NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Sabato, 21 Maggio 2016 23:12

Topografia liquida e Fotogrammetria solida

Renzo Carlucci

Il neologismo ricorrente relativo alla “musica liquida” ben si adatta a descrivere quello che sta succedendo nel posizionamento topografico ove gli strumenti analogici vengono soppiantati da flussi di onde radio ricevute e trattate da software sempre più intelligenti. La vecchia posizione determinata con angoli, distanze e calcoli fatti a mano sul quaderno è ora sostituita da un segnale radio trasmesso da satelliti e decodificato attraverso ricevitori e software adeguati. Il parallelo con la musica trasmessa in streaming, oggi non più registrata su supporti fisici quali i vinili, i nastri o i cd, ma convertita e trasmessa con segnali digitali gestiti da software evoluti, è quanto mai aderente.

Nel recente workshop organizzato a Roma da Sogei, sul tema del posizionamento satellitare multi-costellazione, si è parlato molto di ricevitori GNSS virtuali, costituiti essenzialmente da software, anche Open Source, che stanno prendendo il posto delle classiche Reference Station per il posizionamento accurato. Il prof. Kai Borre dell’università di Samara a Mosca in Russia ha detto che dal locale laboratorio GNSS stanno scaturendo soluzioni software open che possono essere scaricate ed utilizzate su apparati hardware di grande semplicità. Il prof. Lachapelle invece ritiene che il futuro per i giovani che si avvicinano al mondo della geomatica sia quello dell’ingegneria meccanica ed elettrotecnica. Qualcuno invece pensa che il topografo del domani sarà sempre più accostabile ad un radioamatore.

La mutazione del processo di determinazione della posizione negli ultimi decenni è im- pressionante, ma lo è anche il ritorno ciclico di modalità e di riferimenti, come ad esempio la modalità analitica della fotogrammetria che ha vissuto il suo primo periodo passato per l’analogico e infine ritornando ad essere analitica, nel momento in cui calcoli complessi po- tevano finalmente essere realizzati in breve tempo con l’uso di potenti calcolatori. Ma anche il calcolo delle coordinate con camere fotografiche astronomiche che riprendevano le posi- zioni delle stelle nello spazio rispetto alla Terra è oggi invece tratto dalla posizione derivata da quella di satelliti orbitanti nello spazio esterno all’atmosfera terrestre.

Tutto ciò facilita il compito del rilevatore e consente di realizzare cose prima impossibili, però ha anche un grave effetto secondario che non possiamo fare a meno di considerare. Una tecnica si basa su una scienza, della quale bisogna conoscere limiti e applicabilità. Il fatto che tecnologie avanzate facilitino l’uso di tecniche di posizionamento e di descrizione del terri- torio va preso con le molle e andrebbe normato per evitare errori gravi dovuti alla mancanza di conoscenza di limiti e ambiti di applicazione. Nel nostro mondo, ad esempio, un conto è fare fotografie dal cielo e un conto è fare aerofotogrammetria, quest’ultima fortunatamente ben sperimentata e normata da tempo per fornire descrizioni del territorio “sufficientemente accurate”. Si vedono usare software per restituzione da fotogrammi amatoriali di scarsa accuratezza solo perché il 3D è stato appena reso disponibile ad una base allargata di utenti. Ma chi potrà difendere tali posizioni dall’incompetenza dilagante che avanza?

La Società Italiana di Fotogrammetria e Topografia, che tra i suoi scopi principali ha proprio la difesa e divulgazione di queste materie, non dimentichi che la ricostruzione 3D a partire da immagini, non può essere altro che Fotogrammetria, esulando qualsiasi altro risultato ottenibile, anche in termini di modelli tridimensionali, dagli scopi scientifici delle due materie. 

 

Editoriale in GEOmedia 6 2015

Leggi GEOmedia sul nuovo sito interamente dedicato al magazine

geomediaonline.it  


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kxufc



Altro in questa categoria: « 3D. Una invasione annunciata da tempo.
Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni dune di sabbia energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiordo FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA lago laser scanner leica lidar MapInfo mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar Ramsar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
Digital,Design and Development Fair  27-29 September, 2017   Hamburg Germany
intergeo 2017

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo