itzh-CNenfrdeptrues
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Harris
3D Target
Internet of Things: ad esempio gli ESRI Location Based Services ingeriscono flussi di dati ad alto volume da dispositivi fissi e mobili ed eseguono in tempo reale analisi dei dati spaziali onde generare intuizioni geografiche immediate.

Dalla fusione tra GIS e BIM all’Internet of Things

I successi del BIM, Building Information Modeling, si vedono in particolar modo nel miglioramento dei processi di progettazione, nell'efficienza della costruzione coordinata e nella snellezza della documentazione. Tutto ciò sempre più spesso in strumenti che consentono la creazione, l'analisi e la gestione di modelli 3D molto dettagliati. Il BIM sta razionalizzando i progetti per le costruzioni civili e le infrastrutture, con conseguente aumento della velocità di costruzione, una riduzione degli ordini di modifica e conseguenti ritardi, il che porta a costi di realizzazione del progetto più prevedibili. 

Il BIM è caratterizzato da diversi livelli di attuazione. Il Livello 1 del BIM si focalizza su come ottenere dati di progettazione 2D e 3D organizzati e standardizzati. Il Livello 2 comprende più standard e si presuppone che chi lo pratica si stia muovendo verso una pratica di modellazione 3D integrata per la progettazione e la costruzione dei flussi di lavoro.

Per le implementazioni di Livello 1 e Livello 2 le tecniche GIS, i dati e gli strumenti disponibili spesso giocano un ruolo fondamentale: durante la progettazione, la costruzione, le soste e le fasi dei grandi progetti, gli ingegneri e i progettisti utilizzano le caratteristiche delle infrastrutture ambientali e geografiche per una migliore comprensione dei progetti nel contesto per la sicurezza, la logistica, e l’analisi dell'impatto sul territorio.

IL Livello 3 del BIM porta l'uso della progettazione e delle informazioni per le costruzioni al di là del singolo progetto. A questo livello aumentano le aspettative che i dati derivanti dalla progettazione e i domini di gestione siano integrati per la gestione delle strutture, le analisi di sicurezza e l'impegno dei cittadini nel perseguimento di iniziative digitali per le smart-city che contribuiranno all’intero ciclo di vita della gestione delle infrastrutture. I dati e i flussi di lavoro nel processo BIM stanno aiutando a identificare informazioni importanti, durante le fasi di progettazione e costruzione, come le infrastrutture ricche di sensori e anche il posizionamento di dispositivi nell'​​Internet of Things (IoT) in reti connesse.

BIM e GIS sono necessari per i flussi di lavoro nell’IoT in quanto forniscono informazioni riproposte dai dati di progettazione nel mondo dei Location Based Services entrando nel contesto di altri edifici, infrastrutture e persone che compongono un intero sistema.

Di certo le soluzioni non sono facili e restano molti difficili problemi tecnici da risolvere in quanto gli utenti chiedono la visualizzazione integrata dei contenuti, il flusso bidirezionale delle modifiche, l'interoperabilità attraverso standard e specifiche aperte, e gli strumenti migliori per l'utilizzo di contenuti 3D integrati nei sistemi più consumer-friendly per l’uso e la comunicazione al grande pubblico. La densità delle informazioni BIM spesso non è solo un problema per il tradizionale paradigma di modellazione geospaziale ma anche per la piattaforma di visualizzazione che oggi ubiquitariamente dovrebbe essere o web o mobile.

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khkdq

 

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

apr technologyforall urbanistica monitoraggio reti tecnologiche sensore qgis app top GIS energia FOIF sentinel posizionamento satellitare ISPRA esri GNSS topografia leica SIFET beni culturali gps ambiente progettazione trimble dati sar ingv codevintec topcon asita geoportale remote sensing eGEOS satelliti open data mare cnr droni lidar hexagon ricevitori asi geodesia top world Stonex interferometria teorema telerilevamento rilievo 3d internet of things ortofoto pianificazione dissesto idrogeologico osservazione dell'universo in cantiere leica geosystems mobile mapping geospatial smartphone modellazione 3d rischio Here autodesk scansione 3D rndt archeologia storytelling Epsilon Italia faro flytop gestione emergenze stazione totale cosmo skymed INSPIRE rilievo numerazione civica open geo data arcgis open source geomax mappe smart city territorio Toponomastica metadati oceanografia coste Harris geofisica e-geos geolocalizzazione geomatica cartografia intelligenza artificiale microgeo dati geografici laser scanner misurazione BIM cantiere openstreetmap utility trasporti agricoltura galileo nuvole di punti catasto 3D CAD catasto europeo INTERGEO copernicus webGIS uso del suolo planetek termografia sicurezza infrastrutture mobilita terremoto meteorologia tecnologie avanzate realta aumentata aerofotogrammetria geologia terrelogiche osservazione della terra digital geography formazione sinergis smart mobility terremoti GTER protezione civile fotogrammetria spazio tecnologia ict terra e spazio esa uav realtà virtuale Bentley esri italia autocad autonomous vehicle big data scienze della terra servizi
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
Technology for All

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps