NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Giovedì, 14 Aprile 2016 16:55

La mappa interattiva delle foreste indonesiane di Greenpeace

Redazione GEOforALL
La mappa diffusa da Greenpeace fornisce dettagli avanzati di varie tipologie, per esempio: sulle piantagioni di olio di palma, su quelle di pasta di legno, sulle operazioni di estrazione del carbone e tanto altro. Il sistema permetterà agli utenti di vedere anche di vedere se ci sono fuochi particolarmente attivi, in foresta primaria o secondaria, in habitat, per esempio, di tigri e orangutan.

Un annuncio del 'campaign forest' indonesiano di Greenpeace, Teguh Surya, afferma che: "L'Indonesia si sta ancora riprendendo dai disastri provocati dagli incendi dello scorso anno, con risultati di sconsiderati drenaggi delle torbiere (ambienti caratterizzati da grandi abbondanze di acqua) e disboscamento delle piantagioni. Sulla scia degli incendi, il presidente Joko Widodo, ha annunciato nuovi piani per proteggere e ripristinare le aree danneggiate e a rischio."

A causa di quanto appena descritto, è nata la necessità di una mappa interattiva avanzatissima denominata: "Kepo Hutan". Kepo Hutan permette al pubblico di vedere le informazioni, più dettagliate in assoluto, di Greenpeace, mostrando i confini delle concessioni e di chi le possiede. Greenpeace sta elaborando questi dati per la mappa (disponibili gratuitamente), sia per stimolare dei progressi e sbloccare la fase di stallo di One Map, sia per permettere alle organizzazioni di evitare un'altra crisi del monitoraggio forestale.

Questa mappa interattiva, prodotta con tecnologia open source fornita dalla Global Forest Watch, mette a disposizione per la prima volta una raccolta completa di dati sugli oggetti prima citati come l'olio di palma, la pasta di legno, e l'estrazione del carbone. Per produrre la piattaforma, Greenpeace sta compilando questi dati raggrupandoli da varie fonti, tra cui le aziende che lavorano sui GIS, ed in particolare lavoro su formati digitalizzati quali PDF (Portable Document Format). Questi formati dei file sono molto adatti per l'analisi dei dati, soprattutto se utilizzati in combinazione con la piattaforma GIS che fornisce dati in tempo reale.

Dietro vi è stato un lavoro di ricerca su larga scala volto raccogliere in un unico luogo ogni mappa disponibile. Ma l'informazione del pubblico su chi controlla le nostre foreste potrebbe e dovrebbe essere ancora più intenso. Il governo si impone di rispettare le richieste formali della Greenpeace sulle pubblicazioni, sull'aggiornamento delle mappe ufficiali e sulle concessioni accurate.

"Il pubblico ha il diritto di informazioni geospaziali complete nel formato più utile - lo shapefile - per consentire l'analisi e il monitoraggio continuo della natura. Nessuno dovrebbe fare "salti mortali legali", e aspettare mesi o anni per ottenere l'accesso a frammenti di dati vitali.

In conclusione la piattaforma Hutan Kepo di Greenpeace, permette al pubblico di scaricare gli shapefile che sono la base della nuova piattaforma, consentendo alle organizzazioni delle comunità e ai ricercatori, di svolgere le proprie analisi.

Per avere maggiori informazioni in inglese consultare la fonte. Vedi la mappa cliccando qui.

 

(Fonte: Asian Surveying & Mapping)

 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kau3p

 


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi asita autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici diga digital geography dissesto idrogeologico droni energia esa esri esri italia falsi colori faro FLIR flyr flytop formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA laser scanner leica lidar mappe mare menci metadati meteorite meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis Ramsar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt saie sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe
www.geoiotworld.com

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo