itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Geospatial 4.0, il GNSS Galileo e Einstein

Geospatial 4.0 è il termine usato quest’anno per identificare gli sviluppi del nostro settore. Un momento di profonda trasformazione che ci induce a stare molto attenti per non perdere il treno dell’innovazione che ci sta passando davanti. La geomatica, pur essendo relativamente giovane, sta soffrendo di una forte obsolescenza proprio nel momento in cui è entrata a far parte della nostra vita quotidiana. In Italia specialmente si soffre per la poca importanza che le Istituzioni, non sensibilizzate ovviamente, dedicano al corretto sviluppo e promozione della ricerca.

Gran parte della produzione della ricerca geomatica è stata ormai assimilata nel nostro quotidiano e non ci rendiamo neanche conto di quanto la usiamo per le nostre normali operazioni quotidiane come quelle che vanno dall’uso di un navigatore per arrivare ad una destinazione prestabilita, oppure quelle che ci portano alla ricerca del nostro immobile ideale attraverso un sistema informativo geografico. Eppure ci sono cose, come ad esempio le transazioni bancarie e la misura precisa del tempo, che si poggiano sulla ricerca geomatica, senza neanche accorgersene.

Purtroppo c’è carenza nella mancanza di divulgazione e cooperazione nella ricerca stessa, con gruppi di settori diversi che utilizzano la geomatica e cercano di ridefinirne i termini solo per mancata conoscenza della attività svolte dagli altri esperti del settore che, spesso preda di autoreferenzialismo dovuto alla selezione del sistema della ricerca universitaria, non divulgano più il loro operato.

In effetti i ricercatori si chiedono perché andare a divulgare i risultati della ricerca ad un Convegno che non da i crediti per l’avanzamento della carriera? Chi ha stabilito che un ricercatore vale più di un altro solo perché citato da altri in un sistema talmente chiuso che non consente neanche l’accesso libero alla lettura?

La rivoluzione apportata da Google Map è una testimonianza incredibile se pensiamo oggi che mentre si ricercava l’assurda precisione avvalorata dai confronti ineludibili di scarti qua- dratici medi di ambiziosi risultati geodetici e topografici, un sistema geografico che non garantisce alcuna precisione ha conquistato il mondo intero.

Dobbiamo ora, anche in considerazione di ciò, prepararci alla nuova rivoluzione, in conside- razione che la rete intelligente di sensori, dati e servizi sta ridefinendo gli sviluppi tecnologici e strategici del settore. Nell’ambito del Geospatial 4.0 annunciato nello scorso Intergeo, si è parlato dell’ormai prossima sostituzione delle tradizionali cartografie analogiche con metodi cutting edge di trasmissione delle informazioni con la crescente integrazione di realtà aumen- tata. La mappa del futuro potrebbe non essere più disponibile su carta, ma in digitale 3D o 4D su dispositivi mobili.

Nell’anniversario della scoperta della Teoria della Relatività, per i nessi ovvi collegati alla misurazione del tempo, viene spontaneo pensare che i sistemi di posizionamento Global Navigation Satellite System che hanno rivoluzionato la geomatica come il GPS, GLONASS, Galileo e Beidou, costituiscono insieme una infrastruttura interoperabile e coordinata che sta supportando in un modo vitale i più importanti aspetti industriali ed economici della no- stra società. La misura del tempo è ancora una volta uno degli aspetti strategici ed essenziali dei servizi offerti dai GNSS, elementi di vitale importanza per tutte le infrastrutture critiche della nostra società. 

(Fonte: Editoriale dal numero GEOmedia 5 2015)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/kq83f

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Reach RS2

Naviga per temi

in cantiere dissesto idrogeologico open data ricevitori uav geospatial BIM geomatica spazio Stonex uso del suolo utility Toponomastica monitoraggio satelitare SIFET terra e spazio open source realtà virtuale ortofoto Here catasto europeo catasto lidar beni culturali 3D geodesia top metadati esri italia internet of things infrastrutture rndt pianificazione interferometria misurazione intelligenza artificiale tecnologie avanzate ict trimble realta aumentata sicurezza coste codevintec fotogrammetria rilievo rischio autonomous vehicle telerilevamento technologyforall mobilita eGEOS mare GIS smartphone monitoraggio CAD droni copernicus asi geolocalizzazione osservazione dell'universo teorema oceanografia stazione totale scansione 3D GNSS cosmo skymed gestione emergenze GTER leica sinergis territorio Bentley open geo data terremoto storytelling faro app protezione civile Epsilon Italia big data gps sar cantiere sensore microgeo formazione openstreetmap qgis beidou laser scanner trasporti tecnologia modellazione 3d geofisica posizionamento satellitare urbanistica remote sensing mappe autocad geoportale terremoti dati geografici asita osservazione della terra topcon cartografia esri scienze della terra FOIF webGIS apr nuvole di punti dati autodesk energia progettazione smart city topografia reti tecnologiche hexagon leica geosystems ISPRA ingv aerofotogrammetria satelliti INTERGEO termografia meteorologia geologia digital geography esa INSPIRE servizi cnr Harris galileo archeologia mobile mapping flytop sentinel top world geomax rilievo 3d planetek agricoltura smart mobility arcgis ambiente terrelogiche
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps