NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo 


Italian Arabic Chinese (Simplified) English French German Japanese Portuguese Russian Spanish
Martedì, 12 Aprile 2016 17:19

Il primo satellite operativo di GLONASS-K1

Redazione GEOmedia

Confermata con successo la prima attività operativa di uno dei satelliti di ultima generazione GLONASS-K1 (il sistema di posizionamento globale ovvero l'equivalente del GPS americano).

Parliamo di GLONASS-K1 perchè, oltre ad essere il sistema di posizionamento globale russo all'attivo in questo momento, è il terzo sistema di posizionamento della Russia dall'inizio della storia delle attività spaziali. L'ultimo lancio dei 30 satelliti (più i 3 di riserva) del GLONASS-K risale al 1 dicembre 2014, mentre il primo risale all'inizio del 2011, ed il funzionamento è garantito almeno fino al 2024, anno in cui finirà di essere inserito in orbita GLONASS-K2 (il suo successore).

Progettato e costruito dalla ISS-Reshetnev Company, la messa in servizio è stata possibile in seguito ai risultati dei suoi test in volo, che duravano da più di un anno. I satelliti del GLONASS-K1 hanno una massa di 974 kg ed un sistema elettrico di alimentazione con una capacità di 1600 watt. Ogni satellite GLONASS ha sempre avuto proprie frequenze e trasmettono sia L1 che L2.

I nuovi saltelliti K-1 trasmettono anche la frequenza L3 CDMA. Ogni satellite, sia del GLONASS-M (ancora in servizio) sia del GLONASS-K, utilizzano orologi atomici al Cesio. Ne deriva un particolare vantaggio dall'uso coordinato di entrambe le costellazioni: sono caratterizzati dal fatto che se si osservano più satelliti contemporaneamente si ottengono precisioni più accurate e risparmio nei tempi di acquisizione.

Il satellite trasporta anche un carico utile COSPAS-SARSAT volto a sostenere la ricerca e il sistema di soccorso satellitare internazionale. Nel lungo periodo della loro vita, i satelliti GLONASS-K1 saranno tenuti a migliorare sensibilmente le caratteristiche e le funzionalità del sistema russo in previsione di quelli futuri ad esempio: GLONASS-K2. Questi satelliti di nuova generazione sostituiranno gradualmente la serie GLONASS-M che attualmente costituiscono la spina dorsale della costellazione orbitale del sistema. Avverrà nella maniera più ordinata possibile.

Secondo le nostre fonti, i satelliti del GLONASS-K2 saranno pronti al lancio per il 2018, e saranno tutti in orbita entro il 2024. In attesa di quella data il sistema del GLONASS-K1 dovrà svolgere il suo lavoro nella maniera più appropriata. Attualmente, un altro satellite GLONASS-K1, lanciato in orbita il 26 febbraio 2011, si è già sottoposto a test in volo ed è pronto a fornire servizi. Sarà il prossimo di una lunga serie.

 

(Fonte: InsideGNSS)

 
 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kaupq

 


SINERGIS
LiVE Libri Viaggi Esperienze
TUSEXPO 2017

Trimble Italia
Trimble Italia

ESA - Immagine della settimana

Leica Viva
Italdron

Naviga per temi

3D agricoltura ambiente app apr arcgis archeologia asi asita autocad autodesk bacino idrico beni culturali Bentley big data BIM CAD cantiere cartografia catasto catasto europeo cnr codevintec copernicus cosmo skymed coste dati dati geografici diga digital geography dissesto idrogeologico droni energia esa esri esri italia falsi colori faro FLIR flyr flytop formazione fotogrammetria galileo geodesia geofisica geolocalizzazione geologia geomatica geomax geomedia geospatial GIS GNSS gps hackathon Harris hexagon ict in cantiere infrastrutture ingv INSPIRE interferometria INTERGEO Intergraph internet of things ISPRA laser scanner leica lidar mappe mare menci metadati meteorite meteorologia misurazione mobile mapping mobilita modellazione 3d monitoraggio nuvole di punti oceanografia open data open geo data open source openstreetmap ortofoto osservazione dell'universo osservazione della terra penisola pianificazione planetek posizionamento satellitare progettazione protezione civile qgis Ramsar realta aumentata realtà virtuale regioni remote sensing reti tecnologiche riegl rilievo rilievo 3d rischio rndt saie sar satelliti scansione 3D scienze della terra sensore servizi sicurezza sinergis SINFI smart city smart mobility smartphone social media spazio stazione totale storytelling supergis technologyforall tecnologia telerilevamento termografia terra e spazio terremoti territorio top topcon topografia trasporti trimble true color uav urbanistica uso del suolo utility vulcani webGIS
GEOforALL @rivistageomedia

Video del mese

Video TFA

Video intervista del mese

GEOWEB
GeoBusiness 2017
UAV Expo Europe
www.geoiotworld.com

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO soc. coop.

Via Palestro, 95 - 00185 Roma

Tel. +39 06.64.87.12.09   

Fax +39 06.62.20.95.10

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per ulteriori informazioni consulta la Privacy Policy oppure i nostri Termini di utilizzo