itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

PlanetOS un sistema operativo per la Terra

Scaduto

PlanetOS è una startup con sede in California la cui missione è quella di collegare tutti i sensori geospaziali nel mondo, negli oceani, nell'atmosfera, sulla terra e nello spazio, realizzando una piattaforma di Big Data per l'analisi e la scoperta dei dati sul nostro pianeta. In altre parole, vogliono costruire un sistema operativo per il mondo!

L'obiettivo di PlanetOS è di indicizzare dataset geospaziali di sensori disponibili sul web e diventare il primo posto ove ogni professionista cercherà di reperire dati di sensori intelligenti.

Viviamo in un mondo in cui le reti di sensori geospaziali stanno proliferando a un ritmo senza precedenti,soprattutto sensori in situ delle stazioni meteorologiche e immagini provenienti da droni o nanosatelliti. Allo stesso tempo cresce la richiesta di informazioni da parte dell’industria e dell’agricoltura. 

Tutti hanno bisogno di più di un tipo di dati nelle loro analisi. Il problema è la diversità dei tipi di dati, i protocolli di accesso e i diversi formati che rendono impossibile memorizzare tutto in un unico database. 

PlanetOs realizza lo strato di integrazione per i dati, avendo una buona conoscenza del mondo fisico e del mondo digitale, essendo in grado pertanto di fornire hub di dati sicuri alle imprese. In breve, Planet OS è un'infrastruttura di dati su cloud principalmente progettata per reti di sensori geospaziali, osservazione della Terra e applicazioni ambientali.

In questo periodo le imprese di costruzione di nuovi metodi di sensori, strumentazione ed elaborazione dei dati investono pesantemente nello snellire il feed di dati,specialmente focalizzandosi sull'energia e i governi.

L'esplosione del rilevamento di dati basati sulla localizzazione sta cambiando il nostro modo di pensare all'acquisizione dei dati spaziali, l'elaborazione e l'analisi. Dapprima si è avuta una crescita enorme della quantità di dati disponibili spinti su database tradizionali e data warehouse. Successivamente, si stanno trattando i dati in una varietà di formati molto diversi, come i dati puntuali da sensori fissi o mobili, i dati su reti di satelliti e previsioni, i dati radiali dai radar, ecc. L’utilizzazione finale dei dati avviene diversamente e in modo non uniforme da parte dei professionisti che operano all'interno dei loro campi.

Ad esempio, una sfida particolare nei dati spaziali è la normalizzazione tra i set di dati che coprono le stesse regioni geografiche, ma con diverso sistema o guasti poligonali coordinate.

PlanetOS orientandosi verso un sistema operativo del pianeta sta costruendo una infrastruttura di dati per fornire un servizio. Come risultato consente di lavorare con i dati in una varietà di forme diverse e mantenere i dati nel sistema più appropriato, come accade ad esempio quando diversi dati si riferiscano con diversi sistemi di riferimento ad una medesima regione. Questo significa mantenere i file in formato speciale e tenere solo i metadati nelle basi di dati, perché questo permette di trovare i dati che gli utenti richiedono rapidamente assemblando i dati esatti necessari per l'elaborazione basata su ciò che l'utente ha bisogno. 

Con un account gratuito, gli utenti possono eseguire fino a 500 chiamate API al giorno e trasferire 5 GB di dati al mese. Ovviamente viene fornita anche una soluzione enterprise per clienti i cui bisogni superano questo limite. 

I lettori interessati possono iscriversi qui.

http://data.planetos.com

 
Fonte: (PlanetOS)
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khkuu

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

hexagon qgis mobilita rndt geomatica autonomous vehicle 3D CAD open geo data SIFET ambiente protezione civile smartphone gps esri italia remote sensing agricoltura galileo INSPIRE GTER cantiere nuvole di punti aerofotogrammetria planetek GNSS geomax copernicus rilievo 3d intelligenza artificiale interferometria Stonex codevintec ricevitori ortofoto open source terremoto reti tecnologiche realtà virtuale gestione emergenze geofisica geodesia leica realta aumentata top world flytop uav top microgeo webGIS geospatial stazione totale Toponomastica droni beidou dati geografici teorema ISPRA dati lidar ingv FOIF mobile mapping internet of things terrelogiche sicurezza ict INTERGEO formazione archeologia meteorologia oceanografia digital geography openstreetmap cartografia scansione 3D laser scanner infrastrutture geolocalizzazione sinergis monitoraggio satelitare topografia termografia asita beni culturali autodesk uso del suolo servizi metadati asi Bentley esri esa technologyforall BIM eGEOS smart mobility in cantiere satelliti osservazione della terra scienze della terra mare Harris trimble progettazione catasto coste autocad osservazione dell'universo modellazione 3d rilievo storytelling utility geoportale energia sensore topcon trasporti cosmo skymed big data territorio terra e spazio monitoraggio dissesto idrogeologico fotogrammetria spazio sar pianificazione catasto europeo GIS telerilevamento Epsilon Italia tecnologie avanzate arcgis tecnologia leica geosystems smart city faro cnr misurazione rischio terremoti open data posizionamento satellitare apr urbanistica sentinel Here app geologia mappe
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps