itzh-CNenfrdeptrues
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Harris
3D Target

Clima: ENEA inaugura laboratorio galleggiante a Lampedusa

Ha già iniziato a raccogliere i primi dati la boa oceanografica che i ricercatori dell’ENEA hanno posizionato a circa tre miglia a sud-ovest della costa di Lampedusa. Si tratta di un vero e proprio laboratorio galleggiante per le ricerche sul clima, allestito su un tratto di mare dove si incontrano masse d’aria di origine europea e africana, particolarmente adatto a monitorare lo stato di salute del Mediterraneo.

Dotata di misure (40 metri di cui 7 emersi su un fondale profondo 74) che le garantiscono la stabilità necessaria per effettuare rilevamenti accurati dei parametri oceanografici e atmosferici, questa ‘stazione sentinella’ – come è stata definita dai ricercatori ENEA - andrà a integrare l’attività dell’Osservatorio Climatico dell’Agenzia "Roberto Sarao” sull’isola, un’infrastruttura unica che da quasi due decenni porta avanti la ricerca sul clima nel Mediterraneo.

La boa - del tipo ‘meda elastica’ in gergo tecnico - sarà anche la sede di esperimenti congiunti con altri istituti di ricerca nazionali e internazionali e contribuirà alle reti osservative sul clima non solo per il Mediterraneo, ma anche su scala globale. Per il momento i ricercatori hanno installato a bordo due radiometri e una livella elettronica, tutti collegati ad un sistema di acquisizione. Lo scopo, in questa prima fase di sperimentazione, è quello di iniziare a raccogliere dati e a testare il funzionamento della struttura - compresi i sistemi di approvvigionamento con pannelli fotovoltaici e di accumulo di energia - in condizioni di mare e di illuminazione sfavorevoli.

“Il mare è una riserva importantissima di energia - afferma Carlo Bommarito dell’ENEA che ha seguito la progettazione e l’installazione della boa - e gli scambi di calorecon l’atmosfera sono essenziali per la determinazione del clima su scala regionale e globale perché influenzano la temperatura dell’aria, i processi meteorologici, il ciclo idrologico e il trasferimento di gas e particolato. E la boa servirà proprio a studiare gli scambi di energia tra mare e atmosfera e contribuirà alla verifica e alla calibrazione delle misure da satellite”.

Le misure ottenute con i radiometri ENEA posizionati sulla boa saranno utilizzate insieme ai dati dell'Osservatorio Climatico per comprendere a fondo i processi che determinano il clima nel Mediterraneo. Ma non finisce qui. L’ENEA sta per installare a bordo anche una stazione meteorologica per la misura di temperatura, pressione, umidità e vento e spettrometri per determinare riflettenza (la proporzione di luce che una superficie è in grado di riflettere) e colore del mare (per stabilire contenuto di clorofilla, particolato sospeso e proprietà ottiche dell’acqua). Alla strumentazione che verrà installata, invece, nella parte sommersa della boa contribuisce anche il CNR. Entro la prossima primavera verranno montati sensori per misurare la temperatura del mare e il flusso di radiazione solare a varie profondità e per determinare salinità e ossigeno disciolto. La boa è stata realizzata nell’ambito del progetto Bandiera RITMARE, il principale Programma di Ricerca nazionale sul mare (2012-2016), coordinato dal CNR, con un finanziamento previsto di 250 milioni di euro da parte del MIUR. Lo sviluppo della boa, in particolate, fa parte dell’azione “Sistema per lo studio delle interazioni aria-mare” coordinata da ENEA, come contributo alla Rete italiana di siti fissi per l’osservazione del mare e ai sistemi osservativi di RITMARE.

(Fonte:ENEA)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4ch3

 

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

droni numerazione civica tecnologie avanzate dissesto idrogeologico sinergis infrastrutture autodesk geoportale gps smart city digital geography ict spazio remote sensing territorio agricoltura 3D autocad coste open data Stonex modellazione 3d protezione civile aerofotogrammetria posizionamento satellitare termografia servizi ricevitori GIS telerilevamento catasto europeo FOIF top terra e spazio asi rilievo 3d satelliti in cantiere misurazione interferometria ISPRA esa nuvole di punti progettazione CAD app mare trasporti asita esri italia open geo data trimble leica Toponomastica smartphone galileo uso del suolo fotogrammetria gestione emergenze laser scanner sicurezza GTER sentinel internet of things rilievo ortofoto scansione 3D stazione totale qgis energia tecnologia urbanistica osservazione dell'universo utility storytelling topcon rndt SIFET flytop cantiere mobile mapping scienze della terra top world apr ambiente lidar webGIS leica geosystems sar ingv geospatial GNSS open source openstreetmap geologia Harris realta aumentata reti tecnologiche cartografia mappe beni culturali metadati e-geos geomax BIM INTERGEO formazione Bentley microgeo realtà virtuale pianificazione smart mobility planetek geomatica Epsilon Italia INSPIRE sensore meteorologia dati terrelogiche catasto uav monitoraggio rischio faro geofisica osservazione della terra copernicus teorema geolocalizzazione hexagon big data codevintec oceanografia mobilita arcgis cnr autonomous vehicle terremoto esri eGEOS technologyforall dati geografici archeologia terremoti cosmo skymed geodesia intelligenza artificiale topografia Here
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps