itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Rinviato il lancio di LISA Pathfinder

Scaduto

Il lancio era previsto per la notte scorsa, mercoledì 2 dicembre 2015 alle ore 4:15 GMT (ore 5:15 di mattina in Italia) dalla base di lancio di Kourou in Guyana francese con un razzo VEGA(Vettore Europeo di Generazione Avanzata) e avrebbe dovuto accompagnare nello spazio la sonda per 105 minuti circa. Invece il "NO GO" è stato dato a causa problemi al quarto stadio del Vettore.

VEGA è basato quasi tutto su tecnologia italiana e stasera alle 19 avremo la conferma o la cancellazione del sesto lancio del vettore. Questo lancio sarà l’ultimo a contratto Verta (Vega Research fan Technology Accompainment) perché i prossimi voli saranno a carattere commerciale e ciò segna un cambio di passo per il progetto.

Il commento del presidente Battiston: “A questo punto, se ci sono, come la teoria di Einstein prevede, difficilmente potranno passare inosservate” - e continua affermando - “Le onde gravitazionali sono l’ultima frontiera dell’astrofisica: la traccia a tutt’oggi inafferrabile della forza più elusiva che permea il nostro Universo. Elusiva al punto che solo quando da tranquille onde diventano veri e propri tsunami – a seguito di eventi gravitazionalmente catastrofici come, per esempio, la collisione fra due buchi neri – possiamo sperare di registrarne le increspature. E il sistema messo a punto dall’Agenzia Spaziale Europea sembra aver tutte le carte in regola per riuscirci”.


L'obiettivo di LISA Pathfinder

Come avevamo già introdotto nella notizia precendete: Un overview su LISA Pathfinder , la sonda dovrà scoprire se effetivamente esistono le onde gravitazionali, studiandole dallo spazio e dimostrando che è possibile controllare e misurare con una precisione elevatissma il movimento di due test di massa (in lega d’oro e platino) in una caduta libera gravitazionale quasi perfetta, che verrà monitorata da un complesso sistema di laser.

La fase più importante e difficile per gli ingegneri del centro di controllo ESOC a Darmstadt, Germania, è quella iniziale. LISA Pathfinder si inserirà in un’orbita di parcheggio transitoria e leggermente ellittica. Poi gli esperti seguiranno la sonda fino alla sua destinazione finale, cioè il punto di Lagrange L1, una posizione virtuale di equilibrio gravitazionale nello spazio a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra in direzione del Sole. LISA Pathfinder è il precursore tecnologico dell’osservatorio spaziale di onde gravitazionali pianificato dall’ESA come terza grande missione nel suo programma scientifico Cosmic Vision. La missione durerà in tutto 6 mesi.

LISA Pathfinder è una sonda, pesante circa 1900 chilogrammi, per cui è stato fondamentale il contributo italiano, sia scientifico che tecnologico. I sensori inerziali sono stati realizzati dall’Agenzia Spaziale Italiana (che ha contribuito con una partecipazione del 13%) con il prime contractor industriale CGS (Compagnia Generale per lo Spazio) su progetto scientifico dei ricercatori dell’Università di Trento e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare guidati dal Principal Investigator dell’esperimento, Stefano Vitale. Per realizzare la sonda sono stati necessari 15 anni.

Una piccola introduzione su eLISA

Si tratta di un interferometro spaziale che sarà costituito da tre satelliti posti a 5 milioni di chilometri l’uno dall’altro secondo un pattern che ricorda un triangolo equilatero, tutti in movimento su un’orbita eliocentrica. I tre satelliti saranno in grado di captare anche le minime oscillazioni derivanti dal passaggio di un’onda gravitazionale in base al loro spostamento. La missione sarà unica nel suo genere perché saranno in grado di rilevare anche piccoli spostamenti, dell’ordine di qualche picometro, il che è davvero straordinario.

 

Fonte: (ASI e INAF)

 
 
 
 
 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kh34w

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

pianificazione INTERGEO telespazio cosmo skymed openstreetmap agricoltura faro geomax qgis eGEOS rischio laser scanner dati geografici smart mobility dati monitoraggio satelitare tecnologia top utility topografia servizi asita planetek posizionamento satellitare termografia geospatial BIM drone terremoti catasto europeo reti tecnologiche terrelogiche geolocalizzazione cnr beni culturali webGIS misurazione oceanografia trimble app remote sensing technologyforall smartphone sentinel mobile mapping topcon progettazione rilievo 3d dissesto idrogeologico mobilita Harris mappe INSPIRE sinergis sicurezza ISPRA 3DTarget arcgis sensore ortofoto GTER cartografia satelliti fotogrammetria Epsilon Italia smart city nuvole di punti uav droni formazione geoportale aerofotogrammetria copernicus scansione 3D esri italia big data internet of things slam asi leica autonomous vehicle hexagon ict codevintec Bentley urbanistica autodesk osservazione dell'universo infrastrutture galileo teorema leica geosystems rilievo terra e spazio gps terremoto territorio storytelling flytop CAD apr open geo data protezione civile coste scienze della terra interferometria meteorologia open source metadati intelligenza artificiale geomatica GIS osservazione della terra geofisica autocad cantiere lidar archeologia catasto gestione emergenze stazione totale GNSS open data esa realta aumentata ricevitori ambiente telerilevamento sar uso del suolo mare digital geography energia 3D Toponomastica modellazione 3d geodesia geologia microgeo trasporti tecnologie avanzate realtà virtuale esri monitoraggio spazio in cantiere Stonex rndt FOIF ingv
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy