Nuovo codice degli appalti, previsto il BIM per la progettazione in edilizia ed infrastrutture

Stampa

E' stata approvata nei giorni scorsi la legge delega sulla riforma degli appalti. La legge appena approvata contiene i principi direttivi con cui il governo dovrà regolare gli appalti entro il 18 aprile. Tante novità per lo snellimento, la trasparenza e la certezza dei tempi e dei costi. Ma quello che mi preme sottolineare è la maggiore importanza della progettazione.

Usando le parole della legge, al paragrafo oo) si legge: “valorizzazione della fase progettuale…promuovendo la qualità architettonica e tecnico-funzionale”. Da anni sosteniamo la necessità di dare maggiori responsabilità in capo ai progettisti.
Nel testo si chiede inoltre di “limitare radicalmente il ricorso all’appalto integrato” che riduceva i progettisti al ruolo di “economizzatori di progetti”. Ma il passaggio che mi fa più sperare è quello relativo agli strumenti informatici: promuovere “il progressivo uso di strumenti elettronici specifici quali la modellazione elettronica e informativa (leggi BIM) per l’edilizia e le infrastrutture”.
Finalmente recepiamo quello che in Gran Bretagna è già obbligatorio. L’uso del BIM come metodo per garantire alta qualità dei progetti, certezza dei tempi e dei costi, risparmio ed efficienza nella realizzazione e nella gestione delle opere.
Mi fa piacere notare che il legislatore richiede l’uso del BIM non solo nell’edilizia ma anche nelle infrastrutture, frontiera ancora poco esplorata in Italia.
Mi auguro infine che nella stesura dei regolamenti si scelga per il BIM un meccanismo di premi per chi lo introduce e lo applica nel modo migliore piuttosto che l’obbligo di una certificazione che potrebbe inaridirne la sperimentazione.
Questo meccanismo troverebbe riconoscimento economico in un’altra richiesta importante del parlamento: l’esclusione del ricorso al massimo ribasso per l’affidamento dei servizi d’ingegneria.

Ing. Marco Parisi


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche