Harris
3D Target

Gli olandesi hanno creato un portale BIM+GIS di coordinamento degli standard geospaziali

Scaduto

Nei Paesi Bassi è stato realizzato il BIM Loket, un portale nazionale che permette di ottenere informazioni sulla gestione degli standard Open BIM. Open BIM è un approccio universale per la collaborazione durante le fasi di progettazione, realizzazione e messa in esercizio degli edifici, basato su standard e flussi di lavoro aperti. Si tratta di un'iniziativa ideata da buildingSMART, in collaborazione con i principali fornitori di software, che utilizzano il modello di dati aperto della stessa buildingSMART.

Quali sono i vantaggi che offrirà BIM Loket?

BIM Loket fornirà la possibilità di rimanere sempre aggiornato su quelli che saranno gli standard internazionali inerenti i BIM  (Building Information Modeling). In particolare si tratta di un centro informativo per i BIM, aperti all'informazione pubblica e professionistica, che tiene conto anche degli standard geospaziali correlati con il fine ultimo di stimolarne il loro uso. La ragione più importante per la costruzione di un portale infomativo per i BIM, è stato quello di ridurre i costi di manutenzione, riunendo i dati forniti da tutti i BIM mondiali in un sistema coerente. Questo farà sì, che le norme (inerenti ai BIM) possano essere utilizzate nel modo più utile e con una maggiore efficienza, nonché permetterà, di iniziare un movimento di marketing volto promuovere il loro uso diffuso.

L'impegno olandese a favore dei BIM

Il Building Information Council olandese ha incoraggiato il modello d'informazione sugli edifici (e non solo edifici ma anche infrastrutture e altro) per un lungo periodo di tempo, e continuerà a concentrarsi per migliorarne la qualità e la competitività del settore olandese, attraverso le molteplici iniziative correlate. Vi è un disperato bisogno di norme, soprattutto per classificare l'enorme quantità di dati, oltre ai modelli 3D, che si accumulano nel corso di un progetto. Gran parte di questo, sarebbe utile per coloro che sono responsabili per il funzionamento e la manutenzione dell'edificio, dopo la costruzione. Un altro esempio pratico, che ci viene dall’Olanda, sono gli esperimenti basati sull'integrazione tra BIM e GIS per seguire l’intero processo del ciclo di vita di una opera, come quelli presentati alla prima conferenza GeoBIM ad Amsterdam, ove sono stati mostrati alcuni esempi reali per progettare, costruire, finanziare e mantenere la costruzione di autostrade, tramite l'integrazione GIS+BIM.

Il BIM+GIS

La motivazione per investire nel BIM+GIS risiede negli sviluppi di mercato relativi alle costruzioni particolarmente più complesse e una crescente domanda da parte dei clienti per la fornitura di servizi durante l'intero ciclo di vita di un progetto. Gli altri motivi principali sono le esigenze di business interne soprattutto per essere in grado di controllare la sicurezza, la qualità, i costi, la pianificazione e la sostenibilità attraverso il ciclo di vita di un progetto. Altri esempi (come ARCADIS o HOV Nimega sempre dai Paesi Bassi) sono testimoni di progetti che integrano dati geospaziali nel processo di progettazione. In vari progetti si è riscontrato che l'integrazione di progettazione geospaziale e di ingegneria in un unico database ha prodotto una sola copia di ciascun elemento di dati sostenendone l'uso multiplo. Ha semplificato la comunicazione e incrementato la qualità del progetto finale. Inoltre ha permesso l'analisi automatizzata delle conseguenze delle scelte progettuali con il risultato che il ciclo di pianificazione è stato più breve. Sulla base della loro esperienza con questi progetti, hanno concluso comunque che ci sono diverse barriere per l'integrazione dell’ingegneria civile e il settore geospaziale:
 
- La semantica. Con differenti termini utilizzati per le stesse cose usate dagli analisti geospaziali e dagli ingegneri civili e progettisti.

- La diversa topologia. Il geospaziale utilizza punti, linee e poligoni, il CAD/BIM utilizza spline, NURBS, e altre curve parametriche e tratta i poligoni in un modo diverso dalla topologia geospaziale con caratteristiche che sono oggetti fondamentali negli oggetti geospaziali. Ciò contrariamente agli oggetti di ingegneria che utilizzano la posizione come un attributo.

- I formati dei dati. I dati geospaziali sono memorizzati in file shape, GML, e CityCML; il CAD / BIM utilizza DWG, DGN, RVT, e IFC.

Iniziato nel 2015, destinato a diventare completamente operativo nel corso del 2016, il BIM Loket diventerà uno sportello unico per gli standard correlati al BIM, tra cui quelli geospaziali, sia che venga mantenuto solo in Olanda, sia si mantenga anche a livello internazionale. Esso è destinato a coinvolgere tutti i soggetti interessati: l'industria, il mondo accademico e le organizzazioni governative. E' considerato urgente perché gli standard sono essenziali per la digitalizzazione del settore delle costruzioni olandesi, e lo sarà,  se le imprese di costruzioni olandesi vorranno rimanere competitive a livello internazionale.

E le imprese Italiane sono pronte a confrontarsi ?

 

(Fonte: Geoff Zeiss e BIM Loket)

 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khkcx

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

lidar cnr osservazione dell'universo mappe 3D rilievo leica geosystems sicurezza 3DTarget top dati stazione totale telerilevamento gps satelliti Epsilon Italia faro remote sensing mobile mapping geomatica sensore ricevitori esa ISPRA flytop storytelling droni catasto europeo meteorologia misurazione app FOIF internet of things sentinel scansione 3D apr Harris reti tecnologiche cosmo skymed Toponomastica ortofoto INSPIRE trimble digital geography urbanistica rilievo 3d INTERGEO planetek protezione civile posizionamento satellitare asita monitoraggio satelitare agricoltura uav teorema drone realtà virtuale termografia galileo microgeo open source rischio ingv geomax cantiere topografia geolocalizzazione geofisica copernicus oceanografia technologyforall Digital Twins cartografia gestione emergenze esri italia interferometria geologia formazione realta aumentata terra e spazio smart city webGIS laser scanner dati geografici tecnologie avanzate leica tecnologia utility terrelogiche dissesto idrogeologico ambiente fotogrammetria qgis mare energia pianificazione aerofotogrammetria ict autodesk mobilita sinergis informazione geografica smart mobility BIM nuvole di punti GTER coste progettazione osservazione della terra uso del suolo open data sar servizi hexagon osservazionedella terra GNSS smartphone autocad CAD trasporti geospatial infrastrutture beni culturali archeologia topcon geoportale monitoraggio rndt Stonex codevintec GIS openstreetmap intelligenza artificiale asi dati geospaziali scienze della terra arcgis esri open geo data terremoto vidalaser geodesia slam modellazione 3d catasto metadati in cantiere spazio big data territorio
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy