Harris
3D Target

In orbita il satellite Sentinel 2-A

Il secondo satellite del Programma Copernicus, il Sentinel-2A, è stato lanciato la notte scorsa alle 01:52 GMT portando così in orbita una potente camera con le capacità di imaging ad alta risoluzione richieste per il Sistema di Monitoraggio Ambientale dell'Unione Europea.

Il satellite che supera la tonnellata di peso è stato condotto su un razzo Vega (Vettore Europeo di Generazione Avanzata) dallo spazio porto europeo di Kourou, nella Guyana Francese, utilizzato dall'ESA per i lanci in orbita. La prima fase del razzo si è separata dopo 1 min 52 sec dopo il decollo, seguito dal secondo stadio a 3 min 37 sec e il terzo stadio a 6 min 32 sec. Dopo 7 min 42 sec dopo il decollo, lo stadio superiore di Vega ha rilasciato Sentinel-2A nell'orbita eliosincrona stabilita.

I collegamenti tramite telemetria e i controlli d'assetto sono stati poi inseriti dai controllori situati al Centro Operativo dell'ESA a Darmstadt, in Germania, che hanno consentito l'attivazione dei sistemi di monitoraggio di Sentinel-2A. I pannelli solari del satellite verranno aperti subito.

Dopo questa prima fase, che dura in genere tre giorni, i controllori inizieranno il controllo e la taratura degli strumenti situati a bordo del satellite. La missione dovrebbe iniziare ufficialmente dopo tre o quattro mesi, una volta finiti i collaudi delle strumentazioni.

Sei famiglie di satelliti Sentinel costituiranno il nucleo della rete di monitoraggio ambientale Copernico dell'UE. Copernico fornirà informazioni operative sulla superficie terrestre, degli oceani e dell'atmosfera per sostenere politiche ambientali, di sicurezza e per soddisfare le esigenze dei cittadini e di fornitori di servizi.


"Sentinel-2A è il secondo satellite di una costellazione di 20 che scruteranno il pianeta Terra e che andranno a migliorare la capacità di Copernico vistosamente e forniranno ai cittadini europei dei dati più completi per le applicazioni ambientali e di sicurezza disponibili in qualsiasi parte del mondo," ha osservato il Direttore Generale dell'ESA Jean-Jacques Dordain.

Sentinel-2A completerà durante tutte le stagioni, sia di giorno che di notte, le immagini radar fornite dal primo satellite della flotta, Sentinel-1A, lanciato il 3 Aprile 2014.

"Sentinel-2A, con il suo sensore ottico, complementa le immagini radar ottenute da Sentinel-1A", ha dichiarato Volker Liebig, Direttore dei Programmi di Osservazione della Terra dell'ESA. "Esso sosterrà importanti aree di beneficio per la società quali la sicurezza alimentare e il monitoraggio delle foreste."

"La sua combinazione di strisciate larghe e tempi di rivisitazione brevi permetterà agli utenti di visualizzare il cambiamento del territorio e la crescita della vegetazione con una precisione mai vista prima," conclude il Direttore.

I dati saranno open source ad accesso illimitato. I dati grezzi verranno prima analizzati, poi elaborati ed armonizzati dai fornitori di servizi del settore pubblico e privato.

Sentinel-2B, il suo gemello satellitare, è in programma per il lancio a metà 2016. I satelliti Sentinel attualmente in programma sono 14. In seguito, Sentinel-4 e Sentinel-5 saranno trasportati come carico utile su sei satelliti meteorologici.

Fonte: (ESA)

   
 
 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cq8

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

dissesto idrogeologico sinergis planetek progettazione realtà virtuale dati geografici autodesk topcon qgis osservazionedella terra terra e spazio ict FOIF ISPRA INTERGEO fotogrammetria metadati geospatial scienze della terra urbanistica geofisica hexagon big data in cantiere telerilevamento smartphone interferometria geomax infrastrutture droni catasto europeo asita Toponomastica asi mobile mapping apr app utility rischio leica pianificazione gestione emergenze open source flytop intelligenza artificiale storytelling geologia BIM satelliti territorio mobilita spazio uav internet of things geoportale GTER rndt rilievo 3d gps cantiere 3D arcgis realta aumentata CAD coste servizi esri drone top archeologia protezione civile trasporti posizionamento satellitare cartografia sentinel misurazione terremoto Harris catasto leica geosystems webGIS galileo informazione geografica esri italia reti tecnologiche GIS topografia mappe lidar Epsilon Italia tecnologia uso del suolo geodesia dati geospaziali scansione 3D openstreetmap ricevitori terrelogiche sicurezza termografia monitoraggio nuvole di punti oceanografia ambiente open geo data agricoltura stazione totale INSPIRE laser scanner codevintec sensore vidalaser modellazione 3d osservazione della terra formazione copernicus teorema smart mobility cnr sar microgeo dati faro beni culturali slam aerofotogrammetria geomatica Digital Twins osservazione dell'universo digital geography tecnologie avanzate meteorologia remote sensing ortofoto rilievo open data geolocalizzazione ingv energia trimble mare esa cosmo skymed autocad monitoraggio satelitare 3DTarget technologyforall smart city Stonex GNSS
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy