itzh-CNenfrdeptrues
Forum TECHNOLOGYforALL 2018
Harris
3D Target

Dal Politecnico di Torino sensori innovativi per il monitoraggio delle infrastrutture

E' stato presentato oggi nella sede del Senato della Repubblica il progetto, realizzato dal Politecnico di Torino in partenariato con STMicroelectronics e finanziato dal MIUR, che ha realizzato nuovi sensori ad alta affidabilità e costi contenuti per consentire controlli su larga scala.

Sicurezza, funzionalità, durabilità, robustezza sono le caratteristiche che le costruzioni e le infrastrutture in genere devono garantire nel tempo, nonostante vengano sottoposte progressivamente a condizioni ambientali e di invecchiamento dei materiali. Per mantenere in efficienza e sicurezza le strutture un metodo efficace è il monitoraggio, finora però limitato a impieghi particolari e di notevole rilevanza, per via del costo elevato e della incertezza sulla conservazione nel tempo degli stessi strumenti di misura.

Il progetto biennale finanziato dal MIUR con circa 10 milioni di euro, sviluppato dal gruppo di ricerca del prof. Giuseppe Mancini - ordinario di Tecnica delle Costruzioni del Politecnico di Torino - in partenariato con STMicroelectronics, è stato presentato quest’oggi nella sede del Senato della Repubblica, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture On. Graziano del Rio e del Presidente ANAS, ing. Gianni Armani.

Si tratta di innovativi sensori, già in fase di industrializzazione, di costo molto basso ed elevata affidabilità nel tempo dello strumento di misura, che permetteranno monitoraggi su larga scala. Un’ampia sperimentazione su ponti, gallerie, dighe ed edifici di varia tipologia, sostenuta da molti partner, primo fra tutti ANAS sul Viadotto Italia, è prevista nei prossimi mesi.

I microsensori, progettati da STMicroelectronics per acquisire dati e informazioni secondo i modelli matematici sviluppati dal Politecnico di Torino, permetteranno di valutare più parametri in contemporanea e in tempo reale. Di piccole dimensioni e facili da installare i microsensori potranno essere integrati nelle strutture di nuova realizzazione o applicati facilmente in quelle già esistenti. Alimentati con fonte energetica esterna o autonoma (pannelli solari) opereranno in modalità wireless, con acquisizione diretta dell’informazione o tramite droni, nei casi di difficile accessibilità alle strutture. Il controllo continuo e multiparametrico delle strutture consentirà di programmare interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria tempestivi e puntuali. Si potrà dunque passare dall’attuale approccio “reactive” in cui l’intervento avviene solo dopo che si verifica il danno, a un metodo “proactive”, che consentirà interventi preventivi e conservativi con notevoli risvolti sulla sicurezza ed economia e dunque sulla sostenibilità del processo di mantenimento in esercizio del patrimonio infrastrutturale esistente.
Giuseppe Mancini, ordinario di Tecnica delle Costruzione al Politecnico di Torino ha così commentato: “I sensori sono stati progettati e testati per rilevare vibrazioni, deformazioni e tensioni delle strutture, questi dati valutati in sinergia consentiranno di definire con precisione lo stato di salute delle strutture e gli eventuali interventi da programmare. Il costo contenuto dei singoli sensori consentirà di monitorare in modo pervasivo le strutture”.

(Fonte: Politecnico di Torino)



Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cyp

 

Vedi anche

Trimble Italia
Trimble Italia
Getac palmari e pc fully ragged blindati
ProfiloColore
AeroVision

Naviga per temi

geospatial formazione INTERGEO apr digital geography archeologia droni geofisica Epsilon Italia autonomous vehicle faro agricoltura geodesia mare meteorologia terra e spazio trimble telerilevamento aerofotogrammetria gps dati geografici GIS GNSS geologia termografia mappe spazio protezione civile 3D smart mobility arcgis rilievo 3d smartphone topografia interferometria intelligenza artificiale osservazione dell'universo geolocalizzazione scienze della terra sicurezza progettazione leica geosystems dissesto idrogeologico ict mobilita open data Toponomastica metadati asi cosmo skymed teorema GTER laser scanner ambiente sentinel realta aumentata open geo data tecnologie avanzate smart city technologyforall openstreetmap beni culturali BIM dati storytelling webGIS satelliti infrastrutture big data pianificazione numerazione civica e-geos fotogrammetria galileo modellazione 3d remote sensing lidar geomax FOIF gestione emergenze top world geomatica nuvole di punti stazione totale ortofoto eGEOS posizionamento satellitare open source hexagon top SIFET CAD sinergis qgis osservazione della terra utility terremoti catasto europeo Bentley rndt esri esri italia rilievo sar planetek catasto servizi ISPRA in cantiere rischio ingv misurazione realtà virtuale geoportale topcon cnr oceanografia asita esa flytop Stonex INSPIRE app trasporti Harris tecnologia leica codevintec scansione 3D microgeo terremoto uso del suolo copernicus territorio internet of things mobile mapping reti tecnologiche monitoraggio Here cartografia urbanistica uav autodesk sensore coste cantiere energia ricevitori autocad terrelogiche
VidaLaser

Il video del mese

Planetek ImageryPack
Technology for All

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps