OGC conferma il nuovo standard NetCDF per la codifica di dati georeferenziati in forma binaria

Stampa

NetCDF (Network Common Data Form) è un insieme di librerie software e formati che supportano la creazione, l'accesso e la condivisione di molti tipi di dati scientifici. Originariamente sviluppato per la comunità scientifica delle Scienze della Terra (Unidata Program Centre at the University Corporation for Atmospheric Research, URAC) nel 1989, è particolarmente adatto per la codifica di dati scientifici multidimensionali array-oriented.

I formati NetCDF si autodescrivono e sono indipendenti dalla piattaforma, mentre una vasta gamma di interfacce, le librerie e le applicazioni, sono state sviluppate in modo simile alla famiglia di tecnologie intorno all’XML.

Gli scienziati oceanici e dell’atmosfera hanno usato netCDF per lungo tempo per codificare i dati spaziali, variabili nel tempo, in forma di matrici correlate I dataset NetCDF sono in grado di descrivere il comportamento di fenomeni continui attraverso una serie di parametri quali la pressione dell'aria, le precipitazioni, la temperatura dell'aria, la salinità dell'acqua, o la velocità del vento in uno spazio a 4 dimensioni (tre dimensioni X, Y, Z per lo spazio e una dimensione T per il tempo).
Raccolte di dati esemplificatvi codificati in netCDF includono il meteo e le modelli di previsioni del clima, stazioni meteo e osservazioni di boe oceaniche, sondaggi in mongolfiera, modelli digitali, immagini satellitari, e nuvole di punti Lidar.

netCDFile 300x83 NetCDF: uno standard di crescita per la codifica dei dati georeferenziati in forma binaria
Figura 1. I dati in un file netCDF è memorizzato in forma di array. Variazione di precipitazioni nel tempo (dati tridimensionali: dati su un'area X, Y variabile nel tempo T).

NetCDF è stato formalmente riconosciuto dal governo degli Stati Uniti inclusi gli organismi di normalizzazione, tra cui la NASA e NOAA, mentre OGC e UCAR hanno lavorato a stretto contatto dal 2009 per ottenere netCDF riconosciuto come uno standard internazionale per la codifica di dati georeferenziati in forma binaria.

Una serie di norme OGC netCDF sviluppato finora hanno reso possibile la consegna di dati scientifici in forma digitale tramite protocolli OGC, quali GML, WCS, WFS, e OWS. Questi standard e quelli a venire faranno sicuramente aumentare l'accessibilità e la fruibilità di grandi raccolte di dati netCDF ambientali e le librerie associate e le interfacce dalla vasta comunità OGC, incluso anche i non esperti, con molteplici vantaggi per la ricerca e lo sviluppo geospaziale.

OGC, 2016. OGC network Common Data Form (netCDF) standards suite. http://www.opengeospatial.org/standards/netcdf [Visitato 7 maggio 2016]

(Fonte GoGeomatics)

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche