NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


itarzh-CNenfrdejaptrues
Lunedì, 02 Maggio 2016 09:00

Mappare con ArcGIS della ESRI o Maps di Google?

Redazione GEOmedia

Si potrebbe pensare che Esri e Google, offrendo soluzioni di mappatura simili, siano acerrimi rivali. In realtà non lo sono. Non lo sono perché fondamentalmente hanno due tipologie di clientele differenti, che vanno dalle utenze professionali a quelle non professionali. O per meglio dire la clientela di Google si focalizza più su individui consumer, mentre ESRI offre delle soluzioni più mirate alle aziende.

Due esempi chiari sull'utilizzo di entrambe le piattaforme possono spiegare meglio perché, un utente qualsiasi possa orientarsi più verso Google Maps, o perché un'azienda qualsiasi preferisce adottare una soluzione Esri ArcGIS.

1) Condivisione di percorsi ciclabili – I ciclisti hanno la necessità di condividere un sentiero in tempo reale fra di loro. Una volta raccolti i dati sulla rotta (sentieri, fontanelle, servizi igienici, ecc), nasce l'esigenza di condividerli velocemente e in modo semplice con gli altri. In questo caso, anche se il software ArcGIS sarebbe in grado di tracciare queste tipologie di percorsi, sarebbe sicuramente meglio adottare una soluzione semplice, dinamica e diretta; come quella di Google.


2) Scoperta di nuovi pozzi petroliferi (Oil Well Discovery)  – In questo secondo esempio prendiamo in esame un caso in cui, un tecnico di una compagnia petrolifera, deve determinare, e quindi scoprire, la posizione di nuovi pozzi petroliferi. Quello di cui avrà bisogno, è di avere una mappa più elaborata che lo aiuterà nella fase del processo decisionale. In aggiunta, avrà bisogno  di utilizzare di strumenti di misura e per il disegno sulla mappa stessa. Quindi parliamo di un'esigenza abbastanza complessa, che sia in grado di unire un'insieme di dati strutturati, rispondendo a domande difficili. Ed è qui che interviene, ed è più adatto, il software GIS della ESRI. 

I due esempi appena descritti possono avere parvenze semplicistiche ma, in generale, Google Maps è più intuitivo e poco adatto all'approfondimento, mentre ArcGIS, è meno intuitivo ma sicuramente più diretto  ad una analisi più elaborata. ArcGIS consente di accedere a ricchi insiemi di dati e ad una pletora di strumenti e applicazioni configurabili atti a fornire risposte semplici a domande complesse.

In conclusione si può affermare semplicemente che la scelta si deve effettuare: "in base al tipo esigenza" in quanto i due sistemi non possono essere comparati con facilità. Prima di scegliere Google Maps o ArcGIS, o addirittura di effettuare un'immersione profonda in una di queste tecnologie è necessario analizzare bene il problema da risolvere e la sua eventuale definizione ricordando che in prima istanza la domanda che ci si dovrebbe porre è: "Qual'è l'esigenza?"

 

(Fonte: Redazionale)

 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kauux

 



Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica 3D Conference Roma

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi atmosfera autocad autodesk bacino idrico Barriera corallina beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici desertificazione diga digital geography dissesto idrogeologico droni emergenze energia esa esri esri italia eventi falsi colori faro fiume flyr formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial ghiacciaio GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere incendio infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA lago laser scanner leica lidar mappe mare metadati meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis radar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche rilievo rilievo 3d rischio rndt salina sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore sentinel servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble uav UNESCO urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2018

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!
captcha 

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo