NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Sabato, 07 Maggio 2016 20:20

OGC conferma il nuovo standard NetCDF per la codifica di dati georeferenziati in forma binaria

redazione GEOmedia

NetCDF (Network Common Data Form) è un insieme di librerie software e formati che supportano la creazione, l'accesso e la condivisione di molti tipi di dati scientifici. Originariamente sviluppato per la comunità scientifica delle Scienze della Terra (Unidata Program Centre at the University Corporation for Atmospheric Research, URAC) nel 1989, è particolarmente adatto per la codifica di dati scientifici multidimensionali array-oriented.

I formati NetCDF si autodescrivono e sono indipendenti dalla piattaforma, mentre una vasta gamma di interfacce, le librerie e le applicazioni, sono state sviluppate in modo simile alla famiglia di tecnologie intorno all’XML.

Gli scienziati oceanici e dell’atmosfera hanno usato netCDF per lungo tempo per codificare i dati spaziali, variabili nel tempo, in forma di matrici correlate I dataset NetCDF sono in grado di descrivere il comportamento di fenomeni continui attraverso una serie di parametri quali la pressione dell'aria, le precipitazioni, la temperatura dell'aria, la salinità dell'acqua, o la velocità del vento in uno spazio a 4 dimensioni (tre dimensioni X, Y, Z per lo spazio e una dimensione T per il tempo).
Raccolte di dati esemplificatvi codificati in netCDF includono il meteo e le modelli di previsioni del clima, stazioni meteo e osservazioni di boe oceaniche, sondaggi in mongolfiera, modelli digitali, immagini satellitari, e nuvole di punti Lidar.

netCDFile 300x83 NetCDF: uno standard di crescita per la codifica dei dati georeferenziati in forma binaria
Figura 1. I dati in un file netCDF è memorizzato in forma di array. Variazione di precipitazioni nel tempo (dati tridimensionali: dati su un'area X, Y variabile nel tempo T).

NetCDF è stato formalmente riconosciuto dal governo degli Stati Uniti inclusi gli organismi di normalizzazione, tra cui la NASA e NOAA, mentre OGC e UCAR hanno lavorato a stretto contatto dal 2009 per ottenere netCDF riconosciuto come uno standard internazionale per la codifica di dati georeferenziati in forma binaria.

Una serie di norme OGC netCDF sviluppato finora hanno reso possibile la consegna di dati scientifici in forma digitale tramite protocolli OGC, quali GML, WCS, WFS, e OWS. Questi standard e quelli a venire faranno sicuramente aumentare l'accessibilità e la fruibilità di grandi raccolte di dati netCDF ambientali e le librerie associate e le interfacce dalla vasta comunità OGC, incluso anche i non esperti, con molteplici vantaggi per la ricerca e lo sviluppo geospaziale.

OGC, 2016. OGC network Common Data Form (netCDF) standards suite. http://www.opengeospatial.org/standards/netcdf [Visitato 7 maggio 2016]

(Fonte GoGeomatics)

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k9xp9

 



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi autocad autodesk bacino idrico Barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dinosauri dissesto idrogeologico droni dune di sabbia energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro FLIR flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things isola ISPRA laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
UAV Expo Europe
Earsel 2017
Digital,Design and Development Fair  27-29 September, 2017   Hamburg Germany

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo