitare cnr rilievo osservazione della terra terra e spazio scienze della terra droni autodesk arcgis mappe sicurezza oceanografia monitoraggio terrelogiche reti tecnologiche eGEOS urbanistica stazione totale codevintec uso del suolo big data smart mobility GNSS laser scanner tecnologie avanzate terremoti FOIF Harris realtà virtuale dissesto idrogeologico smartphone interferometria infrastrutture mare in cantiere flytop drone cartografia open geo data sensore sinergis ortofoto aerofotogrammetria formazione satelliti beni culturali mobilita rischio leica catasto europeo realta aumentata scansione 3D internet of things autonomous vehicle openstreetmap Stonex slam esa progettazione lidar ricevitori GIS dati intelligenza artificiale open data rilievo 3d microgeo smart city archeologia ambiente leica geosystems pianificazione energia apr gps qgis fotogrammetria geofisica ISPRA termografia geodesia Epsilon Italia rndt Bentley storytelling CAD geoportale asi copernicus protezione civile GTER uav sentinel esri italia cosmo skymed digital geography gestione emergenze cantiere terremoto
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy