itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Il LiDAR e le sue capacità di rilievo

LiDAR, acronimo di Light Detection and Ranging o Laser Imaging Detection and Ranging, è una tecnica di telerilevamento “attivo” per l’esecuzione di rilievi topografici ad alta risoluzione. In questo abstract verrà illustrata brevemente questa tecnologia e i suoi campi di utilizzo.

La tecnologia LiDAR è una tecnica di scansione laser che consente di analizzare un’area ottenendo una nuvola di punti.

Ogni punto porterà con se le coordinate e l’altezza. Il sistema per l’acquisizione dei dati è composto da un laser scanner che emette un impulso ad alta frequenza, un GPS per il posizionamento del punto e dalle stazioni GPS a terra posizionate sui vertici della rete geodedica.

Nell'immagine visualizzazione della nuvola di punti tramite Lastools

Nell'immagine visualizzazione della nuvola di punti tramite Lastools

Il laser scanner è posizionato a bordo di un aereo o di un drone ed è composto da un trasmettitore (il laser), un ricevitore costituito da un telescopio e da un sistema di acquisizione dati.

Gli impulsi inviati dal laser sono ad alta frequenza, tra i 10 e 150 kHz; per studi sulla morfologia di superficie si hanno lunghezze d’onda tra 1.0 ed 1.5 µm mentre per studi batimorfologici si va da 0.50 e 0.55 µm. (cit. “LIDAR: an introduction and overview” presented by Keith Marcoe GEOG581, Fall 2007. Portland State University)

In prossimità di aree costiere, soprattutto in caso di costa composta da falesie, i rilievi sono affetti da errori causati dalla rifrazione delle superfici spigolose e dall’acqua. In questi casi si integrano i rilievi aerei con rilievi da mare posizionando il laser scanner su una imbarcazione.

L’utilità di questo tipo di tecnologia è dovuta al fatto che si può riprodurre l’ambiente in maniera estremamente dettagliata. Infatti è possibile ottenere e dividere ad esempio la vegetazione dall’edificato e dividere edificato e vegetazione dalla superficie terrestre. Questo accade perché ogni impulso restituisce un eco della superficie su cui è rimbalzato, ad esempio se la vegetazione non è eccessivamente densa si riescono ad ottenere rami, foglie ed il terreno su cui poggia l’albero.

In fase di postprocessamento si possono scindere tutte le informazioni catturate in moda da ottenere un DSM (Digital Surface Model) ed un DTM (Digital Terrain Model). Le immagini che seguono mostrano due hillshade ottenuti elaborando la nuvola di punti LiDAR di due echi differenti:

LiDAR figura analisi

Come si può notare in figura 2 sono ben visibili edifici e vegetazione, del tutto assenti in figura 3.

Avere la possibilità di riprodurre in maniera così fedele un’area apre l’utilizzo del LiDAR a moltissimi campi:

  • Aggiornamento dei DEM (Digital Elevation Model);
  • Monitoraggio dei ghiacciai;
  • Censimento forestale;
  • Analisi e monitoraggio delle frane;
  • Sviluppo urbano.

Questi ed altri aspetti possono essere rappresentati e studiati con i LiDAR.

La disponibilità di tali dati sul Geoportale Nazionale è abbastanza limitata, dai quadri unione si può notare come non tutto il suolo nazionale sia stato esaminato e delle aree esaminate non tutte sono ad una risoluzione 1×1. Tali dati vista la loro grandissima utilità dovrebbero essere completati e resi disponibile per tutti gli studi del caso.

Altri dati molto importanti, ma assenti all’interno del Geoportale, sono i dati batimorfologici rilevati con tecnica Multibeam. Il multibeam è una tecnica simile alla tecnologia LiDAR che consente di rilevare la morfologia dei fondali con l’uso del sonar. Anche in questo caso a seconda dell’eco si possono ottenere più strati di informazioni relativi al fondale che si sta esaminando.

 
Autore: Massimiliano Moraca

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/khpw9

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
VidaLaser

Naviga per temi

big data hexagon top world geolocalizzazione autonomous vehicle ricevitori oceanografia lidar INSPIRE terrelogiche osservazione dell'universo sensore rilievo top satelliti gestione emergenze qgis leica cosmo skymed GNSS open geo data interferometria trimble monitoraggio satelitare storytelling asita leica geosystems laser scanner posizionamento satellitare ingv sentinel drone app autocad geologia esri italia energia technologyforall flytop dati geografici teorema openstreetmap CAD ambiente metadati monitoraggio utility Toponomastica INTERGEO termografia aerofotogrammetria Harris sar gps scienze della terra FOIF BIM spazio agricoltura servizi protezione civile cantiere infrastrutture meteorologia Bentley geomatica archeologia fotogrammetria smart mobility 3DTarget dissesto idrogeologico terra e spazio arcgis digital geography beni culturali formazione realta aumentata autodesk copernicus rilievo 3d geomax Epsilon Italia sinergis internet of things stazione totale cartografia smart city geospatial territorio scansione 3D webGIS progettazione esa tecnologia ict topcon GTER microgeo ISPRA pianificazione misurazione remote sensing 3D apr geoportale reti tecnologiche asi uso del suolo mobilita trasporti Stonex terremoti terremoto uav eGEOS ortofoto urbanistica catasto europeo mare codevintec telerilevamento dati mappe GIS cnr sicurezza droni osservazione della terra realtà virtuale geofisica faro rndt nuvole di punti topografia tecnologie avanzate open data telespazio coste planetek geodesia intelligenza artificiale modellazione 3d rischio smartphone esri in cantiere open source galileo catasto mobile mapping
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy