Isola di Cipro

ESA - Immagine della settimana: Cipro (13 Marzo 2016)

Stampa
L’immagine satellitare che pubblichiamo questa settimana mostra Cipro, la terza isola del Mediterraneo in termini di estensione. E’ lunga circa 240 km e larga 100 km. E’ geograficamente posizionata sulla Placca Anatolica e quindi geologicamente appartiene all’Asia, ma politicamente è oggi membro della UE (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Le montagne di  Troodos  dominano il centro dell’isola ed includono il Monte Olimpo, la vetta più alta della nazione con i suoi 1952 m.

Lungo la costa settentrionale la più piccola catena montuosa di Kyrenia  si eleva rapidamente a partire da territori pianeggianti.

Nicosia, la capitale di Cipro e la sua città di maggiori dimensioni, sorge tra i due sistemi montuosi. Fin dal 1974 l’isola è stata divisa tra la popolazione greco-cipriota  e la popolazione turco-cipriota, con una linea di separazione che corre attraverso la città.

Ad est di Nicosia sorge la piana di Mesaoria, che costituisce  il cuore agricolo dell’isola – ma è fortemente dipendente dalle piogge invernali  e dall’irrigazione, che limitano la sua produzione. La situazione è ulteriormente complicata dalle alte temperature che si raggiungono durante l’estate. Migliaia di anni fa tutta l’area era ricoperta di fitte foreste, ma gran parte di esse vennero distrutte per fornire legname per la flotta navale della dinastia Tolemaica, nel I sec. AC. Oggi, la gran parte della pianura è ricoperta da una base compatta di carbonato di calcio.

Nell’area più meridionale di Cipro possiamo scorgere il lago salato di Limassol, il più esteso bacino idrico interno dell’isola. Con una copertura di oltre 10 kmq, il lago è una importante area di sosta per uccelli migratori tra Africa ed Europa, tra cui in particolare il fenicottero maggiore, che trascorre qui i mesi invernali.

Più in alto verso la costa orientale si trova il lago salato stagionale di Larnaca, pure frequentato dai fenicotteri.

Questa immagine è stata ottenuta mediante due scansioni effettuate da Sentinel-2A nella stessa data, il 22 dicembre 2015.



---


Cyprus

The third largest island in the Mediterranean, Cyprus is about 240 km long and 100 km wide. It is located on the Anatolian plate and therefore belongs geologically to Asia, but politically it is a member of the EU (view/download it in Hi-Res).

The Troodos mountains dominate the centre of the island and include Mount Olympus, the country’s highest mountain at 1952 m.

Along the northern coast, the smaller Kyrenia Range rises suddenly from the plains.

The capital and largest city, Nicosia, sits between the two mountain ranges. Since 1974 the island has been split between the Greek Cypriot and Turkish Cypriot populations, with the line of separation running through the city.

East of Nicosia lies the Mesaoria plain, which is the agricultural heartland of the island – but depends greatly on winter rainfall and irrigation, limiting its production. High summer temperatures further exacerbate the situation. Thousands of years ago the area was covered by thick forest, but most of this was cut down to provide wood for the Ptolemaic dynasty’s navy in the 1st century BC. Today, much of the plain is covered by hard-packed calcium carbonate.

At the southernmost area of Cyprus we can see the Limassol Salt Lake, the largest inland body of water on the island. Covering over 10 sq km, the lake is an important stopover for birds migrating between Africa and Europe, with greater flamingos spending the winter months there.

Further up the coast to the east is the seasonal Larnaca Salt Lake, which also sees flamingos.

This image comprises two scans from the Sentinel-2A satellite on the same day: 22 December 2015.

 

(Fonte: ESA - Image of the week: "Cyprus")

 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche