itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target
Federico Tonelli e Lorenzo Isoni al computer durante l’esercitazione

La Nato simula una cyber-guerra e sotto attacco sono le smart city

Le smart city portano grandi vantaggi al cittadino ma possono anche trasformarsi in elementi deboli per gli attacchi degli hacker e dei terroristi. E' quello che emerge dalla esercitazione della Nato che simula una cyber-guerra: sotto attacco i trasporti e le industrie dell’immaginaria nazione di Berylia. Si è appena conclusa l’esercitazione Locked Shield 2016: nel team italiano gli esperti dell'Università di Pisa.

Trasporti, industrie e per la prima volta anche droni. Erano questi gli ingredienti principali di "Locked Shield 2016", la più grande simulazione di cyber-defense al mondo che si è appena conclusa al Cooperative Cyber Defense Centre of Excellence della NATO a Tallin, in Estonia. Quest’anno hanno partecipato 19 nazioni e per l’Italia, accanto ai militari del Comando C4 dello Stato Maggiore della Difesa, anche due giovani esperti del dipartimento di Informatica dell’Università di Pisa. Per due settimane Federico Tonelli, che sta svolgendo il dottorato, e il suo collega Lorenzo Isoni, borsista, hanno partecipato all’esercitazione e difeso l’immaginaria nazione di Berylia da un violento attacco informatico degli hacker del team NATO.

“Al centro dell’esercitazione – ha spiegato il professore Fabrizio Baiardi dell’Ateneo pisano che ha coordinato a distanza le operazioni – c’era la protezione del sistema dei trasporti e degli impianti industriali e ogni squadra aveva inoltre un drone da difendere da collisioni e incidenti. Per rendere l’idea di cosa significhi un attacco informatico in questi ambiti basta immaginare ad esempio una smart city dove una banda di criminali manipoli tutti sistemi di controllo dei semafori o un terrorista che prenda il controllo di una centrale per la produzione di energia o una rete per la distribuzione del gas ”.

E’ il terzo anno che gli esperti dell’Università di Pisa sono invitati a partecipare a Locked Shield. Dalla prima edizione nel 2010 l'esercitazione è divenuta sempre più articolata e complessa e in totale quest’anno ha coinvolto oltre 550 specialisti di diverse nazioni impegnati nella protezione di complesse infrastrutture informatiche realizzate ad hoc.

"Dal punto di vista tecnico il nostro ruolo – ha concluso Fabrizio Baiardi - è stato di applicare gli strumenti dell'ambiente Haruspex per analizzare la rete informatica che era il 'campo di battaglia' di Berylia e di fornire alla squadra del nostro paese le modifiche necessarie per renderla il più resistente possibile agli attacchi degli hacker NATO".

Sviluppato in un progetto pluriennale coordinato dal professor Fabrizio Baiardi e dall'ingegner Marcello Montecucco della Fondazione Promostudi di La Spezia, Haruspex è infatti un insieme integrato di strumenti software in grado di individuare ed eliminare i punti deboli delle reti informatiche in modo automatico. Alcuni strumenti analizzano la rete ICT per individuarne i difetti, altri prevedono come la rete sarà attaccata e suggeriscono le modifiche da realizzare per renderla sicura. 

(Fonte Ufficio stampa Università di Pisa)

 


 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq6f3

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

leica geosystems uso del suolo openstreetmap big data monitoraggio in cantiere ambiente protezione civile apr ict GIS smartphone nuvole di punti terra e spazio technologyforall gestione emergenze faro catasto europeo scansione 3D rilievo drone gps laser scanner lidar mappe leica intelligenza artificiale geodesia realtà virtuale satelliti realta aumentata geologia rilievo 3d GNSS geomatica stazione totale archeologia esri topografia geolocalizzazione cartografia cosmo skymed smart city beni culturali catasto servizi storytelling ortofoto top dati qgis trimble 3DTarget aerofotogrammetria sar terremoti osservazione della terra agricoltura mare pianificazione tecnologia meteorologia metadati sentinel energia urbanistica hexagon arcgis top world telerilevamento microgeo Stonex teorema reti tecnologiche modellazione 3d galileo autocad sensore geomax fotogrammetria cantiere infrastrutture terremoto formazione mobile mapping monitoraggio satelitare terrelogiche rischio internet of things open source ricevitori territorio open data asi autonomous vehicle scienze della terra eGEOS INTERGEO droni sinergis ISPRA numerazione civica tecnologie avanzate codevintec asita app FOIF INSPIRE digital geography rndt ingv CAD dissesto idrogeologico oceanografia posizionamento satellitare misurazione Epsilon Italia planetek webGIS GTER geoportale smart mobility topcon BIM uav mobilita dati geografici 3D esri italia cnr progettazione geospatial termografia autodesk utility Bentley esa open geo data remote sensing Toponomastica Harris copernicus coste interferometria geofisica spazio osservazione dell'universo flytop sicurezza trasporti
VidaLaser
intergeo
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy