E' possibile l'uso dei droni per rilievi aerei urbani in Svizzera?

Stampa

Se in Italia l'uso di APR per effettuare rilievi aerei trova molte difficoltà di autorizzazione in ambito urbano, in Svizzera le cose non cambiano, anche se è possibile procedere ad ottenere in arco massimo di 3 mesi, una autorizzazione in deroga ai divieti.

Anche in Svizzera i droni non possono essere impiegati né nell’ambito di assembramenti di persone né in mancanza di contatto visivo diretto ma in casi eccezionali, l’UFAC (Ufficio Federale dell'Aviazione Civile) può tuttavia rilasciare un’autorizzazione anche in mancanza di contatto visivo diretto. Basta rispettare le condizioni disciplinate dall’ordinanza del DATEC sulle categorie speciali di aeromobili (OACS) e prevedere un tempo sufficiente per l’elaborazione delladomanda.

E' interessante notare però che la deroga dell'UFAC può essere data in entrambi i casi, sia in relazione al divieto per cui per motivi di sicurezza i droni non possono essere utilizzati al di sopra di assembramenti, ovvero diverse decine di persone molto vicine l'una all'altra, oppure in un raggio di 100 metri attorno ad essi, oppure per il divieto di utilizzo di droni senza contatto visivo diretto (vale anche con binocoli o video- occhiali).

A tal fine occorre procedere a un'ampia verifica della sicurezza con costi che variano dai 50 ai 700 euro circa, a seconda del tempo impiegato per l'esame della domanda. A causa delle molteplici richieste in entrambi i casi vanno messi in conto tempi di trattamento di almeno tre mesi. I sistemi aerei a pilotaggio remoto (RPAS) possono beneficiare di una procedura semplificata soltanto quando si tratta di volo vincolato (v. sotto).

I controlli che vengono effettuati sono in genere riconducibili alla adozione delle seguenti misure di sicurezza:

 

 

Per questo è richiesto a corredo della domanda un piano di «Total Hazard and Risk Assessment» contenente i seguenti dati:

Il «Total Hazard and Risk Assessment» si basa sulla «Guidance for an Authorisation for Low Level Operation of RPAS»  e presuppone una conoscenza, da parte del richiedente, delle abituali procedure di presentazione delle prove ai fini della verifica dei sistemi rilevanti per la sicurezza.

Per la verifica occorre inoltre presentare un attestato dell'assicurazione responsabilità civile secondo l'articolo 20 OACS.

L'UFAC può rilasciare autorizzazioni non solo per singoli eventi, ma anche per un periodo di tempo più lungo, a condizione che si tratti di un esercizio analogo con gli stessi rischi e che possa essere sempre garantito il rispetto delle condizioni e degli oneri posti.

L'esercizio di droni e di aeromodelli al di sopra e in prossimità (a una distanza inferiore a 100 m) di un assembramento di persone può essere oggetto di una procedura di autorizzazione semplificata se l'aeromobile senza occupanti è vincolato a terra in un punto preciso mediante un cavo e se, in caso di perdita del controllo, non costituisce un pericolo per le persone. 

(Fonte: UFAC Svizzera)

 


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche