Progetto Europeo GeoSmartCity: interoperabilità dei dati alla conferenza "From ISA to ISA2"

Stampa
Il progetto europeo GeoSmartCity è stato presentato alla conferenza “From ISA to ISA2” a Bruxelles. Davanti ad oltre 400 delegati la DIGIT (Directorate General for Informatics) della Commissione Europea ha di fatto annunciato il lancio dell’ambizioso programma quinquennale ISA2 che, sull’onda dei risultati ottenuti dal precursore ISA (Interoperable Solutions for Public Administration), punta ad allargare l’operatività di soluzioni e-government all’interno degli Stati Membri dell’Unione Europea, che abbiano i cittadini come beneficiari finali.

Grande enfasi è stata data all’importanza della geolocalizzazione quale fattore abilitante all’efficacia di queste soluzioni. In particolare, all’interno della sessione “Ensuring the last link between public administrations, businesses and citizens”, Giacomo Martirano di Epsilon Italia ha presentato i primi risultati ottenuti nell’ambito dei due scenari di GeoSmartCity: Green Energy e Underground Networks, illustrando esempi di interoperabilità raggiunti grazie all’adozione di modelli dati comuni (estensioni delle INSPIRE Data Specifications su Buildings e Utilities and Governmental Services) e alla conseguente armonizzazione dei dati da parte di 11 pilot appartenenti a 10 diversi Stati Membri. Una serie di servizi specializzati a supporto delle politiche per l’efficienza energetica degli edifici, la mobilità sostenibile e la gestione delle infrastrutture presenti nel sottosuolo, oggi in fase avanzata di sviluppo, saranno presto accessibili all’interno dello geosmartcity hub.

(Fonte: Epsilon Italia)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche