itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Elaborata una nuova mappa gravitazionale di Marte

Scaduto
Realizzata attraverso la sinergia di tre orbiter della NASA, si tratta della più dettagliata mappa gravitazionale di Marte realizzata fino ad oggi, che ci permette di analizzare meglio la parte interna del pianeta rosso e non solo. 
Grazie a questa nuova mappa, gli scienziati, stanno fornendo delle risposte sul come si sia formato il confine che divide la pianura del Nord dagli altipiani meridionali. Inoltre, il team ha confermato, che Marte ha un nucleo che sulla parte esterna è costituito da liquido di roccia fusa.
 
Questa conferma, è venuta attraverso l'analisi delle maree nella crosta e nel mantello di Marte, e sono causate, dall'attrazione gravitazionale del sole e delle due lune del pianeta. Infine, osservando come la gravità di Marte è cambiata nel corso di 11 anni (periodo di un intero ciclo di attività solare), il team è riuscito ad analizzare la massiccia quantità di biossido di carbonio che si genera durante le stagioni invernali relativamente al Polo Nord e al Polo Sud. Questa calotta polare è molto massiccia ed oltrepassa l'atmosfera del pianeta rosso, considerando però, che l'atmosfera di Marte è un centesimo di quella terrestre.
 
Per ottenere questi risultati ci sono voluti sedici anni di dati raccolti dai 3 orbiter: MRO(Mars Reconnaissance Orbiter), Mars Odyssey(ODY) e lo MGS(Mars Global Surveyor), analizzati dal Deep Space Network del JPL (Jet Propulsion Laboratory). La NASA non è entrata nei dettagli specifici ma, sostanzialmente, ha sincronizzato due tecniche: l'intervallo di puntamento dei pacchetti di dati raccolti e l'effetto doppler. Per avere maggiori chiarimenti si possono consultare i siti corrispettivi:  Nasa Network Deep Space, MRO, ODY e MGS  . Marte è un pianeta grumoso e la sua forza di gravità varia a seconda dell'altezza della crosta superficiale. Ad esempio in prossimità del Monte Olympus, la sua forza di attrazione sarà maggiore mentre in uno dei suoi grandi canyon, l'attrazione sarà minore.
 
Queste lievi differenze di attrazione gravitazionale di Marte, influiscono sulla traiettoria ellittica degli orbiter, alterando il segnale inviato dalla sonda al Deep Space Network. Queste piccole interferenze nei dati orbitali sono state protagoniste nella analisi totale, che ha permesso di costruire una mappa del campo gravitazionale di Marte. Tuttavia, i cambiamenti orbitali dovuti alla gravità irregolare sono talmente piccoli che le altre forze che hanno perturbato il movimento degli orbiter, sono state attentamente tenute in conto. Un esempio pratico è la forza della luce solare sui pannelli solari degli orbiter che li ha spinti vicino allo strato superficiale della atmosfera sottile del pianeta rosso (l'1% di quella terrestre). Ci sono voluti due anni di analisi attraverso modelli elaborati al computer per rimuovere il movimento non causato dalla forza di gravità.
 
Ci sono due aspetti teorici fondamentali elaborati attraverso questa mappa: il primo è che l’anomalia della gravità è decisamente più grande di quello che si aspettava e segue le variazioni dell’andamento altimetrico; il secondo aspetto teorico che è saltato subito alla mente degli scienziati è una spiegazione alternativa alle forti variazioni di gravità spiegandola come un'anomalia generata dalla conseguenza di una flessione o piegatura della litosfera piuttosto forte avvenuta a causa della formazione della regione Tharsis. La regione di Tharsis su Marte è una enorme zona montuosa di origine vulcanica situata presso l'equatore del pianeta, al confine occidentale della Valles Marineris. In sincronia dell'innalzamento dei vulcani Tharsis si registra una flessione della litosfera.
 
Le variazioni di gravità marziana nel corso del tempo, sono state precedentemente misurate utilizzando gli orbiter MGS e ODY, sempre attraverso il monitoraggio delle calotte polari. Per la prima volta, invece, il team ha utilizzato anche i dati di MRO per continuare a monitorare la loro massa. La sinergia di questi 3 orbiter ha portato veramente al successo. 
 
Per vedere le immagini in alta qualità clicca qui. Per il video divulgato su youtube clicca qui.
 
Ulteriori informazioni sono disponibili cliccando sulla fonte.
 
 
Fonte: (NASA)
 
 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cd9

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

INTERGEO fotogrammetria energia monitoraggio satelitare storytelling scansione 3D app utility catasto europeo dissesto idrogeologico qgis ambiente rischio terrelogiche hexagon lidar geofisica progettazione sinergis urbanistica posizionamento satellitare slam meteorologia top telespazio infrastrutture oceanografia laser scanner sar ricevitori GNSS reti tecnologiche microgeo leica aerofotogrammetria open source open data Bentley autodesk copernicus agricoltura Toponomastica mobile mapping sicurezza smart mobility gps geomatica tecnologie avanzate leica geosystems uav droni smartphone osservazione della terra pianificazione sensore big data terra e spazio asita ortofoto servizi scienze della terra monitoraggio terremoti GIS FOIF geospatial autonomous vehicle ISPRA sentinel Epsilon Italia INSPIRE apr nuvole di punti dati eGEOS geomax rilievo 3d territorio archeologia internet of things geoportale open geo data dati geografici formazione ingv protezione civile telerilevamento spazio interferometria technologyforall Harris topcon CAD flytop realtà virtuale uso del suolo geolocalizzazione planetek remote sensing faro tecnologia openstreetmap esri arcgis modellazione 3d cosmo skymed digital geography rndt teorema 3D galileo topografia terremoto esri italia gestione emergenze esa cantiere metadati trimble drone codevintec intelligenza artificiale termografia GTER trasporti smart city catasto in cantiere mobilita Stonex coste webGIS ict beni culturali autocad rilievo realta aumentata satelliti stazione totale osservazione dell'universo cartografia cnr geodesia geologia misurazione asi 3DTarget BIM mare mappe
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy